Alimentazione Cani

Alimentazione cani

Per poter avere un cane sano e attivo ed evitare eventuali patologie, è necessario regolare attentamente l’alimentazione dei propri animali. Il cane discende da una famiglia di carnivori e, per questo, nonostante possa considerarsi oggi, ovviamente, un animale onnivoro, egli necessita di un apporto di proteine pari ad almeno il 30 % dei suoi pasti. Una sana e completa alimentazione per i nostri cani comprende, comunque, anche un apporto giornaliero di zuccheri,in particolare zuccheri complessi,come gli amidi, che il cane tende a digerire con più facilità, grassi,vitamine e minerali; per questo, è indispensabile accompagnare la carne, necessaria all’apporto di proteine, del riso o della pasta che possono fornirgli il giusto apporto di zuccheri complessi e fibre. Inoltre è spesso necessario integrare i pasti con degli appositi integratori di vitamine, in quanto le stesse, molto spesso, sono deteriorate dalle lunghe cotture.

Oggi fornire il giusto apporto di questi elementi al nostro cane è ancora più semplice grazie alla diffusione di mangimi secchi ed umidi che garantiscono al cane tutto ciò di cui ha bisogno per la sua crescita.

cani alimentazione cibo

Un menù da cani. Manuale di alimentazione casalinga

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,63€
(Risparmi 1,87€)


Principi generali per una corretta alimentazione

cani alimentazione ciboE’necessario tenere presente delle indicazioni di carattere generale necessarie per una corretta alimentazione.

Innanzitutto, un comportamento da evitare è nutrire il proprio cane con degli avanzi dei propri pasti. In particolare, si considerano “proibiti” alcuni alimenti come quelli molto speziati o comunque particolarmente conditi, i pasti che contengono cipolla o cavoli, contenenti una sostanza che può portare all’anemia e la cioccolata, che può essere molto pericolosa, soprattutto per i cuccioli.

E’ possibile comunque preparare i pasti dei propri animali con cibi della nostra tavola, in particolare sono molto consigliati la carne, il pesce, il latte o il formaggio, la pasta o pane,che possono essere sostituiti dai cereali soffiati.


  • Foto taglia mini Negli ultimi anni la moda, soprattutto degli U.S.A., ha imposto un certo target per quanto riguarda le taglie canine. Target che ha spinto verso una selezione genetica mirata a miniaturizzare sempre p...
  • Foto taglia piccola Nonostante l’ideale di vita di un cane non sia vivere in una casa, i cani di piccola taglia sono, tra tutte le altre tipologie di razze, quelli che più amano la vita domestica. Per meglio dire questi ...
  • foto sezione taglia media L’immensa capacità di integrarsi nella società umana, che tutta la specie canina ha avuto nel corso dei secoli, è alla base di ciò che questi animali rappresentano al giorno d’oggi nei confronti dell’...
  • foto sezione cani grandi Forse tra le razze canine più affascinanti soprattutto per quanto riguarda il portamento, abbiamo i cani di taglia grande (peso tra i 25 kg e i 50 kg). Nonostante tutto questo fascino, non sempre è se...


Alimentazione Cani: Suddivisione dei pasti

Per quanto riguarda la frequenza e l’organizzazione dei vari pasti durante la giornata, è una buona abitudine quella di fornire il pasto sempre alla stessa ora, nella stessa ciotola, finché questa resta utilizzabile, e posizionare la stessa nello stesso luogo, così che il pasto non si trasformi, per il cane, in un momento di stress. I cuccioli ancora non svezzati richiedono un’alimentazione composta da 4-5 pasti al giorno, così come le madri in allattamento, mentre per i cani più grandi sono richiesti solo due pasti al giorno, con un intervallo di almeno 8 ore tra gli stessi. Se si concedono supplementi durante la giornata, è necessario calcolarli parte del pasto giornaliero e quindi ridurre proporzionalmente i pasti stessi; mentre è possibile concedere dei premi, ma essi devono essere diversi dal normale pasto quotidiano,come nel caso di un biscottino o croccantino. Il pasto deve essere tiepido e mai troppo caldo, per evitare un’ ustione delle mucose, o troppo freddo, per evitare cattive digestioni e coliche. Esso deve essere lasciato al suo posto per mezzora al massimo, per far sì che il cane si abitui a determinati ritmi nella sua alimentazione, tenendolo in un luogo tranquillo e appartato, per evitare che il cane sia disturbato durante il pasto stesso.

Per quanto riguarda le quantità, invece, bisogna seguire sempre le indicazioni riportate sulle scatole dei cibi pronti o ,se i pasti sono preparati in casa, bisogna considerare le reali necessità del cane stesso per poter calcolare la quantità di cibo ideale. E’ comunque possibile cercare di verificare la sazietà del cane considerando l’eventuale residuo di cibo nella ciotola. Infatti, se questa risulterà pulita e completamente vuota, vorrà dire che la razione era insufficiente e dovrà essere in seguito aumentata, mentre se i residui sono scarsi vorrà dire che la quantità era quella sufficiente. La presenza di eccessivi resti, infine, implicherà un pasto eccessivamente abbondante che dovrà essere successivamente diminuito. Ogni eventuale residuo di pasto dovrà essere adeguatamente rimosso e la ciotola dovrà essere lavata per evitare che gli stessi avanzi possano ossidarsi o essere inquinati da insetti e simili. E’ consigliato variare l’alimentazione giornaliera per evitare che il cane si stanchi del pasto stesso ed è preferibile far sì che sia nutrito solo da membri della famiglia,così che possa abituarsi a non accettare il cibo da estranei. Infine è necessario cambiare l’acqua nella ciotola almeno due volte al giorno e controllare che essa sia il più possibile fresca e pulita.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: