Allevamento cuccioli

Un cucciolo, pro e contro

Portare a casa un cucciolo, indipendentemente dalla razza, deve essere una scelta ponderata, un cane non è un giocattolo, è un impegno costante, un compagno per la vita.

Prima di tutto bisogna pensare che per i primi giorni non avrete tempo per svolgere le vostre abituali attività, il cucciolo avrà bisogno di un punto di riferimento che sia per lui "il padrone", colui che detta le regole, questo membro della famiglia dovrà necessariamente occuparsi del nuovo arrivato iniziando ad educarlo da subito. Un cucciolo lasciato nelle mani di tutta la famiglia non riconoscerà mai l'autorità, tenderà ad avere lo spirito del capobranco, capriccioso e ruffiano, sempre intento a fare i suoi comodi e a non ubbidire.

Scegliere di prendere un cucciolo, specialmente se si è alla prima esperienza con un cane, non è semplice, un cane adulto che è stato abbandonato o che viene ceduto per varie ragioni è sicuramente più facile da gestire, dal momento che avrà già imparato a fare i suoi bisogni all'esterno, a relazionarsi con gli altri cani e con gli uomini, a stare solo in case e a riconoscere nell'uomo il padrone.

cucciolo di labrador


Rispettare il cucciolo

Guinzaglio per canePer prima cosa, se si sceglie di prendere un cucciolo, bisogna avere la pazienza di aspettare che compia almeno cinquanta giorni, meglio ancora sarebbe aspettare il raggiungimento dei tre mesi di età. Perchè tutto questo? Il cucciolo ha bisogno di restare con la madre e con i fratelli per imparare a relazionarsi, a condividere gli spazi con altri animali, sottrarlo anticipatamente al suo piccolo "branco" equivale a creare un trauma psicologico, il cane da adulto potrà essere eccessivamente "timido" oppure troppo aggressivo, sia nei confronti degli uomoni che degli altri cani, potrebbe quindi avere dei seri problemi di socializzazione. Non solo, l'animale potrebbe non sviluppare l'istinto della caccia e di difesa. Non ha senso quindi farvi sopraffare dalla tenerezza di un cucciolo di poche settimane, meglio attendere i tempi giusti.

  • Cuccioli gatto

    Kitten cat I cuccioli che possono essere svezzati dalla propria mamma sono dei cuccioli fortunati; ma se si trovano degli orfanelli (cosa molto possibile), la cosa ideale sarebbe trovare una mamma gatta da poco...
  • Allevamenti Cane

    allevamento L’allevamento in linea di massima è un luogo costituito da una tenuta all’aperto e una o più strutture chiuse, solitamente fuori dal centro abitato, in cui è presente un complesso ed uno staff qualifi...
  • Cibo per cani 2

    foto cibo cane Gli animali progenitori dei cani erano carnivori, come sono tutt'ora animali come i lupi; la millenaria vicinanza con l'uomo, e con i suoi usi alimentari, ha nel tmepo modificato la dieta del cane, ta...
  • Lapphund

    foto lapphund Il Lapphund, come si può intuire già dal nome, è un cane che ha storia ed origini strettamente intrecciate con la popolazione dei Lapponi. I Lapponi apparvero nella penisola scandinava molte migliaia ...


Educare un cucciolo di cane: nome e bisogni

Educare un cucciolo di cane e allevarlo in maniera corretta equivale a formare un esemplare sano e felice, che garantirà al suo padrone, affetto, sicurezza e fedeltà.

Indipendentemente dal temperamento del cane e della razza ci sono alcune regole da seguire che plasmino e correggano il comportamento del cane per poterlo inoltrare nella società, rendendolo capace di relazionarsi in maniera consona in ogni situazione della quotidianità.

Un cane non sarà mai un umano, è bene rispettare, quindi, quelle che sono le sue naturali tendenze, ma è anche vero che per una convivenza serena l'educazione è fondamentale, un cane lasciato al "suo stato di natura" potrebbe diventare ingestibile e problematico.

Per prima cosa è necessario scegliere un nome, il nome non deve essere solo bello, ma deve rispondere ad una precisa regola educativa, non deve essere eccessivamente lungo e deve essere facilmente scandibile, al vostro richiamo il cane dovrà correre, come se stesse rispondendo ad un comando; è possibile dare un secondo nome, simile ad un vezzeggiativo da utilizzare quando si coccola o si premia il cane, in linea di massima è sufficiente scandire con un diverso tono di voce il nome a seconda che si debba sgridare o lodare il cane.

Appena entrato in casa il cucciolo avrà bisogno di esplorare il territorio, lasciate che lo faccia purchè rispetti i vostri spazi, non fatelo quindi salire su letti e divani, non permettete che salga sulle vostre gambe mentre siete a tavola e via dicendo, ricordate sempre che quello che viene permesso al cane una volta diventa poi un'abitudine difficile da sradicare, siate quindi decisi e sempre coerenti con permissioni e divieti.

Le prime cose di cui dovrete disporre per iniziare ad educare il vostro cucciolo sono: un guinzaglio, dei giornali vecchi o degli appositi tappettini igienici per cani, un collare, dei giochi e dei bocconcini.

La cosa che sconcerta in maggior modo il padrone è dover insegnare al cucciolo a fare i propri bisogni fuori casa, non è una cosa impossibile, ma è necessario rispettare i tempi del cane. Regola numero uno, non picchiarlo in nessun caso, regola numero due non rimproverarlo se non quando lo cogliete in flagrante, il cane non capirebbe il motivo del rimprovero.

Se il vostro cucciolo ha appena fatto i suoi bisogni a terra, spostatelo sopra il giornale o sopra il tappetino igienico o coprite la pipì con un foglio di carta, non stupitevi se dopo qualche ora la vostra casa sarà piena di fogli volanti, pian piano il cucciolo imparerà a fare i propri bisogni sul giornale, quando lo farà premiatelo con coccole e/o bocconcini.

E' bene sapere che il cucciolo è come i bambini, al massimo mezzora dopo i pasti farà i suoi bisogni, portatelo fuori spesso e negli orari giusti e premiatelo quando farà i bisogni all'aperto; se non avete tempo da perdere ogni volta osservate gli atteggiamenti del cane, inizierà ad annusare e a girare intorno ad uno stesso punto, è il momento di portarlo fuori.


Comandi basilari

I comandi basilari che il cucciolo deve imparare sono: "No", "Vieni", "Seduto" e "Fianco". Un cane ubbiedente deve smettere di fare qualunque cosa stia facendo al vostro richiamo, dovrete insegnarglielo voi, con molta pazienza. Quando il vostro cane sta facendo qualcosa che non va, ditegli in tono secco "no" o "fermo", ripetetelo molte volte, in maniera decisa, il cane riconoscerà il tono da rimprovero e smetterà di fare quello che stava facendo, se non lo fa distogliete la sua attenzione o spostatelo ripetendo gli stessi comandi.

Il cane deve poi imparare a venire quando lo chiamate, anche qui vale la regola che il cucciolo deve smettere di fare quello che sta facendo per correre da voi, come fare? Quando il cane si avvicina a voi spontaneamente pronunciate la parola "vieni" oppure prendete il suo giocattolo preferito o un boccino, chiamatelo per nome e ripetete sempre con lo stesso tono "vieni", quando sarà vicino a voi lodatelo e dategli ciò che avevate in mano.

Il comando "seduto" può essere impartito in diversi modi, quando il cucciolo si sarà seduto per conto suo andate vicino a lui e dite "seduto" altrimenti fate una lieve pressione sul dorso del cane per farlo sedere, in alternativa alzate in aria il suo giocattolo preferito o un bocconcino, il cane tenderà ad alzarsi prima sulle zampe posteriori, poi a sedersi, a questo punto dite "seduto", lodatelo e dategli ciò che aspettava.

Il cucciolo fuori casa ha bisogno di esplorare il mondo, tenderà quindi a restare indietro o ad andare avanti per annusare qualcosa, per rincorrere un altro cane o un uccello e via dicendo, tutto normale, ma il vostro cane non deve vivere in totale anarchia, deve imparare a stare al vostro fianco a non strattonare e a non scappare, comprate quindi un guinzaglio corto e riportate al vostro fianco il cane, dicendo "fianco" oppure "qui", ogni volta che si allontana troppo.

Quando il vostro cane avrà imparato questi comandi potrete portarlo a spasso e lasciarlo libero dove è consentito.


Comandi secondari

Esistono poi una serie di comandi non fondamentali che però risultano piuttosto "simpatici" e incrementano il rapporto d'affetto tra padrone e cane. I più comuni sono "il riporto" e "la zampa", per insegnare al vostro cane il riporto prendete un oggetto a lui nuovo, gettatelo ai vostri piedi e quando si chinerà per annusarlo prendetelo e fateglielo odorare, pronunciate in maniera secca il comando "prendi", ripetete l'operazione più volte, il cane inizierà a capire, poi lanciate l'oggetto non troppo lontano da voi, dicendo "prendi" al suo ritorno il cane dovrà riconsegnarvi l'oggetto e dovrà essere premiato.

Il comando "zampa" è relativamente semplice, seduti a terra porgete la mano davanti al cane, lui la annuserà, prendete quindi la sua zampa dicendo "zampa", se il cane giocando poggia la sua zampa sulla vostra mano prendetela e ripetete il comando.

Non pensate di insegnare qualcosa al vostro cane senza premiarlo di volta in volta con un biscotto, un bocconcino o un gioco, con il tempo ai premi verranno sostituite le coccole.


Allevamento cuccioli: Salute del cucciolo

Un cucciolo prima di tutto deve essere in buona salute, il che significa che dovrete portarlo periodicamente dal veterinario e provvedere alle sverminazioni e alle vaccinazioni.

Non dovete assolutamente farlo ingrassare, sarà anche più tenero, ma un cane grasso potrebbe sviluppare dei problemi di salute, vietati quindi pasti extra, avanzi e cibi per uomini, il cane deve mangiare solo gli alimenti consigliati dal veterinario, nelle dosi e nei tempi giusti che variano a seconda della razza e del peso.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: