Antiparassitari per Cani

Cosa sono gli antiparassitari

Sono prodotti e composti chimici organici ed inorganici usati per distruggere i funghi e gli insetti nocivi per gli animali domestici . Oggi in commercio esiste un’ampia gamma di antiparassitari esterni : previa consultazione del proprio veterinario è indispensabile farne uso, perché pulci e zecche non sono – come alcuni credono- semplici “ fastidi” per il cane, ma possono indurre patologie molto gravi. Dunque chi ama il proprio cane deve sempre molto attento alla sua igiene ed attivare la prevenzione antiparassitaria che può evitare molti problemi al suo amato compagno.
gratta cane

Antiparassitario solubile in acqua Neguvon Bayer per cani contro parassiti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,4€


Problemi da parassiti esterni

bagnetto cucciolo I parassiti esterni ( ectoparassiti ), oltre che vettori di altre malattie, sono da considerarsi patogeni per il cane, sia per l’azione depauperatrice, in quanto molti sono ematofogi ( cioè si cibano di sangue ), sia per l’azione di disturbo fisico sulla cute che crea situazioni irritative molto fastidiose per il cane e il proprietario. Pulci, zecche e rogne sono le cause di ectoparassitosi più diffuse e conosciute.

Tali accorgimenti aiutano a mantenere in salute il proprio cane ed a evitare l’insorgenza di altri disturbi, che a volte tali parassiti possono favorire, come per esempio la tenia (veicolata dalle pulci) e la piroplasmosi (indotta dalle zecche.

Le regole per la prevenzione contro questi parassiti esterni sono: mantenere igienicamente pulito l’ambiente dove il cane abitualmente vive utilizzando prodotti specifici; impiegare, secondo schemi prefissati dal veterinario, sostanze antiparassitarie che si trovano in commercio o nello stesso studio del veterinario, atte a ridurre la carica infestante sul cane; ispezionare regolarmente la cute ed il mantello del cane.

    FRONTLINE SPRAY CANI GATTI 100 ML ANTIPARASSITARIO

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,73€


    Malattie da parassiti interni

    E’ causata dal parassita protozoo Babesia canis, che viene trasmessa al cane da un vettore (zecca). Dopo l’inoculazione realizzata dal vettore, il parassita entra nel sangue e va a colonizzare i globuli rossi . I segni clinici sono riferibili allo sviluppo di un’anemia emolitica indotta dal parassita, per il padrone, che magari non è specializzato, i primi campanelli d’allarme sono reazioni febbrile, anoressia, pelle giallastra (l’ittero) di vario grado, urine di colore rossastre. Nelle forme acute l’esito della malattia può essere fatale in un breve periodo di tempo per cui è bene porgere particolare attenzione a qualsiasi cambiamento di stato del proprio cane, al fine di poter ricorrere immediatamente a cure specifiche.

    Per “ prendersi i vermi “ bisogna ingerire le larve : ma è quasi impossibile prevenire totalmente questo problema: il cane annusa, mangiucchia, ficca il naso dappertutto e non è umanamente possibile stargli sempre con gli occhi addosso. Nel caso dei parassiti intestinali , dunque, non è corretto parlare di vera e propria prevenzione del problema: si possono però prevenire gli effetti più gravi intervenendo tempestivamente, il che significa diagnosticare la patologia precocemente. In molti casi la diagnosi può arrivare prima dei sintomi: basta far controllare dal proprio veterinario , periodicamente le feci del cane. Nel caso della filariosi, al contrario, è possibile una vera e propria prevenzione : in parte con l’uso di sostanze repellenti per le zanzare (che veicolano il parassita ), ma soprattutto somministrando al cane, periodicamente, i medicinali preposti a tutelare il cane dall’invasione dei parassiti stessi.


    Patologie trasmesse dalle zanzare

    L’infezione trasmessa dalle zanzare (filariosi cardiopolmonare o dirofiliarosi canina ) è causata da un nematode (I Nematodi sono chiamati anche vermi cilindrici perché presentano un corpo cilindrico a sezione trasversale circolare, differendo così dai platelminti (o vermi piatti) i quali si presentano schiacciati, ed è detta più comunemente “filariosi”. L’habitat normale delle filarie adulte è quello delle arterie polmonari e delle camere destre del cuore: Il parassita adulto raggiunge una lunghezza di 15 – 20 cm. formando delle matasse di vermi all’interno della cavità cardiaca. E’ evidente che la zanzara non può trasmettere al cane un verme di tali dimensioni ma che, tramite la puntura, può trasferire nel sangue del cane solo un parassita di dimensioni microscopiche. Infatti la larva di quello che poi diventerà un verme così lungo, trasmesso dalla zanzara al cane, è lunga meno di 1 mm. Il processo incomincia con una zanzara che punge un cane in cui alloggia una colonia di Dirofiliarie immitis adulte. Le femmine adulte, alloggiate nel cuore e nell’arteria polmonare, dopo la fecondazione liberano nel torrente circolatorio sanguigno del cane le microfilarie di prima età. Queste larve, siglate L1,rimangono nel sangue del cane senza subire alcuna modificazione molto a lungo, anche per due anni. Ad un certo momento, interviene un dittero ematofago (zanzara) che punge il cane e ingerisce le larve L1 assieme al sangue che sta succhiando. Nel giro di tre settimane restando all’interno della zanzara la larva L1 si sviluppa, matura, diventando L2 e poi L3; quando ha raggiunto lo stadio L3 diventa infestante ed è pronta per ritornare nel cane, completando la sua maturazione in parassita adulto. Attraverso la ferita provocata da una nuova puntura della zanzara sulla cute, le larve infestanti raggiungono i capillari linfatici sottocutanei trasformandosi da L3 a L4. A questo punto sono pronte a raggiungere l’atrio ed il ventricolo destro del cuore dove si annidano, interessando anche l’arteria polmonare che porta il sangue dal ventricolo destro verso i polmoni e dove diventano parassiti adulti, quindi pronti a produrre le microfilarie di prima età( L1 ) dando inizio ad un nuovo ciclo biologico del parassita.


    Antiparassitari per Cani: La prevenzione

    Come prevenzione, occorre evitare il contagio procurato dalle zecche con l’utilizzo di prodotti contro gli ectoparassiti e, al rientro da eventuali passeggiate o da una giornata dedicata alla caccia, ispezionare attentamente il cane rimuovendo le eventuali zecche alloggiate sulla cute.

    In commercio , al momento, ci sono ottimi e vari prodotti terapeutici per debellare i parassiti più comuni, essi raramente hanno effetti collaterali. Bisogna comunque portare regolarmente il cane dal veterinario che con dovute analisi provvederà alla prevenzione per la salute del nostro cane o a curarlo in maniera ottimale in caso di eventuale infestazione da parassiti.



    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento: