Vaccino Gatto

Le difese immunitarie nel gatto

Quando un cucciolo nasce mantiene per qualche tempo le difese immunitarie proprie della madre. Ma già a partire dalla nona settimana di vita perdono ogni tipo di immunità per cui si fa urgente la necessità di effettuare i dovuti vaccini. Esistono vaccinazioni che mettono al sicuro i cuccioli e i gatti adulti da malattie altamente pericolose, molte delle quali letali. Parliamo per esempio di panleucopenia felina, rinotracheite e infezione da calcivirus. Per questo motivo in particolare il vaccino è fondamentale per la buona salute del nostro gatto. Statisticamente esiste la possibilità seppur trascurabile che un gatto non vaccinato non contragga mai una malattia per la quale esiste il vaccino ma siccome non si è mai troppo sicuri vaccinare il nostro gatto sin da quando è cucciolo contro tutte le malattie possibili ci farà sicuramente dormire sogni più tranquilli.

Se non bastasse la vaccinazione rafforza il sistema immunitario del gatto perché lo spinge a produrre un maggior numero di anticorpi, uniche armi a disposizione dell’organismo contro le malattie infettive. E’ errato anche pensare che un gatto che vive in appartamento non debba per forza essere vaccinato: esistono alcuni agenti patogeni che non si fermano sul corpo del gatto infetto ma sono capaci di sopravvivere in ambienti ostili e restare attivi per molto tempo. Questo significa che qualsiasi oggetto che lascia casa può essere senza problemi un veicolo della malattia ed arrivare a contatto del gatto anche se questo non è uscito mai dall’appartamento. Un esempio possono essere le scarpe del padrone, o l’ombrello o ancora la borsa.

foto gatto


Tempistiche del Vaccino

immagini gattiIl vaccino ha delle tempistiche precise che variano da patogeno a patogeno. Sarà cura del veterinario tenerne conto e, di conseguenza riportare il promemoria dei richiami sul libretto del micio. Gli intervalli tra un richiamo e l’altro sono assolutamente importanti perché se non rispettati l’effetto protettivo del vaccino si annulla rendendo vana ogni iniezione precedente. Qualunque tipo di vaccino deve essere effettuato necessariamente su gatti sani perché se si inocula un virus in un soggetto già debilitato questi potrebbe attecchire invece che spingere a produrre gli anticorpi. Inoltre se il gatto al momento della vaccinazione non è in piena salute, potrebbe avere problemi ulteriori, legati allo stress del vaccino. Prima di cominciare la serie di vaccini solitamente si attende la nona settimana di vita del cucciolo perché se effettuato prima il vaccino potrebbe reagire malamente con gli anticorpi materni ancora in circolo, se effettuato dopo invece rischia di arrivare troppo tardi.

I primi richiami dei vaccini su un cuccioli solitamente avvengono dopo meno di un mese, più o meno intorno alla terza settimana. A tre mesi il gatto dovrebbe richiamare tutte le vaccinazioni effettuate fino a quel momento, poi una volta concluso il ciclo di vaccinazioni, bisognerebbe richiamarle tutte almeno una volta all’anno per non impigrire il sistema immunitario in attività. Ovviamente anche in seguito tutte le vaccinazioni saranno appuntate, con i relativi promemoria, sul libretto sanitario del micio da parte del veterinario. Questo servirà ad un duplice scopo, al proprietario per non dimenticare l’appuntamento e ad eventuali altri veterinari, per esempio in vacanza, se il gatto dovesse avere problemi di salute. Controllando il libretto il veterinario del momento potrà aiutarsi con la diagnosi escludendo patologie per cui si rende conto che il gatto sia stato vaccinato. Per la vaccinazione dei cuccioli oggi vengono adoperati dei vaccini chiamati “vaccini inattivati o silenti”, servono a non creare reazioni esagerate nel corpo ancora debole del micetto e possono stimolare velocemente il suo sistema immunitario.

  • Leucemia Gatto

    La leucemia felina (FELV) è una patologia non diffusissima per fortuna tra i gatti, ma allarmante perché potenzialmente (e spesso) mortale. Si tratta di una produzione anomala di globuli bianchi (i le...
  • Tigna

    tigna Una delle ragioni che spesso induce i genitori a non tenere un gatto e' il timore che possa trasmettere qualche malattia ai bambini o a loro stessi; è un timore giusto, ma che può essere eliminato seg...
  • Gatto Vomita

    Se il gatto ha degli episodi di vomito, quasi sempre il proprietario sta in ansia per la sua salute anche se non sempre il vomito è un sintomo di qualche patologia seria. È normale che ogni tanto il g...
  • Toxoplasmosi Cura

    La Toxoplasmosi è una malattia il cui nome deriva dal parassita che la causa. Parliamo del Toxoplasma, nello specifico dalla specie Toxoplasma gondii (famiglia dei coccidi), un protozoo che infetta il...


Vaccino Gatto: Quadro Generale e Rischi connessi

Generalmente esiste uno schema preciso secondo cui il veterinario vaccina i cuccioli. Di seguito riportiamo la prassi tipica per le prime vaccinazioni complete nei confronti dei gatti cuccioli. Non ne fanno parte i vaccini contro la Polmonite, perchè questi in alcuni Paesi non sono ancora disponibili, e contro l'Immunodeficienza Felina (FIV), perchè non ne esiste ancora uno in grado di contrastarla.

Nel complesso però solitamente si adotta il seguente protocollo: dopo i 60 giorni di età, vengono iniettati due vaccini tetravalenti, contro herpesvirus, calcivirus, parvovirus e chlamidia, con un richiamo completo dopo circa tre settimane.

Poi viene eseguito un richiamo annuale con un vaccino trivalente contro herpesvirus, calcivirus e parvovirus. Se nel vaccino ci sono i patogeni anche della Clamidiosi, si definisce quadrivalente. Quella contro la Clamidiosi però non è una vaccinazione obbligatoria e solitamente viene effettuata soltanto su soggetti da esposizione o di allevamento. Quando il gatto deve recarsi in un Paese estero assieme al suo padrone è importante che venga inoculato anche il vaccino antirabbico, che non è obbligatorio soltanto per i gatti ma anche per i cani ed i furetti nelle stesse condizioni. Completano la preparazione al viaggio all’interno dell’UE, l’innesto di un microchip di riconoscimento ed il rilascio del passaporto sanitario. La tempistica serena richiede che il vaccino sia effettuato almeno 20 giorni prima del primo viaggio.

Giunto alle 12 settimane, il gattino potrà anche essere vaccinato nei confronti della FIP, peritonite infettiva felina, anche se oggi ci sono voci discordanti sulla reale efficacia di questo trattamento, soprattutto per quanto riguarda il rapporto rischio/beneficio. In effetti parliamo di un vaccino ancora nuovo e non è accertata la completa assenza di effetti collaterali del vaccino a lungo termine. Dunque per questa patologia, che si rileva per il 60% dei casi altamente mortale, l’unica prevenzione disponibile è la pulizia profonda ed il controllo rigoroso di ogni soggetto, in modo da scongiurare qual si voglia rischio di contagio.

Anche per la somministrazione dei vaccini, così come avviene per i farmaci regolari, bisogna stare attenti a eventuali reazioni allergiche e/o anafilattiche. Se dovesse accadere si deve subito ricorre, sotto stretto controllo del veterinario, alla somministrazione di farmaci corticosteroidi, per fortuna l’incidenza nei vaccini casi di reazioni allergiche o anafilattiche è davvero trascurabile. Recentemente alcuni vaccini sono stati accusati di procurare fibrosarcomi, dei piccoli tumori localizzati sul punto di inoculo. Non si tratta però di reale colpa del vaccino in quanto sembra che il problema sia legato ad una altissima sensibilità della cute di alcuni gatti, che diventa particolarmente reattiva all’iniezione di qualsiasi sostanza.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: