Anaconda serpente

Caratteristiche

L’anaconda appartiene al genere Eunectes e comprende quattro specie diverse di serpenti tipiche del continente Americano. Fa parte alla famiglia dei boidi ed è conosciuta anche come ‘boa d’acqua’ per le sue abitudini marine. E’ infatti un abile nuotatore e trascorre gran parte del suo tempo in acqua. Si tratta di un ofide che raggiunge notevoli dimensioni e può arrivare a misurare anche 10 metri per un peso di 200 chili. Ha la livrea di colore verde olivastro con macchie sul corpo e bande scure sulla testa. Le sfumature della pelle però variano a seconda della specie e dell’habitat naturale. Non è un ofide velenoso e uccide le sue prede per costrizione, avvolgendole nelle sue spire e soffocandole fino alla morte. Tende a restare nascosto sott’acqua e ad attaccare le prede mentre queste si avvicinano per abbeverarsi. Una tecnica di attacco resa possibile dalla presenza degli occhi e delle narici sulla punta del muso che gli consentono di vedere e respirare pur sott’acqua. Si nutre di mammiferi e roditori, ma anche di pesci, tartarughe e caimani.

Anaconda

Mano del Rettile della Cobra del Crotalo del Serpente dell'Anaconda Colorata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,2€
(Risparmi 14,2€)


Habitat e distribuzione

Anaconda verde L’anaconda è un ofide originario dell’America meridionale. Vive nelle regioni equatoriali del Sud America a est della Cordigliera delle Ande, in particolare nel bacino del Rio delle Amazzoni e del fiume Orinoco. Il suo habitat naturale è costituito da zone umide e paludose, stagni e fiumi dove trascorre gran parte della sua giornata e dove trova prede in abbondanza. Passa il giorno a riposarsi sui rami o in pozze umide mentre la notte esce per andare a caccia tendendo agguati nascosto sotto la superficie dell’acqua.


  • Boa del madagascar Il Boa constrictor è un grosso serpente appartenente alla famiglia dei Boidi e deve il suo nome alla sua capacità di uccidere le prede avvolgendole con il corpo e soffocandole. Deriva il suo nome dal ...
  • pitone reticolato Il pitone reticolato è tra i serpenti più lunghi al mondo. Appartiene alla famiglia dei boidi e come tutti i pitoni non è velenoso, ma, è abbastanza forte da poter uccidere un essere umano. E’ lungo i...
  • anaconda I cinque serpenti più grandi al mondo appartengono tutti alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte le specie dei pitoni e dei boa e sono il pitone reticolato, l’anaconda verde, il pitone delle rocce...

Serpente 1889 dell'Anaconda della Zebra dell'Elefante di Olimpia di Manifestazione di Barnum

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,8€
(Risparmi 32,8€)


Riproduzione

La stagione degli amori per le anaconde va da aprile a maggio. In questi mesi le femmine emettono un odore particolare che attira i maschi che possono percorrere anche grandi distanze per accoppiarsi. Dopo un breve periodo di corteggiamento avviene l’accoppiamento vero e proprio che si verifica in acqua. Talvolta si verificano anche accoppiamenti di gruppo. Le anaconde sono ofidi ovovipari. La gestazione dura circa 6 mesi alla fine dei quali le femmine partoriscono dai 20 ai 40 cuccioli che misurano già dagli 80 ai 100 centimetri di lunghezza. Appena nati sono già autonomi e autosufficienti e lasciano subito la madre.


Anaconda serpente: Allevamento

L’anaconda è un serpente che può essere allevato in casa, ma, per le sue dimensioni ha bisogno di particolari attenzioni. Occorre principalmente un terrario molto grande in cui deve essere riprodotto l’habitat della palude. Si tratta di un animale che non ama il contatto con l’uomo e non sopporta di essere manipolato. Se infastidito può mordere e attaccare. Non bisogna mai infilare la mano nel terrario per darle da mangiare altrimenti potrebbe associare la mano al cibo e morderla. Nel terrario devono essere presenti almeno due termometri per regolare la temperatura che deve oscillare tra i 28 e i 31 gradi centigradi. La notte può scendere anche a 22 gradi. Essendo un animale acquatico il tasso di umidità è un fattore determinate per la sua salute. L’umidità deve essere compresa tra il 60 e l’80%.




commenti

Nome:

E-mail:

Commento: