Pitone reale

Caratteristiche

Il Pitone Reale è un serpente appartenente alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte oltre che i pitoni anche i serpenti boa. Nonostante all’apparenza possa sembrare alquanto minaccioso a causa della sua lunghezza, in realtà, è un rettile estremamente docile e non velenoso. Può raggiungere una lunghezza media che varia dai 130 ai 150 centimetri ed è caratterizzato da un corpo tozzo che si restringe all’altezza del collo con la testa ben distinta. Come tutti i rettili anche il pitone reale ha abitudini notturne di conseguenza gli occhi sono neri e presentano la tipica pupilla verticale. Il manto è generalmente marrone chiaro con macchie di marrone scuro e con delle bande nere che attraversano tutto il dorso e scendono lungo i fianchi. Il ventre, invece, è bianco con macchioline nere. La testa è scura. Il pitone reale è conosciuto anche con il nome di ‘pitone palla’ per la sua tendenza ad arrotolarsi su se stesso e a nascondere la testa sotto il corpo quando è spaventato.

Come la maggiorparte dei serpenti, i pitoni reali sono carnivori e si nutrono principalmente di topi, uccelli e piccoli mammiferi. Essendo un serpente costrittore morde le prede solo per bloccarle e poi le avvolge con il corpo stritolandole e ingoiandole per intero. Essendo un predatore notturno tende a localizzare le sue prede con dei particolari sensori situati ai lati della bocca con i quali avverte il calore emanato dai corpi. In natura il pitone sospende l’alimentazione quando le temperature minime scendono al di sotto del 22 gradi centigradi.

pitone reale


Habitat naturale

e distribuzione

pitone reale 2 Il pitone reale abita soprattutto nelle savane e nelle praterie dell’Africa centro-occidentale. Predilige i terreni aridi con affioramenti rocciosi sparsi, mentre non apprezza le foreste e le aree con alta densità di alberi e vegetazione.
Vive principalmente nelle regioni occidentali del Senegal, della Costa d’Avorio, in Sudan e in tutto la parte centrale del continente: Gambia, Sierra Leone, Liberia, Nigeria, Camerun e Uganda.

Predilige i climi secchi e caratterizzati da alte temperature. Trattandosi di un animale terricolo, il pitone reale difficilmente abbandona la sua tana sotterranea dove rimane nascosto per gran parte della giornata. Esce solo dopo il tramonto, attivandosi al crepuscolo quando lascia la tana per cacciare le prede e per nutrirsi. E’ un animale molto timido e timoroso, quindi, difficilmente si avventura troppo lontano dalla sua buca sotterranea.

  • Serpenti pitone

    pitone Con il termine ‘pitone’ ci si riferisce ad una specie di serpenti appartenenti alla famiglia dei boidi. Si tratta di grossi serpenti non velenosi che riescono a raggiungere anche i nove metri di lungh
  • Serpenti domestici

    boa constrictor Non esistono veri e propri ‘serpenti domestici’, ma, serpenti che meglio di altri si adattano alla vita in una teca e al contatto quotidiano con l’essere umano. Si tratta di ofidi non velenosi, poco m
  • serpenti australiani

    Taipan dell L’Australia, e più in generale l’Oceania, è il continente dove si ha la più alta concentrazione di animali velenosi al mondo. Ragni, meduse, insetti e serpenti tra i più letali fin’ora conosciuti vivo


Riproduzione

pitone reale 3 I pitoni reali raggiungono la maturità sessuale intorno ai 3 anni di età anche se non sono rari i casi di esemplari attivi già nei primi dodici mesi di vita. Come per tutti i serpenti anche per questo tipo di pitoni la fase dell’accoppiamento è preceduta da un lungo corteggiamento, in seguito al quale il maschio e la femmina si attorcigliano l’uno sull’altro dando luogo all’accoppiamento. La femmina depone le uova dopo circa 35 giorni. La deposizione avviene generalmente la notte e la mattina successiva la femmina si arrotola su di esse per proteggerle e per covarle innalzando la temperatura. Il periodo della cova dura all’incirca un mese e mezzo. Non lascia mai il nido se non per pochissimi minuti, ma una volta schiuse le uova, tende a disinteressarsi completamente dei cuccioli. La covata può variare da un minimo di un solo uovo ad un massimo di undici.


Pitone reale: Allevamento

pitone reale 4 Il suo carattere tendenzialmente timido e docile fa del pitone reale uno dei rettili preferiti dagli allevatori e dagli amatori. In cattività i pitoni devono essere alloggiati in particolari teche, dette terrari in cui devono essere riprodotte le caratteristiche climatiche tipiche dell’habitat naturale. Il terrario non deve essere troppo grande per evitare che il serpente possa sentirsi spaesato e reagire digiunando o diventando aggressivo. In linea di massima basta scegliere un terrario 80x50 cm e alto non più di cinquanta. Bisogna fare molta attenzione alla temperatura raggiunta all’interno della teca che, non deve mai scendere al di sotto dei 29-30 gradi. Il calore deve provenire dalla base, quindi è bene arredarla con tappetini e cavetti riscaldanti che, però, devono coprire solo metà teca, lasciando l’altra metà più fredda. L’umidità deve aggirarsi intorno a valori del 55-65%. Nel terrario è bene anche sistemare una tana stretta e bassa dove il pitone possa rifugiarsi. La base può essere ricoperta con fogli di giornale, carta assorbente e trucioli di legno.

Per quanto concerne l’alimentazione, i pitoni reali non necessitano di mangiare molto spesso. Gli adulti andranno nutriti ogni sette giorni, mentre i baby pitoni ogni 4. Si consiglia l’utilizzo di prede morte e riscaldate. Se non accettano cibo morto allora si può procedere con prede vive facendo attenzione, però, che queste ultime non siano troppo grandi o aggrediscano il serpente ferendolo. Non è necessario integrare la dieta con vitamine o calcio, poichè, assumono tutte le sostanze di cui hanno bisogno direttamente dalle prede. Durante i periodi precedenti alla muta i pitoni possono attraversare fasi di lungo digiuno, ma questo non deve destare preoccupazione.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: