Serpenti del mondo

Caratteristiche

Al mondo esistono circa 2800 specie diverse di serpenti. Le famiglie più numerose, però, sono quelle dei Colubridi, degli Elapidi, dei Viperidi, dei Crotali e dei Boidi. I più diffusi, nonchè innocui, sono gli ofidi appartenenti alla famiglia dei colubridi che vivono in tutti i continenti escluso l’Antartide. Una grande famiglia che abbraccia diverse specie. Ci sono poi i serpenti velenosi che appartengono alle famiglie degli elapidi, dei viperidi e dei crotali, diversissimi tra loro ma accomunati dalla presenza dei ‘denti del veleno’, cavi all’interno per consentire lo scorrere del veleno prodotto dalle ghiandole velenifere. Alla famiglia dei boidi, invece, appartengono i serpenti più grandi del mondo. Questi ofidi non sono velenosi ma uccidono le loro prede per costrizione, ovvero stritolandole nelle spire fino al soffocamento. I serpenti sono accomunati tutti dalla presenza di squame che ricoprono tutto il corpo e che hanno sia funzioni di protezione sia funzioni motorie. I serpenti, infatti, sono sprovvisti di arti quindi per spostarsi devono strisciare e in questo si servono delle squame della pancia. Periodicamente i serpenti fanno la muta, ovvero cambiano la pelle vecchia da cui si sfilano come fosse un calzino e la sostituiscono con una nuova formatasi sotto. I serpenti sono animali a sangue freddo e per questo necessitano di termoregolare la loro temperatura corporea assorbendo il calore dai raggi del sole. Sono animali carnivori e si cibano, in base alla specie e alla grandezza, di mammiferi o di animali a sangue caldo. Sono tendenzialmente ovipari ad eccezione di alcune specie che invece sono vivipare, ovvero, le femmine covano le uova nel grembo e partoriscono i cuccioli subito dopo la schiusa.
boa


I Boidi 'americani'

serpente corallo Alla famiglia dei Boidi appartengono i boa, le anaconde e i pitoni. Sono i serpenti più lunghi del mondo e possono arrivare a misurare dai 60 centimetri fino ai 9 metri di lunghezza, nel caso dell’anaconda o del pitone reticolato. I serpenti di questa famiglia non sono velenosi quindi attaccano le prede avvolgendole nelle spire e soffocandole. L’individuazione della preda avviene tramite particolari fossette, dotate di termoricettori, collocate sul muso che consentono a questi serpenti di localizzare le fonti di calore, anche quelle emesse dagli animali a sangue caldo. I serpenti della famiglia dei boidi vivono principalmente nell’America centrale e meridionale ma, anche in Europa, Africa e Asia. Sono in grado di adattarsi ad habitat diversi che vanno dalle foreste pluviali fino alle regioni desertiche e subdesertiche.

  • Pitone reale

    pitone reale Il Pitone Reale è un serpente appartenente alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte oltre che i pitoni anche i serpenti boa. Nonostante all’apparenza possa sembrare alquanto minaccioso a causa dell...
  • Serpente boa

    Boa del madagascar Il Boa constrictor è un grosso serpente appartenente alla famiglia dei Boidi e deve il suo nome alla sua capacità di uccidere le prede avvolgendole con il corpo e soffocandole. Deriva il suo nome dal ...
  • Vipera italiana

    Vipera del corno Le vipere sono dei rettili appartenenti alla famiglia dei Viperidi. Le vipere italiane sono gli unici serpenti velenosi presenti sul territorio nazionale e si dividono in quattro specie distribuite in...
  • Pitone reticolato

    pitone reticolato Il pitone reticolato è tra i serpenti più lunghi al mondo. Appartiene alla famiglia dei boidi e come tutti i pitoni non è velenoso, ma, è abbastanza forte da poter uccidere un essere umano. E’ lungo i...


Gli Elapidi

Della famiglia degli elapidi fanno parte circa 180 specie diverse di serpenti che comprendono i cobra, i serpenti corallo, il mamba nero, il serpente tigre e il taipan. Fanno parte di questa famiglia i serpenti più letali attualmente esistenti come il cobra reale che, con i suoi cinque metri di lunghezza, è il più grande tra i serpenti velenosi. Il primato del serpente più letale, però, appartiene al Taipan australiano. Le dimensioni di questi serpenti, comunque, variano da specie a specie come anche la pericolosità dei loro morsi. Vivono principalmente in Africa, nell’Asia nord orientale e soprattutto in Australia, mentre sono completamente assenti in Europa. Hanno habitat naturali diversi che variano a seconda se si tratta di ofidi arboricoli, terricoli o fossori. In Africa nella regione circostante al Lago Tanganica vive, invece il cobra acquatico. L’Australia è il continente con la maggiore concentrazione di serpenti velenosi al mondo.


I Colubridi

Quella dei colubridi, con le sue 1800 specie, è la famiglia di serpenti più numerosa al mondo. Vivono praticamente in tutti i continenti escluse le regioni dell’Antartide e dell’Artico. Sono ofidi tendenzialmente innocui, privi di denti del veleno e che uccidono le prede per costrizione come i boidi, anche se alcune specie del sud e del centro dell’Africa secernono un liquido velenoso che può essere letale per l’uomo. I colubridi sono accomunati dalla presenza di squame ventrali e dalla coda allungata che ha anche una funzione prensile consentendo alle specie arboricole di aggrapparsi ai rami degli alberi. Sono ofidi arboricoli che si nutrono principalmente di gechi e camaleonti che ingoiano vive o dopo averle soffocate. Alla famiglia dei colubridi appartengono buona parte dei serpenti italiani.


Serpenti del mondo: I Crotali e i Viperidi

I crotali sono una famiglia di serpenti velenosi che vive principalmente nel continente Americano, dal sud del Canada fino al nord dell’Argentina. Attualmente si conoscono 29 specie di crotali a cui appartengono anche i serpenti a sonagli e i serpenti corallo. Il nome ‘crotali’ deriva dal greco e significa sonaglio, riferendosi al sonaglio di anelli presente sulla coda dei serpenti che viene utilizzato quando l’ofide si sente minacciato per spaventare eventuali aggressori. Hanno dimensioni variabili ma solitamente non superano mai il metro e mezzo. Sono estremamente velenosi e iniettano il veleno grazie ad un unico dente del veleno lungo e aguzzo. Hanno il corpo tozzo e la testa triangolare con la coda corta, come anche gli esemplari della famiglia dei viperidi. Di quest’ultima famiglia fanno parte le vipere, ofidi estremamente velenosi dotati di due aguzzi denti cavi, utilizzati per iniettare veleno nelle vittime. Si cibano principalmente di mammiferi, uccelli e vertebrati. Il loro habitat naturale va dalle foreste tropicali fino alle aree desertiche dell’Africa. I serpenti appartenenti alla famiglia dei viperidi vivono in Africa, in Asia e in Europa.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: