Sterilizzazione cani

Cos'è la sterilizzazione

La sterilizzazione (o castrazione) è la pratica medica grazie alla quale si previene permanentemente la possibilità di riproduzione. Negli animali, essa è eseguita dal veterinario, privato o della ASL (sezione Veterinaria): egli sottopone l'animale ad anestesia generale ed asporta poi gli organi riproduttivi.

Essa può essere praticata su qualsiasi animale, senza problemi di specie, di razza o di taglia.

Essa può avvenire tramite l'utilizzo del bisturi, praticando quindi un'incisione, oppure, negli animali maschi, grazie alla pinza burdizzo, un particolare strumento che blocca l'afflusso di ossigeno ai testicoli e li manda in necrosi, senza quindi incisioni.

Grazie alla conferma di recenti studi americani, al contrario di quel che si pensava fino ad oggi, la castrazione non ha effetto sulla taglia dell'animale. Ne ha, invece, sul peso corporeo e ciò è dovuto al variare dell'equilibrio ormonale e la modifica del metabolismo. Tuttavia, grazie ad un'alimentazione controllata, possiamo tranquillamente tenere sotto controllo il peso dei nostri compagni a quattro zampe. Essa può anche aumentare l'aspettativa di vita nei nostri amici, soprattutto nelle femmine.

È sempre meglio intervenire in età giovanile, poiché le operazioni sono ben tollerate e la ripresa del post-operazione è più rapida.

Le operazioni variano a seconda del sesso dell'animale: orchiectomia per i maschi e ovariectomia od ovarioisteroctomia per le femmine.

La castrazione si pratica non solo agli animali da compagnia, ma anche a quelli di allevamento, per far in modo che la carne mantenga determinate qualità, come la maggiore tenerezza e l'assenza di odori “sui generis” (cioè d'origine sessuale), oppure per aumentarne il peso e quindi la produzione di carne. In questo caso, si preferisce castrare i maschi.

sterilizzazione cani


L'orchiectomia

sterilizzazione caniLa castrazione dei cani di sesso maschile si chiama “orchiectomia” ed è la rimozione dei testicoli.

È considerato un intervento poco invasivo e molto semplice. Essa è possibile già a pochi mesi di vita e ciò può essere utile, in quanto riduce in maniera notevole alcune turbe comportamentali degli animali adulti, come l'aggressività, dovuta alla maturità sessuale ed all'istinto di competizione per la femmina. Tuttavia, essa deve avvenire prima che il cane impari tali atteggiamenti, poiché potrebbe comunque riproporli successivamente. Conviene quindi effettuarla prima della pubertà, cioè prima dei 9 mesi d'età.

  • veterinario cani

    Il veterinario è un medico specializzato nella cura degli animali, sia domestici che selvatici.La scienza veterinaria è, infatti, quella scienza che si occupa, proprio come fa la medicina nei confro
  • veterinario gatti

    foto veterinario Prima di poter dispensare suggerimenti sia di carattere etologico che alimentare sui gatti, sarebbe conveniente fare un discorso generale e riepilogativo sui felidi che possa fungere da base per le no
  • Articoli per gatti

    veterinario gatto Oggi giorno il mercato offre sempre più articoli, anche diversi, per coccolare il proprio gatto. Gli accessori che si possono trovare in un negozio per animali sono tra i più vari; vi si trovano ogget
  • Veterinario

    veterinario Il veterinario è un medico che si occupa della cura dei problemi e delle malattie dei nostri amici a quattro zampe. Siamo soliti associare l’immagine del veterinario a colui che studia e cura gli anim


L'ovariectomia, l'isteroctomia e l'ovarioisteroctomia

La castrazione dei cani di sesso femminile si suddivide in tre: una chiamata “ovariectomia” ed è la rimozione delle ovaie, un'altra chiamata isteroctomia ed è la rimozione dell'utero, e l'ultima chiamata oviarioisteroctomia ed è la rimozione sia delle ovaie, sia dell'utero.

La prima può essere effettuata su una o su entrambe le ovaie; nel primo caso si tratta di ovariectomia monolaterale, nel secondo di ovariectomia bilaterale.

Per quanto riguarda l'isteroctomia, rimuovendo solo l'utero, si incorre meno nel rischio di obesità, poiché gli ormoni continuano ad essere prodotti. Ciò comporta, tuttavia, che i maschi rimangano attratti dalla femmina durante i periodi di calore.

La castrazione femminile è considerato un intervento più invasivo rispetto a quella maschile, ma è comunque relativamente semplice. Anche questa è possibile già nei primi mesi di vita della cagna. Vi è una possibilità di un effetto negativo, cioè l'incontinenza urinaria che può sorgere, ma è una percentuale molto bassa ed è l'unico possibile effetto collaterale. Con la sterilizzazione, anche nei cani di sesso femminile si eliminano alcuni comportamenti più aggressivi, causati dall'istinto di difesa della prole, ed il rischio di false gravidanze, cioè di gravidanze solo a “livello mentale”.


Sterilizzazione cani: I benefici

La castrazione è una pratica utile non solo per eliminare il randagismo ed il sovrappopolamento di canili e gattili, ma anche per scongiurare il pericolo di tumori. Essa infatti previene l'insorgere di tumori testicolari e di patologie prostatiche (nei maschi) e di tumori mammari (nelle femmine). Più l'intervento viene fatto in giovane età, più si riduce il rischio di tumori. Nelle cagne, sterilizzare nella fascia di tempo compresa tra la prepuberalità (prima del primo calore) ed il terzo calore (all'incirca tra i 4 e i 7 mesi di vita), è l'unica terapia preventiva per i tumori mammari.

Inoltre, con la castrazione, si eliminano i comportamenti, talvolta sgradevoli, dei nostri animali quando sono in calore.

È importante, quando decidiamo di adottare un cane, pensare alle possibilità di concepimento. Spesso è utile sottoporlo alla castrazione, se non si possono tenere i cuccioli (ricordiamo che i cani possono partorire da 1 a 15 cuccioli): si evita così di doverli abbandonare nei canili.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


13:10:10 -
salvo - commento su Sterilizzazione cani
Volevo sapere siccome o trovato un cane abbandonato. Ed adesso volevo andare nel canile comunale x fagli il micro cip. E farla sterilizzare. Ma quanto mi viene a costare. Grazie