Gestazione conigli

Maturità sessuale

La maturità sessuale nei conigli varia molto a seconda sopratutto della razza, della stazza e del sesso dell'animale. In maniera molto generica, possiamo però affermare che il coniglio sia pronto all'accoppiamento a 4 mesi per quanto riguarda le femmine di taglia medio – piccola, e intorno ai 5 mesi se l'esemplare in questione è un maschio sempre di taglia medio – piccola. Le razze giganti, invece, sono sessualmente ricettive un po' più tardi: si passa dai 4 mesi e mezzo della femmina fino ad arrivare ai 5 mesi e mezzo (a volte 6) del maschio.

In base al fatto che la maturità sessuale viene raggiunta ad una età non prefissata, sarà d'obbligo riuscire a capire quando la femmina sia pronta per l'accoppiamento prendendo in considerazione la colorazione dei genitali: se questi sono di colore che varia fra in rosso ed il bluastro, allora la coniglia potrà dirsi ricettiva e quindi maggiormente disposta ad accogliere il partner. Al contrario, invece, occorrerà lasciare la femmina ancora in disparte fino a che i tempi non saranno maturi.

Da ricordare, prima di eventuali accoppiamenti, che il coniglio deve avere tutte le vaccinazioni in regola, onde evitare non solo di contagiare un altro animale durante il coito, ma sopratutto di far nascere piccoli malati e che vanno, purtroppo, soppressi in maniera immediata.

Gestazione conigli


Accoppiamento

Gestazione conigliNon esiste un vero e proprio periodo di calore nei conigli, anche se solitamente i maschi sono ricettivi sessualmente durante i mesi che vanno da febbraio a settembre, ma molto dipende dalle condizioni climatiche e dal tipo di ambiante all'intero del quale vivono gli animali. Una volta però raggiunta la maturità sessuale, sia il maschio che la femmina sono pronti e possono accoppiarsi.

La femmina, dal canto suo, non ha un calore vero e proprio, in quanto i conigli sono animali ad ovulazione indotta, quindi la coniglia comincia ad ovulare in seguito al coito.

Se maschio e femmina non vivono nello stesso ambiente e/o gabbietta, allora occorrerà introdurre la coniglia nell'ambiente del maschio e mai il contrario. Se la femmina si mostra sottomessa assumendo la classica posizione lordosi con le orecchie abbassate, allora vuol dire che è pronta per l'accoppiamento, in caso contrario, occorrerà togliere la femmina e provare dopo qualche giorno o settimana.

L'accoppiamento vero e proprio avviene in maniera estremamente veloce: dapprima, infatti, il maschio saltellerà per qualche istante intorno alle femmina, dopodiché avverrà il coito che dura pochissimi secondi. Alla fine, il maschio si stacca dalla femmina e si riversa schiena a terra emettendo un sottile grido.

Dopo qualche minuto, il maschio sarà nuovamente pronto per coprire la coniglia. Solitamente, per assicurarsi che effettivamente la femmina rimanga gravida, si preferisce sempre un doppio salto.

  • Conigli

    coniglio da compagnia Il coniglio è un animale da sempre allevato a scopo alimentare: la sua condizione di preda facile lo ha reso nel tempo lo “spuntino” ideale per le razze animali più grandi e carnivore, e anche l'uomo ...
  • Il coniglio

    Il coniglio Il coniglio è un animale originario dell'Europa del Sud e dell'Africa Settentrionale, conosciuto già all'epoca dei Fenici che, durante i loro viaggi verso il Vecchio Continente, avevano avuto la possi...
  • Coniglio nano

    coniglio nano olandese Il coniglio nano appartiene all’ordine dei Lagomorfi e alla famiglia dei Leporidae. E’ tra i più diffusi animali da compagnia al mondo proprio grazie alle sue dimensioni ridotte rispetto a quelle di u...
  • Allevamento conigli

    Allevamento conigli Il coniglio è da sempre stato uno degli animali da reddito maggiormente impiegato per l'allevamento: ciò accedeva ed accade non solo per la bontà delle carni di questa razza, ma anche perché la fase r...


Gestazione

Gestazione conigliSubito dopo l'accoppiamento, la coniglia va tolta dall'ambiente in cui vive il maschio e posta in un luogo dove possa vivere la sua gravidanza in maniera tranquilla e senza essere disturbata da altri maschi. Se la copula è andata a buon fine, fra il quinto ed il sesto giorno dall'accoppiamento si avrà l'impianto in utero dell'embrione fecondato, mentre la formazione delle varie placente inizierà qualche giorno più tardi, generalmente fra l'ottavo ed il nono giorno. Per la formazione delle placente occorrono, in media, circa 3 – 4 giorni.

Per capire se la coniglia è gravida, oltre ai classici segnali esterni come i capezzoli turgidi, occorrerà sottoporre l'animale ad una visita veterinaria fra il decimo e l'undicesimo giorno dopo l'accoppiamento. Il veterinario, mediante palpazione trans - addominale, riuscirà a verificare la presenza a meno dei piccoli feti, che in questo periodo non sono più grandi di 10 – 15 millimetri. Naturalmente, si sconsiglia la palpazione a chi non è un esperto medico, in quanto manovre sbagliate possono portare all'aborto della cucciolata. Se però la femmina non risulta gravida, questa verrà nuovamente immessa nella gabbia del maschio per un nuovo accoppiamento plurimo.

La gestazione in sé dura fra i 29 e i 31 giorni, ma a volte può accadere che questa si protragga fino al 35esimo giorno di gravidanza.


Gestazione conigli: Parto

Gestazione conigliIl parto è un momento molto delicato per i conigli, pertanto occorrerà che la gabbietta dell'animale sia posizionata in un punto tranquillo, al riparo dai raggi diretti del sole a dal passaggio di troppe persone. Fondamentale è garantire gli spazi giusti per la realizzazione del proprio nido.

Infatti, intorno al 26esimo – 27esimo giorno della gestazione, la coniglia comincerà a realizzare un giaciglio per i propri cuccioli, in modo tale a vere un luogo tranquillo dove partorire. In genere, trattandosi di animali d'allevamento o comunque pet che quindi non hanno la possibilità di reperire in natura gli elementi essenziali per la preparazione del nido, è sempre preferibile immettere nella gabbia paglia e trucioli che poi l'animale sistemerà a proprio patimento. In alternativa, si può realizzare un piccolo nido di paglia e sistemarlo all'interno della gabbia; sarà poi cura della coniglia riempirla con il proprio pelo.

Proprio la deposizione del pelo della coniglia nel nido (che strapperà da sola dal proprio corpo) assicurerà ai piccoli una temperatura costante durante tutto il periodo dell'allattamento, che durerà all'incirca un mese.

Il parto avviene solitamente di notte o alle prime ore dell'alba, e in circa un'ora i piccoli sono già stati ripuliti ed allattati. Il numero dei nati è molto variabile, ma può arrivare ad un massimo di 14 cuccioli.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: