Malattie conigli

Salute e prevenzione

Il coniglio è un animale piuttosto delicato, per il quale occorre molta cura onde evitare che si ammali o che possa sviluppare particolari patologie legate all'incuria. Naturalmente, in questo frangente fondamentale si pone la prevenzione, sia per quanto riguarda le malattie per le quali sono previste vaccinazioni regolari, sia per quanto riguarda lo stile di vita e le attenzioni che andranno riversate sul coniglio.

Prendere nota e trasportare queste nozioni nella realtà assicura al proprio coniglio una vita lunga, ma sopratutto libera da malattie e da problemini vari di salute. Fondamentale è, inoltre, la figura del veterinario.

In questo articolo parleremo delle principali malattie del coniglio, di come si manifestano e di quali siano le potenziali cure preventive da adottare.

Malattie conigli


Mixomatosi

Malattie conigliSi tratta di una malattia mortale per i conigli, per la quale non esistono cure se non la prevenzione attuata mediante vaccino da somministrare all'animale a partire dai 60 giorni di vita e a cadenza regolare, poi, per tutta la vita. La mixomatosi può essere trasmessa sia direttamente da un altro coniglio, sia in via indiretta, attraverso il morso di zanzare, pulci ed altri animali. In alcuni casi, anche oggetti contaminati possono essere veicolo di trasmissione.

Questa malattia colpisce indistintamente sia i conigli domestici che quelli selvatici e per legge, una volta riscontrata la malattia nel singolo soggetto, questo va denunciato ed abbattuto immediatamente L'incubazione del virus dura dai 5 ai 15 giorni e si manifesta con un edema e tumefazione alla testa, alle palpebre e alla regione ano-genitale, associata ad occhi particolarmente arrossati, scolo oculare e febbre. Le tumefazioni che si sviluppano su orecchie, naso e zampe vengono definite pseudo tumori.

Esiste però anche una forma cronica della mixomatosi, che solitamente ha un'incidenza mortale inferiore al 50% dei casi, ma che va trattata con terapia specifica al fine di non pregiudicare ulteriormente la salute del coniglio con l'insorgere di malattie secondarie.

  • Denti coniglio

    Denti coniglio A differenza dei roditori, con i quali spesso viene confuso, il coniglio ha una dentatura differente. Infatti questi presenta due paia di incisivi superiori e due inferiori, i molari e assenza complet
  • Il coniglio

    Il coniglio Il coniglio è un animale originario dell'Europa del Sud e dell'Africa Settentrionale, conosciuto già all'epoca dei Fenici che, durante i loro viaggi verso il Vecchio Continente, avevano avuto la possi
  • Vendita conigli

    Vendita conigli Quando si parla di conigli, occorre sempre precisare se l'animale sarà destinato alla produzione di carne oppure a divenire animali da compagnia. Infatti, proprio in base a tale definizione, verranno
  • Alimentazione conigli

    Alimentazione conigli Essendo il coniglio un animale selvatico addomestico ad uso pet, è normale che l'alimentazione sia uno dei problemi principali ai quali far fronte. Sia infatti un animale da compagnia oppure allevato


Malattia Emorragica Virale (MEV)

Malattie conigliAnche la MEV è una malattia assolutamente mortale per il coniglio per la quale non esiste altra soluzione che la prevenzione. Il vaccino può essere somministrato all'animale prima dei 2 mesi, anche nella nuova formulazione di vaccino polivalente mixomatosi + MEV, che va poi ripetuto ogni anno.

La MEV è una malattia originaria della Cina, ma che si è presto diffusa in tutto il mondo a causa delle modalità di contrazione: infatti, questa malattia si diffonde attraverso un calcivirus che non solo si trasmette per contatto diretto, ma anche per via aerea, attraverso l'acqua, il cibo, con i morsi d'insetto, su abiti e anche su altri animali domestici. Solitamente colpisce i conigli oltre due mesi di vita.

La malattia ha decorso quasi repentino, ed è spesso difficile riuscire a stabilire in anticipo che effettivamente si tratti di MEV in quanto l'incubazione del virus dura solo due giorni. Poi il coniglio diventa improvvisamente depresso, letargico, e presenta febbre, cianosi e tachipnea. L'incidenza della morbilità è pari al 70 – 90%, mentre la mortalità si attesta sul 100% del totale dei soggetti affetti.


Malattie conigli: Pododermatite e parassiti

Malattie conigliSebbene non si possano raccogliere tutte in un solo articolo le malattie dei conigli, concludiamo parlando di due patologie purtroppo molto diffuse e che, in questo caso, dipendono solo dall'incuria dell'uomo nei confronti del proprio animale domestico. La pododermatite e i parassiti sono alcune di queste.

La pododermatite, come si intuisce dalla parola stessa, è una patologie che interessa le zampe dell'animale. Questa si sviluppa per vari motivi: gabbia da fondo inadeguato, lunga permanenza all'interno della gabbia senza mai uscire, obesità dell'animale, sedentarietà. Tutte queste condizioni portano l'animale a ferirsi le zampe, in particolar modo quelle posteriori, con il risultato di provocarsi gravissimi infezioni, che se non curare in maniera tempestiva si possono concludere con l'amputazione di una o di entrambe le zampe e, in alcuni casi più seri, possono portare addirittura alla morte.

Per evitare tutto ciò, al coniglio va garantita una gabbia dal fondo adeguatamente costruito, un'alimentazione sana ed equilibrata e sopratutto la possibilità di uscire liberamente per poter fare del sano movimento.

I parassiti, invece, sono altri nemici del coniglio che causano sere malattie. Ne esistono, esattamente come per l'uomo, di interni ed esterni. Fra i parassiti interni, molto pericolosi sono i coccidi, che si trovano nell'intestino e che colpiscono sopratutto i giovani conigli, provocandogli una diarrea molto acuta che li porta in brevissimo tempo alla morte. In questo caso, molto importante è tenere sotto controllo la formazione delle feci dell'animale e seguire la profilassi preventiva suggerita dal veterinario.

I parassiti esterni come pulci, acari, ecc. possono provocare malattie serie e molto fastidiose come la rogna e la miasi. La prevenzione in questo caso è fondamentale, somministrando all'animale l'antiparassitario (quasi sempre ad uso esterno) suggerito dal veterinario.


Guarda il Video

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: