Criceto riproduzione

Riproduzione

I criceti sono dei roditori molto prolifici e in cattività possono riprodursi anche per tutto l’anno. In natura la stagione degli amori coincide con la primavera e i piccoli vengono alla luce all’inizio dell’estate quando c’è una maggiore disponibilità di cibo. Le femmine sono sessualmente mature già dopo poche settimane di vita e diventano sterili a un anno e mezzo. I criceti siriani e siberiani possono accoppiarsi già a trenta giorni mentre i Roborovsky solo intorno ai due/tre mesi. La gestazione dura circa due settimane. Quando la femmina va in calore, si ha un inturgidimento della vulva. Il calore dura quattro giorni e l’ovulazione avviene di sera. La femmina va in calore ogni quattro giorni per circa due ore e nelle ore notturne è particolarmente fertile, questo perché in natura i criceti sono animali crepuscolari, attivi soprattutto dopo il tramonto. Nei criceti russi e siberiani la femmina entra in calore già ventiquattro ore dopo il parto. Il criceto Roborovsky può avere anche quattro gravidanze all’anno. La distinzione dei due sessi è molto semplice poiché i maschi hanno dei testicoli molto voluminosi ed evidenti. Nella maggior parte delle specie la cura dei piccoli è affidata solo alla madre, un’eccezione è rappresentata dal criceto russo con il maschio che aiuta la femmina nelle cure parentali. Negli altri casi è consigliato togliere il maschio dalla gabbia dopo l’accoppiamento per evitare che la femmina lo aggredisca.
criceto riproduzione

Stone-Lite - Statuetta - Porcellino d'india a pelo lungo - tre colori - 17 x 9 x 9 cm - realistico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,99€


Accoppiamento

L’accoppiamento vero e proprio è preceduto da un preciso rituale di corteggiamento. Il maschio si avvicina alla femmina in calore e comincia ad annusarla e a leccarla sulla testa e sui genitali. Approcci che sono ricambiati dalla femmina che finita la fase dei ‘preliminari’ assume la posizione per l’accoppiamento allargando le zampe posteriori e alzando la coda. Il maschio quindi la monta salendo in groppa e reggendosi sui suoi fianchi con le zampe anteriori. L’accoppiamento è molto veloce e dura solo pochi secondi. Dopo l’accoppiamento bisogna lasciare il maschio nella gabbia della femmina ancora per qualche ora, poiché, si possono avere altri approcci. Il maschio va tolto dalla gabbia quando la femmina comincia ad aggredirlo, segno che la fase del calore è terminata. Dopo ogni accoppiamento il maschio si pulisce accuratamente i genitali. In cattività è sconsigliato far riprodurre i criceti prima dei tre mesi di vita.


  • criceto Con il termine criceto si indica una particolare sottofamiglia di roditori che conta circa diciotto specie divise in sette generi. Caratteristica e peculiarità dei criceti sono le due tasche guanciali...
  • criceto russo Il criceto russo, noto anche come criceto di Campbell è un roditore originario delle fredde steppe siberiane. I criceti russi sono lunghi appena 10 centimetri e pesano mediamente 40 grammi. Il corpo è...
  • criceto siberiano bianco Il criceto siberiano è originario delle steppe dell’Asia centrale. Noto anche come ‘White Winter’ per la sua capacità di diventare completamente bianco durante l’inverno, il criceto siberiano è un rod...
  • gabbia criceto La regola principale da rispettare quando si decide di allevare un criceto è quella di allestire per lui una gabbia sufficientemente grande per ospitarlo comodamente. La gabbia va posizionata in un lu...

Stone-Lite - Statuetta - Coniglio ariete - marrone - 22 x 14 x 15 cm - lavorazione dettagliata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


In gravidanza

Criceto riproduzione La femmina del criceto può portare avanti anche più di una gravidanza l’anno, poiché entra in calore già pochi giorni dopo il parto. Durante la gravidanza bisogna nutrire maggiormente la mamma. La gestazione dura dalle due alle tre settimane a seconda della specie di appartenenza. In questa fase la femmina prepara il nido per dare alla luce i suoi cuccioli. In cattività il nido sarà costruito all’interno della casetta posta nella gabbia, in natura invece cercherà un posto riparato all’interno della tana. Per la preparazione del nido in natura vengono utilizzate foglie, fili di erba, peli e tutto quanto a disposizione per poterlo rendere più confortevole. In cattività, quindi, si dovranno fornire alla femmina pezzetti di stracci e di carta con cui foderare la casetta. Lo stato di gravidanza diventa evidente solo dopo il decimo giorno, quando si nota un ingrossamento dei fianchi della cricetina e anche i suoi movimenti diventano più lenti. In questa fase passa molto tempo nel nido.


Criceto riproduzione: Il parto

Il parto è un momento molto delicato che la femmina affronta da sola dopo aver scacciato il maschio. . In prossimità del parto la femmina non deve essere disturbata. Solitamente avviene di notte e dura meno di mezz’ora. La femmina del criceto da alla luce tra i quattro e i 12 piccoli, a seconda della specie. I criceti appena nati sono grandi solo pochi centimetri, nudi, rosa e ciechi, ma già provvisti di denti incisivi. I piccoli nascono uno per volta e vengono subito accuditi dalla madre che li pulisce leccandoli e provvede a recidere il cordone ombelicale con i denti. I piccoli nascono a intervalli e a volte la madre partorisce fuori dal nido, ma, in seguito provvederà a riunire tutti i cuccioli nello stesso posto. A parto concluso viene espulsa la placenta che viene ingerita per avviare la produzione del latte. Appena nati, i cuccioli cercano subito le mammelle della madre per mangiare. La femmina del criceto ha due file di mammelle disposte lungo la pancia. Ogni fila dispone di 8-10 mammelle. Non bisogna mai toccare i piccoli quando sono nel nido poiché si corre il rischio che la madre non riconoscendone più l’odore li scacci o addirittura li divori. I piccoli vengono nutriti di solo latte fino a 5 giorni, poi iniziano a seguire anche una dieta solida. In questa fase è ancora la madre che li nutre. Restano nel nido fino a due settimane quando aprono gli occhi. Lo svezzamento completo avviene a ventuno giorni. A un mese i piccoli vanno allontanati dal nido e i maschi e le femmine vengono separate. A questa età, infatti, i criceti femmina raggiungono la maturità sessuale, mentre per i maschi bisognerà attendere ancora due settimane.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: