Furetto in regalo

vedi anche: Il furetto

Dove trovare un furetto in regalo

I furetti sono animali domestici molto impegnativi da accudire e allevare. Non è raro quindi che persone inesperte, dopo aver acquistato un furetto, si rendano conto di non essere in grado di gestirlo e quindi decidono di rivenderlo o darlo in regalo a qualcuno che sappia prendersene cura. Se si è alla ricerca di un furetto in regalo, ci si può rivolgere sia ad allevatori durante il periodo delle cucciolate o cercare su internet che, da questo punto di vista, rappresenta il canale privilegiato per lo scambio di animali da affezione. Basta visitare i vari blog e siti dedicati all’allevamento dei furetti e cercare tra i vari annunci postati in bacheca da altre persone che, per vari motivi, decidono di dare in regalo il proprio furetto. Nel periodo della riproduzione si può anche riuscire ad adottare un furetto cucciolo. Molti possessori di furetti, infatti, quando la propria femmina partorisce preferiscono regalare o dare in adozione i cuccioli appena nati ad altri appassionati anziché rivenderli. Esistono anche associazioni che si occupano di dare in adozione furetti abbandonati o provenienti da cucciolate numerose, in maniera del tutto gratuita. I siti su cui cercare un furetto in regalo sono numerosissimi e in questo caso valgono le raccomandazioni per qualsiasi acquisto on line di animali, non fatevi mai spedire l’animale come se fosse un pacco, ma recatevi personalmente a ritirarlo accertandovi in questo modo anche delle condizioni dell’animale.
furetto domestico


Evitare raggiri

Quando si decide di acquistare o di adottare un furetto in regalo bisogna stare molto attenti a evitare raggiri da parte di negozianti e allevatori senza scrupoli. La scelta migliore, in questi casi, consiste nel rivolgersi a un allevamento specializzato dove, a differenza dei comuni negozi di animali, si possono avere garanzie sulla genealogia dei furetti. Gli allevatori specializzati, infatti, evitano gli accoppiamenti tra consanguinei da cui spesso nascono furetti malati. Prima di prendere con sé un furetto bisogna accertarsi che siano state effettuate tutte le vaccinazioni necessarie e che l’animale sia stato abituato al contatto con l’uomo, altrimenti potrebbe risultare troppo aggressivo e difficile da gestire. Si può anche adottare un esemplare direttamente da un privato e in questo caso bisogna conoscere bene e fidarsi della persona che sta regalando l’animale. Su internet esistono, infatti, diversi forum specializzati nello scambio di furetti tra privati. Si consiglia sempre di recarsi personalmente a costatare le condizioni dell’animale prima di procedere all’adozione.

  • Il furetto

    furetto Mustela putorius furo, letteralmente ‘faina puzzolente ladra’, è questo il nome scientifico del furetto, un mammifero creato in seguito all’addomesticazione della puzzola europea, chiamata appunto Mus...
  • Ghiro

    Ghiro Il ghiro è il nome comune del Glis glis, un piccolo roditore della famiglia dei Gliridi, di cui è la specie più grande. Il ghiro negli ultimi anni sta conoscendo una notevole diffusione come animale d...
  • Vendita furetti

    furetto I furetti poiché frutto della selezione della puzzola selvatica non sono considerati una specie selvatica e non è presente in natura sul territorio nazionale. Per tutte queste ragioni i furetti non so...
  • Furetto domestico

    furetto domestico Il furetto, in quanto frutto dell’addomesticamento della puzzola europea, è una specie prettamente domestica. E’ molto raro, infatti, trovare furetti allo stato selvatico e anche in questo caso la for...


Legislazione

e abbandono

furetto in regalo I furetti non sono una specie selvatica, bensì animali domestici in quanto frutto dell’addomesticamento della puzzola, e come tali non figurano tra le specie a rischio di estinzione e quindi tutelati dalla legge 157/92. La vendita e lo scambio di furetti, quindi, sono perfettamente legali anche se disciplinata da una serie di normative collaterali. L’articolo 727 del codice penale, ad esempio, che punisce il maltrattamento e la detenzione di animali in condizioni non conformi alle loro caratteristiche naturali, viene applicato anche alla detenzione dei furetti. Sia che vengano venduti o che siano dati in regalo, i furetti devono essere detenuti in buone condizioni. I furetti in regalo sono numerosi anche perché l’abbandono in natura dei furetti è severamente vietato dalla legge italiana. L’introduzione dei furetti in natura, infatti, determina significativi rischi per la conservazione della fauna e della flora locale. La legislazione vigente, infatti, punisce l’introduzione di specie non autoctone sul territorio italiano per il rischio di distruzione degli ecosistemi e degli habitat delle specie autoctone. Il rilascio dei furetti in natura può, infatti, determinare dei rischi per la conservazione della puzzola, specie autoctona e a rischio estinzione. I furetti, inoltre, cibandosi di piccoli invertebrati possono causare una diminuzione degli insetti di cui si cibano anche altri predatori autoctoni italiani mettendone in pericolo la sopravvivenza.


Furetto in regalo: Costi di mantenimento

I furetti possono costare in media dai 130 ai 200 euro a esemplare. Questo prezzo può essere influenzato da diversi fattori che possono farlo diminuire o lievitare. Se si riesce a trovare un furetto in regalo, sicuramente, si ha un notevole risparmio, ma, bisogna essere consapevoli che se si decide di allevare questo piccolo mustelide domestico si dovranno affrontare molte altre spese relative al suo mantenimento. Tali costi riguardano l’acquisto della gabbietta in cui ospitarlo, unitamente a tutti gli accessori. La gabbia per furetti solitamente è divisa in due piani. Al piano inferiore bisognerà allestire una sorta di lettiera per i bisogni e al piano superiore costruire una cuccetta o una piccola amaca dove possano dormire. All'interno della gabbia bisogna poi posizionare tutta una serie di accessori indispensabili: ciotole per il cibo e per l’acqua, lettiera e i vari giochi. A questi costi si devono aggiungere i costi del veterinario. I furetti richiedono una visita di controllo ogni sei mesi. Se non si intende farli accoppiare, inoltre, bisogna sterilizzare i furetti per evitare il pungente odore che sprigionano quando vanno in calore. Ci sono, infine, le vaccinazioni: tre il primo anno seguite poi dai richiami annuali. In caso di malattie o infezioni, naturalmente, i costi lievitano ulteriormente.


  • furetto domestico

    furetto domestico Il furetto, in quanto frutto dell’addomesticamento della puzzola europea, è una specie prettamente domestica. E’ molto r
    visita : furetto domestico
  • furetti domestici

    furetti domestici I furetti poiché frutto della selezione della puzzola selvatica non sono considerati una specie selvatica e non è presen
    visita : furetti domestici

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: