Barzoi

Barzoi

Il Barzoi è un levriero di origini russe che con grande probabilità è strettamente legato al Saluki o Levriero persiano. Sulle origini del Barzoi esistono principalmente due ipotesi. La prima sostiene che il Barzoi sia nato dall’incrocio tra un Levriero persiano ed una cane da pastore russo, per poi ricevere anche un forte apporto genetico dal Greyhound e formare la razza attuale. La seconda ipotesi invece vorrebbe il Barzoi frutto di un incrocio, effettuato nel XVI secolo dopo la conquista del Kazakistan da parte d Ivan il Terribile, tra cani di razza Sloughi (Levrieri d’Asia) e Laika, dei cani a pelo lungo russi. Al di là delle teorie sulle vere origini del Barzoi una cosa è certa: già nel XVII secolo la razza era omogenea e affermata in tutto il territorio russo.

A quell’epoca il compito principale del Barzoi era la caccia, anche se in assoluto era la caccia al lupo l’attività per la quale questa razza veniva più utilizzata: tramite dei segugi il lupo veniva stanato e condotto in delle radure dove delle mute di Barzoi lo attendevano, pronte ad aggredirlo ed immobilizzarlo in attesa dei cacciatori.

Nel XVIII secolo iniziò un periodo di declino per il Barzoi, che perse di importanza e diminuì sempre più di numero in Russia e così, verso la fine di questo secolo, diverse persone cercarono di evitare la scomparsa della razza tramite il rilancio della caccia ad inseguimento con il Barzoi. Al di fuori della Russia questa razza è comparsa solo nel XIX secolo ed il suo arrivo in Europa occidentale ha coinciso con l’inizio della modifica della razza, specialmente a causa di allevatori inglesi che fecero diversi incroci per ottenere dei cani con il mantello meno folto. Tuttavia la purezza originale della razza è stata ripristinata ed il Barzoi è tornato al suo aspetto iniziale. Al giorno d’oggi questa razza non viene più utilizzata per la caccia al lupo ma per la caccia alla volpe ed alla lepre, anche se più spesso il Barzoi ha il ruolo di animale da compagnia.

foto barzoi

Collie Agricole 1892 di Corridoio dell'Esposizione Canina Terrier Barzois

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,7€
(Risparmi 10,7€)


Caratteristiche del Barzoi

Il Barzoi è conosciuto per essere un cane molto elegante, sia nel portamento che nel carattere. Molto affettuoso con il padrone, è invece molto distaccato con chi non conosce, al punto quasi di allontanarsi quando vede degli sconosciuti. Inoltre è un cane molto pulito che ama i comfort dei salotti e delle poltrone della case, dove passa ore ed ore a riposare seduto in un angolo. Nonostante il suo feeling con i salotti, quando è all’aria aperta questo cane si trasforma e diventa una vera e propria bomba di energia. Il movimento è molto importante per questa razza, abituata da sempre a correre e a fare diverse attività, ed è quindi molto importante che il padrone porti frequentemente il cane a spasso oppure a correre.

Conosciuto inizialmente come cane da caccia, al giorno d’oggi il Barzoi è utilizzato come cane da compagnia anche se non è uno dei cani migliori per i bambini piccoli: se è vero che non è pericoloso, è anche vero che non sopporta molto i dispetti, gli strattoni e gli scherzi dei più piccoli. Come cane da guardia, conserva ancora un buon senso del territorio e parte dell’aggressività che aveva ai tempi della caccia al lupo, anche se non è più così forte e pericoloso.

Standard del Barzoi

Cane di taglia grande e di portamento molto elegante ed armonioso. La testa è stretta e lunga, triangolare di profilo, va restringendosi verso l’estremità ed il tartufo. Il cranio è piatto, stretto, con occipite marcato mentre il muso è lungo e magro e termina con un tartufo di buone dimensioni e sempre scuro. Gli occhi del Barzoi sono stretti e lunghi, a mandorla e di colore scuro. Le orecchie invece sono piccole ed a punta ma portate basse e con l’attaccatura alta. Il corpo del Barzoi ha il dorso ad arco ed un torace lungo e profondo, con petto non molto evidente e groppa lunga e muscolosa che scende gradualmente verso gli arti posteriori. La coda del Barzoi ha l’attaccatura bassa ed è a forma di sciabola e dotata di lunghe frange di peli. Gli arti anteriori sono lunghi, magri ma muscolosi. Gli arti posteriori sono anch’essi lunghi ma più muscolosi degli anteriori con cosce lunghe e forti. Il mantello del Barzoi è lungo, morbido ed ondulato. Il colore può variare dal bianco al giallo con molte sfumature possibili. Il Barzoi è alto da 70 ad 82 cm al garrese e può pesare da 35 a 45 kg.



    Alimentazione del Barzoi

    Il Barzoi è un cane di taglia grande che ha bisogno di mangiare parecchio e la sua razione alimentare si aggira intorno ai 600-700 g di alimento secco al giorno. Nei cuccioli di Barzoi la razione va suddivisa in 3 pasti mentre negli adulti si danno solitamente due pasti.


    Malattie del Barzoi

    Il Barzoi è un cane che vive nel complesso di buona salute e la sua vita è in media di 12-13 anni. Il pelo, lungo e folto, va spazzolato e pettinato spesso ed è l’unica cura di cui questa razza ha bisogno. Da cucciolo è meglio portarlo dal veterinario per una visita generale e per affrontare i vaccini opportuni.




    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento: