Bracco Ungherese

Il Bracco Ungherese

La storia del Bracco Ungherese ha inizio molti secoli fa, nell’896 d.C., quando un popolo nomade conosciuto con il nome dei Magiari si insediò nelle vaste pianure dell’Europa orientale, più precisamente in quel territorio pianeggiante che fa oggi parte dell’Ungheria. Conosciuto anche con il nome di Vizsla e rimasto ignoto sino agli anni settanta in Europa occidentale e oltre oceano, il Bracco Ungherese accompagnò questo popolo nomade nei suoi spostamenti per poi stabilirsi in Ungheria. Secondo altri cinologi invece, il Bracco Ungherese era già presente nel territorio ungherese all’arrivo dei Magiari e fu solo addomesticato da quest’ultimi.

Le prime documentazioni riguardanti il Bracco Ungherese risalgono al XVI secolo, ma è sotto l’Impero Austro-Ungarico che questa razza incomincia ad essere riconosciuta ed allevata con scopi venatori. In questa fase però, la struttura e le caratteristiche del bracco subirono una notevole influenza di razze da caccia tedesche, come il Kurzhaar ed il Weimaraner, che ne mutò parzialmente l’aspetto. Un’altra influenza molto rilevante fu quella del XIX secolo, causata dal diffondersi delle razze inglesi di cani da caccia come Pointer e Setter, che provocò un’ulteriore cambiamento nelle caratteristiche del cane. Queste forti influenze di cani esteri hanno reso da sempre problematico il riconoscimento della razza, sempre messa in dubbio da una folta schiera di cinofili che sostengono che il Bracco Ungherese sia stato originato più da incroci tra i cani citati precedentemente che da un’effettiva presenza sul territorio. Comunque nel 1935 la F.C.I. ha riconosciuto la razza e sono stati fissati due diversi standard: il Bracco Ungherese a pelo corto ed il Bracco Ungherese a pelo forte.

foto bracco ungherese

Tazza da Caffè "Bracco Ungherese" Realizzata a Mano (10cm x 8cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36€


Caratteristiche del Bracco Ungherese

Il Bracco Ungherese è da sempre stato utilizzato come cane da caccia, spesso da ferma ma comunque polivalente. Negli ultimi anni si è diffuso anche come cane da compagnia per le sue abilità con i bambini, per la sua dolcezza e per la sua obbedienza e perché si adatta bene alla vita di famiglia. Considerato facile da addestrare, necessita di maniere dolci ed accurate perché è più sensibile di altre razze alla violenza ed alle maniere forti. Molto bravo nel riporto, cerca al galoppo, solitamente a testa alta ed ha un naso ottimo. Il Bracco Ungherese è un cane resistente ed instancabile con alcune differenze tra le due varietà che vanno oltre il semplice aspetto estetico. A volte viene anche utilizzato come cane da guardia perché è sempre molto attento e segnala con forti latrati la presenza di estranei nella proprietà.

Di grande adattabilità, può essere tenuto anche in case piccole o in appartamenti ma ha bisogno delle sue ore quotidiane di movimento all’aria aperta.

Standard del Bracco Ungherese

Bracco Ungherese a pelo forte

Di taglia media,il maschio è alto al garrese da 58 a 62 cm mentre le femmine vanno dai 54 ai 58 cm. Di ossatura più robusta e generalmente più muscoloso dell’altra varietà a pelo corto, ha una testa proporzionata e un muso di poco più corto del cranio. Gli occhi, di forma ovale, sono dello stesso colore del mantello, marrone chiaro, mentre le orecchie sono attaccate a media altezza, non troppo grandi e attorcigliate. Il tronco è forte, proporzionato con dorso corto e dritto, leggermente arrotondato verso la coda. Gli arti anteriori sono dritti, robusti di ossa ma asciutti mentre gli arti posteriori sono muscolosi ed angolati. Il mantello è a pelo corto sul muso con una specie di barbetta sul mento, mentre su arti e dorso è di media lunghezza, duro, ruvido e folto. La coda è attaccata bassa, robusta e si assottiglia andando dalla base all’estremità.

Bracco Ungherese a pelo corto

Anche la varietà a pelo corto è di taglia media ma nel complesso è più leggero di costituzione, più equilibrato e più armonico nell’insieme. La testa è più spigolosa con un cranio più largo ed un muso lungo e largo che termina con un tartufo importante con narici molto aperte. Gli occhi sono meno ovali del precedente e le orecchie sono sempre di taglia media ma collocate più indietro. Il tronco è robusto e vigoroso con dorso corto, dritto e potente. Gli arti sono sempre dritti e muscolosi con i posteriori muscolosi ed angolati. Il mantello ha pelo corto, dritto e ruvido, con pelo delle orecchie e del muso più corto mentre la coda è attaccata bassa, grossa alla base si assottiglia all’apice. L’altezza al garrese è di poco inferiore: da 56 a 61 cm nei maschi e da 52 a 57 cm nelle femmine.


    Fancy a Snuggle - Cover posteriore rigida a clip per Apple iPhone 4/4S, cane bracco ungherese Vizsla

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,07€


    Alimentazione del Bracco Ungherese

    Il Bracco Ungherese da adulto ha un peso medio che va dai 22 ai 27 kg e necessita di un’alimentazione che oscilla tra i 400 ed i 500 g di alimento completo al giorno. Nei cuccioli la razione giornaliera va divisa in 3 pasti, mentre negli adulti in 2. La dieta deve essere bilanciata, completa e sana.


    Malattie del Bracco Ungherese

    Nel Bracco Ungherese vanno fatte le normali vaccinazioni per i cuccioli contro svariate malattie infettive: cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Inoltre le sverminazioni (trattamenti contro l’insorgere di vermi nello stomaco dell’animale) vanno eseguite annualmente. Il pelo del Bracco Ungherese non ha bisogno di particolari cure ed attenzioni. Nonostante le ottime condizioni di salute di cui gode, e la durata della vita media che si aggira sui 12 anni, il Bracco Ungherese può essere afflitto con una certa frequenza da displasia dell’anca e da atrofia progressiva della retina.



    Guarda il Video

    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento: