Bulldog

Il Bulldog

La storia del Bulldog è strettamente collegata a quella dei tori, ed in particolare a due attività per le quali venivano usati gli antenati di questo cane. Nell’antichità era usanza fare correre il toro prima di macellarlo per ottenere carne di migliore qualità, e per questo compito venivano impiegati dei mastini di piccola taglia ma forti. Ma gli antenati del Bulldog, si diffusero incredibilmente quando, verso la fine del medioevo, nacquero i combattimenti tra Toro e cane. Quando nel 1272 vennero emanate in Inghilterra le “leggi della foresta”, che vietavano ai contadini di avere Mastiff di grandi dimensioni, oppure di tenerli ma con le zampe mutilate di tre dita, contadini e paesani cercarono dei cani di taglie più piccole per continuare i combattimenti. Cercando dei cani piccoli e combattivi, dopo diversi incroci, diedero vita al Bulldog. Già dal XV secolo comparvero numerose segnalazioni di questi cani di piccola taglia con il mantello chiazzato, tenaci e audaci nei combattimenti. Il termine Bulldog compare per la prima volta nel 1632, in una lettera scritta da un gentiluomo inglese ad un suo amico, il quale chiedeva due Bulldog al compare. Nel 1835 il governo britannico vietò i combattimenti e il Bulldog venne quindi lentamente dimenticato. La specie stava quasi scomparendo, finchè nel 1860 comparvero degli esemplari nelle mostre di Birmingham e di Sheffield che rilanciarono, con le loro vittorie, l’interesse per questa specie. Nel 1864 venne fondato il primo Bulldog Club, e l’anno dopo venne redatto anche il primo standard. Gli allevatori cercarono col tempo di discostare sempre più il Bulldog dall’antenato antico, rendendolo più simpatico e più goffo rispetto al cattivo e audace parente.

Coppia Spargisale e Spargipepe "Bulldog" (8cm x 8cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Caratteristiche del Bulldog

La simpatia innata che stimola il Bulldog non farebbe nemmeno sognare che questo cane, anni fa, era il re degli scontri tra cani e tori. L’espressione corrucciata e sempre assonnata, l’aria da brontolone, le lunghe dormite in strane posizioni possono far sorridere e compiacere il proprietario di un Bulldog. Nonostante l’apparenza, molti esemplari sono atletici, vispi e pieni di vitalità. Tutti i Bulldog cercano l’affetto dell’uomo e sono molto sensibili ai rimproveri del padrone, avendo sempre paura di essere lasciati soli. Il Bulldog è un buon cane per bambini, molto paziente e calmo, però non bisogna esagerare perché potrebbe reagire ad eccessivi giochi e dispetti. Nell’ambiente familiare si lascia molto andare, diventando a volte un vero e proprio intrattenitore in grado di capire quando è al centro dell’attenzione e cosa deve fare per mantenersi protagonista. Con gli estranei si dimostra riservato e tranquillo. Per la sua tranquillità si può adattare bene anche alla vita di appartamento e alla convivenza con altri cani. Può essere utilizzato anche come cane da guardia.

Standard del Bulldog

L’aspetto generale del Bulldog deve essere tozzo, con il corpo vicino a terra e l’andatura lenta e goffa. La testa è molto grande e ricoperta da pelo rugoso, mentre il cranio è forte e largo. Il tratufo e le narici sono grandi e di colore nero. Gli occhi sono posizionati nella parte inferiore del cranio, distanti tra loro e di colore molto scuro, quasi nero. Le orecchie sono impiantate alte sulla testa e cadenti. Il corpo è robusto, con petto ampio, rotondo e convesso. Il collo è corto, tozzo e potente. La coda è attaccata bassa, si ripiega verso il terreno ed è rotonda e liscia. Più larga alla base, verso l’apice si assottiglia finendo in una fine punta. Il pelo è fine,corto e morbido, il colore deve essere a tinta unita con maschera o muso nero, oppure fulvo con gradazioni o infine bianco. L’altezza al garrese è variabile da 30 a 40 cm mentre il peso oscilla intorno ai 25 kg. I piedi del Bulldog sono tipicamente rivolti verso l’esterno.


    Bulldog inglese Wall Sticker Dog Adesivo Art Disponibile in 5 taglie e 25 colori

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,99€


    Alimentazione del Bulldog

    Il cane necessita di una razione giornaliera di 400-500 gr di alimento. I pasti devono essere due e l’alimentazione deve essere completa, equilibrata e sana. Il Bulldog soffre più di altri cani cibi poco salubri come fritti e dolci.

    Si consiglia un’alimentazione a base di crocchette apposite, per assicurare al cane il giusto apporto calorico. La qualità del cibo deve essere elevata.


    Malattie del Bulldog

    Le malattie per le quali si consiglia di vaccinare il Bulldog sono le seguenti: cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Come sempre, si consiglia di eseguire annualmente le operazioni di sverminazione dell’animale.

    Inoltre ci sono delle malattie alle quali questa specie è solitamente più soggetta. Ad esempio l’acondroplasia è una malattia ereditaria, presente anche in altre razze e in altri animali come mucche e pecore ma anche nell’uomo. Questa malattia è in pratica un’anomalia del feto che produce esemplari con problemi alle ossa, tronco corto e l’alterazione evidente di altri caratteri esteriori (testa piatta, tronco largo, pelle cadente). Il bulldog non è una razza particolarmente forte e ha una durata media della vita che varia tra gli 8 e i 10 anni.




    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento:


    01:34:30 -
    andrea vitale - commento su Bulldog
    E da anni che cerco di adottare un bulldog inglese o di comprarlo a basso prezzo ma non ho mai trovato l£occasione magari voi potete aiutarmi cordiali saluti.andrea