cane ringhia

Perché il cane ringhia?

Può capitare, durante l'interazione col cane nostro o di qualcun altro, che l'animale cominci a ringhiare. Non è un atteggiamento infrequente, e non è nemmeno segno che l'animale in questione sia di indole aggressiva. Il ringhio è semplicemente una reazione di paura del cane, con cui cerca di intimorire e mettere in guardia qualcosa/qualcuno che lo ha fatto sentire minacciato. E' comunque un atteggiamento che non va trascurato, perché col passare del tempo potrebbe peggiorare, e finiremmo per ritrovarci con un cane ingestibile e mordace. Le situazioni in cui il cane ringhia sono essenzialmente due: quando si sente direttamente minacciato o spaventato da qualche fattore esterno, o quando sente minacciata la propria posizione sociale. Ricordiamo infatti che il cane è un animale per cui la gerarchia è tutto: la socialità non è solo una questione di scelte, come avviene per gli umani, ma è parte integrante della sua vita e del suo essere. Se un cane sente che la propria posizione sociale sta venendo minacciata, sarà impaurito e percepirà un reale pericolo. Quando il cane ringhia digrigna i denti (tanto che i padroni meno accorti a volte confondono il ringhio per un ‘sorriso’), solleva il pelo sul dorso ed emette una bassa vibrazione. Le fasi che seguono il ringhio, se l’animale viene ulteriormente istigato, sono in genere il morso vero e proprio prima, e la pacificazione poi, che avviene leccando l’area precedentemente morsa.
CANE ringhia

Cane che ringhia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Cane che ringhia e paura

cane ringhiaMolte volte, la prima reazione del padrone di fronte a un cane che ringhia è la paura. Nulla di più sbagliato! Innanzitutto, il ringhio non va interpretato come un segnale di tradimento nei confronti del padrone. Spesso si sente dire “ma come? Un cane trattato così bene, viziato, sempre accontentato, sempre coccolato, mai preso a botte, come può diventare aggressivo proprio con me?”… beh, cominciamo col dire che un comportamento aggressivo una tantum non è una tragedia. Può capitare, il cane è un essere senziente, dotato di stati d’animo e anche di ‘momenti no’, esattamente come le persone; va bene correggere il comportamento sbagliato, ma senza farne un dramma. Si è già parlato dell’importanza della gerarchia sociale per il cane: bene, quando il cane ringhia la cosa da fare è proprio ristabilire la gerarchia, mostrarsi assertivi e rimetterlo al suo posto. La paura è un atteggiamento sbagliato poiché confonde il cane e ci rende poco credibili nel nostro ruolo di ‘capobranco’. Una corretta educazione comportamentale è la soluzione giusta; nei casi più gravi, se non riusciamo a educare il cane da soli, possiamo anche ricorrere all’aiuto di un addestratore. Evitiamo invece le terapie a base di psicofarmaci, che qualche veterinario potrebbe –in modo un po’ semplicistico- suggerirci. E’ vero che il cane così sarà più tranquillo, ma a che prezzo? Nella quasi totalità dei casi ci ritroveremmo con un cane completamente snaturato, ridotto a poco più che una larva, e il problema sarebbe comunque ancora lì: agire alla radice è il modo migliore per risolvere la questione.

  • foto cibo cane Gli animali progenitori dei cani erano carnivori, come sono tutt'ora animali come i lupi; la millenaria vicinanza con l'uomo, e con i suoi usi alimentari, ha nel tmepo modificato la dieta del cane, ta...
  • foto del weimaraner Questo fantastico bracco prende il nome dai granduchi di Sassonia-Weimar, famosi allevatori del XVIII secolo che si prodigarono per la selezione di questa razza. In realtà però le origini del Weimaran...
  • foto lapphund Il Lapphund, come si può intuire già dal nome, è un cane che ha storia ed origini strettamente intrecciate con la popolazione dei Lapponi. I Lapponi apparvero nella penisola scandinava molte migliaia ...
  • foto norsk lundehund La storia di questo cane di media taglia norvegese è una storia di specializzazione canina più unica che rara. Il Norsk Lundehund infatti è un cane che nel corso dei secoli non solo si è specializzato...

Maschera Mezzo Viso Divertente Simpatica In Lattice Per Costumi Cane Che Ringhia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,08€


Come comportarsi se il cane ringhia

Tornando al discorso del “come può il cane ringhiarmi se è stato sempre coccolato e accontentato in tutto?”… ecco, spesso il problema è proprio quello. Il cane ha sì bisogno di affetto e coccole, ma ha anche, imprescindibilmente, bisogno di regole. E non perché dobbiamo comportarci da dittatori, o dobbiamo trattarlo come un burattino, assolutamente; un cane ha bisogno di regole perché per lui sono fondamentali, la gerarchia è parte del suo essere, e senza un suo ‘posto in società’ ben definito si sentirebbe confuso e incompleto. L’educazione in questo senso va impartita a Fido sin da piccolo. Quando capitano poi i sopracitati atteggiamenti aggressivi, tutto ciò che dobbiamo fare è ristabilire il nostro ruolo di capobranco. Vietatissimi strilli e botte, in questa e in qualsiasi altra occasione: il cane si sentirebbe ancor più istigato, spaventato e confuso, e otterremmo l’effetto contrario a quello che vogliamo. Come prima cosa insegnamogli il comando ‘no’, che può essere utile in questa e in molte altre situazioni: il tono di voce dev’essere fermo e perentorio; evitiamo inoltre di guardare il cane negli occhi quando ringhia (lo interpreterebbe come un gesto di sfida), e invece mostriamoci delusi e allontaniamoci da lui, interrompendo qualsiasi attività stessimo facendo. Dopo chiamiamolo e facciamolo venire verso di noi; questo gli farà capire che il padrone è il capobranco, e che lui è al sicuro, e il suo ruolo sociale non è minacciato. In caso di ringhio dovuto a fattori esterni, invece, cerchiamo di far abituare il cane un po’ per volta alla presenza di questi ‘elementi di disturbo’, rassicurandolo, e premiandolo ogni qual volta in presenza di tali fattori non manifesti aggressività.




COMMENTI SULL' ARTICOLO