cani da appartamento

I cani da appartamento

Abitiamo in un appartamento non particolarmente grande, con tanti vicini e poco spazio all’aperto.. eppure, abbiamo il grande desiderio di prendere con noi un cagnolino. Dobbiamo rinunciarci? Ma assolutamente no! Certo, si dice spesso che i cani abbiano bisogno di spazi aperti, di correre e giocare, ma molto dipende anche dalla razza che andiamo a scegliere. Va da sé che cani già di per sé grossi, come Rottweiler, Alani o Mastini, soffrirebbero alquanto a stare chiusi nel piccolo bilocale di un condominio; ma vi sono altre razze, di dimensioni più esigue, che si adattano tranquillamente a vivere in appartamento. Non basta tener conto solo della taglia dell’animale; consideriamo anche la sua indole, se più o meno vivace. In linea di massima la vita in appartamento si adatta meglio a cani di indole più sedentaria, e non particolarmente attivi: comunque, volendo scegliere qualche esemplare più peperino, è sufficiente portarlo più spesso al parco a correre in libertà. Tra le razze particolarmente adatte a vivere in appartamento ci sono i Bassotti, cani piccoli e generalmente piuttosto pigri, i Carlini (che però hanno la tendenza a ingrassare, quindi occhio a vita sedentaria e spuntini!), gli Yorkshire Terrier, molto amichevoli, i Bulldog, dall’aspetto inamovibile e dal carattere placido, i Maltesi, molto attaccati al padrone, i Volpini… e questi sono solo alcuni esempi di cani adatti alla vita in casa. Oltre ai cani di razza, non dimentichiamo che basta rivolgerci a un qualsiasi canile per trovare un cane di piccola taglia che sarà più che contento di condividere la nostra dimora.
cani appartamento

Drillpro Gatto & Cane Animale Spazzola per Capelli Aspirapolvere Allegato ugello Grooming Strumento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 9,99€)


Addestrare un cane da appartamento

cani appartamentoL’educazione, per un cane che vive in casa, è fondamentale. Molte volte, ingannati dalla dimensione piccola e apparentemente inoffensiva dei cani da appartamento, i padroni tendono a lasciar correre tutto ciò che riguarda il loro addestramento: il risultato sono quei cani viziati, piccoli e dispotici che tanto spesso capita di vedere in giro. L’addestramento del cane da appartamento comincia nel momento stesso in cui il cucciolo arriva in casa. Fin da subito, sarà necessario fargli capire chi è che comanda, facendo leva sul suo essere un animale da branco (come tutti i cani, in quanto discendenti dei lupi): dobbiamo comportarci come se fossimo il capobranco, altrimenti il cane stenterà a obbedirci. Comportarsi da capobranco significa innanzitutto non mostrare indecisioni o debolezze per quanto concerne l’educazione dell’animale; secondo, evitare di umanizzare eccessivamente i comportamenti del cucciolo; terzo, all’atto pratico, evitare cose come far camminare il cane davanti a noi, o farlo mangiare prima di noi, che gli darebbero un senso di superiorità. Stabiliti i ruoli, possiamo passare a quello che è l’addestramento vero e proprio, che consiste in buona sostanza nel premiare i comportamenti positivi del cane, e nell’ignorare invece quelli negativi. Assolutamente vietate le botte e le sgridate: non solo non farebbero capire al cane ciò che stiamo cercando di spiegargli, ma lo renderebbero anche confuso e aggressivo. Premiamolo quando fa qualcosa di buono, come ad esempio quando smette di abbaiare, quando si comporta bene in presenza di ospiti, quando non sale sul letto e opta invece per la sua cuccia: il premio può consistere in qualche crocchetta, o un po’ di coccole, o delle lodi. Ignoriamo invece gli atteggiamenti negativi, come l’abbaiare, o al massimo limitiamoci a qualche rimprovero secco se sale sul letto o adotta un atteggiamento aggressivo. Possiamo, sempre con la stessa tecnica, anche insegnargli degli esercizi o dei comandi veri e propri, come ad esempio lo stare seduto, o a cuccia, o andare a prendere il guinzaglio o riportarci la pallina. E’ fondamentale che i comandi siano brevi e semplici da capire. Armiamoci inoltre di grande pazienza: diventare nervosi e insistere quando il cane non capisce un esercizio, è controproducente per noi e stressante per lui. Non insistiamo, e lasciamo che apprenda secondo i suoi tempi.

  • foto cibo cane Gli animali progenitori dei cani erano carnivori, come sono tutt'ora animali come i lupi; la millenaria vicinanza con l'uomo, e con i suoi usi alimentari, ha nel tmepo modificato la dieta del cane, ta...
  • foto del weimaraner Questo fantastico bracco prende il nome dai granduchi di Sassonia-Weimar, famosi allevatori del XVIII secolo che si prodigarono per la selezione di questa razza. In realtà però le origini del Weimaran...
  • foto lapphund Il Lapphund, come si può intuire già dal nome, è un cane che ha storia ed origini strettamente intrecciate con la popolazione dei Lapponi. I Lapponi apparvero nella penisola scandinava molte migliaia ...
  • foto norsk lundehund La storia di questo cane di media taglia norvegese è una storia di specializzazione canina più unica che rara. Il Norsk Lundehund infatti è un cane che nel corso dei secoli non solo si è specializzato...

AmazonBasics - Tappetini assorbenti per animali domestici, extra-large

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Addestrare il cane da appartamento a non sporcare in casa

Il cruccio più grande del padrone, però, è sempre lo stesso: come insegno al mio cane a non fare i bisognini in casa? La tecnica è sempre la stessa già spiegata in precedenza. Innanzitutto, cerchiamo di capire quando il cucciolo sta per fare i bisogni, e portiamolo tempestivamente fuori, lodandolo e ricompensandolo quando avrà evacuato nel posto giusto. Se cogliamo il cucciolo nel momento del misfatto, rimproveriamolo con un secco ‘no!’, e portiamolo invece nel luogo preposto ai bisognini. Attenzione: questa pratica è da adottare solo quando il cucciolo ha appena compiuto l’azione. Se arriviamo anche solo un minuto dopo, sarà tutto inutile: il cane non capirà il motivo del rimprovero, e finiremo solo col confondergli le idee. Col tempo, cerchiamo di mantenere una certa regolarità di orari per le passeggiate. E non scoraggiamoci durante il primo periodo: i cuccioli hanno molta più difficoltà a trattenersi rispetto ai cani adulti!



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO