educazione cane

Perché educare il cane?

Educare il proprio animale domestico è un gesto molto importante, in quanto ci permette di relazionarci ad esso nel modo migliore possibile, evitando ogni sorta di possibile problema durante la convivenza con l’animale stesso. L’educazione dell’animale risulta inoltre molto importante in quanto tramite la stessa potremo assicurarci del fatto che il nostro amico a quattro zampe riesca ad avere rapporti socievoli e non pericolosi con gli altri animali o con gli altri uomini, diversi, quindi, dalla loro famiglia. La necessità di educare un cane, infatti, nasce dal fatto che questo animale, essendo un discendente del lupo, presenta un carattere forte, dominante, che fa sì che esso tenda sempre ad essere il capobranco all’interno di un gruppo di animali o di uomini; questo carattere si riscontra, ovviamente, maggiormente negli animali di grosse dimensioni, animali che potrebbe risultare addirittura pericolosi se non educati adeguatamente. In base a quanto ora sottolineato, quindi, può facilmente affermarsi che l’educazione del cane risulta essere un gesto utile ed essenziale non solo per il benessere del proprio nucleo familiare, ma anche di quelle che sono le persone e di quegli animali che entreranno in contatto, seppur limitato, con il nostro amico a quattro zampe.
educazione cane

Educare o rieducare il cane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,33€
(Risparmi 2,17€)


Educazione del cane

educazione cane Quando si educa o addestra un cane, non bisogna assolutamente pensare che si tratterà di un’attività semplice e rapida. L’educazione del proprio animale domestico, infatti, richiede molto tempo e dedizione, in quanto l’animale dovrà innanzitutto fidarsi del proprio educatore e soltanto quando questa fiducia sarà concessa, esso inizierà ad apprendere appieno gli insegnamenti che gli vengono proposti. L’educazione del cane, quindi, è un processo graduale che deve essere realizzato tramite sedute educative di breve durata. Un’attività eccessivamente pesante potrebbe, infatti, innervosire l’animale, il quale potrebbe opporsi e ribellarsi al proprio educatore. L’animale, inoltre, non deve mai essere aggredito o maltrattato durante le sedute educative o di addestramento. Un atteggiamento eccessivamente duro, infatti, potrebbe spaventare o innervosire l’animale, cosa che sicuramente non gli permettere di apprendere davvero quello che gli viene insegnato. Si consiglia, inoltre, di premiare l’animale ogni volta che riesce ad apprendere una nuova nozione o ogni volta in cui svolge correttamente l’esercizio che gli viene proposto: il premio (che può consistere, ad esempio, in un biscottino per cani), infatti, stimola l’animale a comportarsi ancora allo stesso modo, ossia in quella che noi consideriamo la maniera corretta, essendo esso desideroso di ottenere un altro premio dal proprio educatore. Si consiglia, inoltre, di far partecipare alle sedute educative tutti i membri del proprio nucleo familiare, seppure per una frazione di tempo limitata: in questo modo l’animale riuscirà più facilmente a comprendere il fatto di dover ubbidire a più soggetti differenti e non esclusivamente al suo educatore. Ricordiamo, comunque, che soltanto creando uno stretto rapporto di fiducia ed affetto con l’animale si potranno ottenere davvero degli ottimi risultati nell’educazione dello stesso.


  • La presenza di un cane in casa cambia la vita di chi lo accoglie con sé. Questo animale riesce a comunicare con il proprio padrone e con i suoi cani con una tenerezza indescrivibile, ed in cambio chie...
  • Cani da ricerca La selezione per ottenere cani di razza è cominciata moltissimi anni fa, ma è una costante che continua senza sosta anche in tempi odierni; c’è sotto tutta una serie di studi e di piccoli accorgiment...
  • Accessori cane In commercio, esistono molteplici accessori per i cani, molto utili per organizzare la vita in casa (ad esempio, la cuccia, la ciotola ecc) e la vita all’ esterno dello stesso (come,ad esempio, il col...
  • giochi cani Il cane è un animale molto socievole e giocoso,per questo motivo è sempre consigliato acquistare dei giochi che non solo presentano l’indubbio vantaggio di far divertire il nostro animale, ma possono ...

Il galateo per il cane. Manuale di educazione sociale per una buona convivenza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,33€
(Risparmi 2,17€)


educazione cane: Educare il cucciolo

L’educazione del cane dovrebbe essere svolta sin dalla più tenera età dell’animale: solo in questo modo, infatti, si potrà essere certi che eventuali difetti caratteriali dell’animale siano modificati o quantomeno smussati effettivamente. Educare un cucciolo potrà risultare, com’è ovvio, da un certo punto di vista più difficile, in quanto il cucciolo presenta, il più delle volte, un carattere più forte ed attivo, cosa che potrebbe rendergli complesso il focalizzarsi su una determinata attività. D’altro canto, però, a questa età l’animale non ha sviluppato quello che saranno il suo carattere e la sua indole definitiva, cosa che potrebbe rendere più facile il modificare eventuali aspetti difficili dello stesso. Le regole per l’educazione del cucciolo sono ovviamente le stesse che valgono per l’educazione di un cane adulto: le sedute non devono mai essere eccessivamente lunghe o pesanti, l’animale deve essere lasciato libero di riposarsi e deve essere premiato ogniqualvolta riesce a comportarsi correttamente, in modo tale che egli possa comprendere appieno quello che è il comportamento da tenere. È chiaro che con i cuccioli bisognerà essere più docili e mansueti, in quanto essi potrebbero più facilmente dei cani adulti.

Qualora si ritenga di non avere tempo o capacità per educare adeguatamente un cane, si consiglia di rivolgersi a delle scuole educative o di addestramento per cani. Si consiglia di rivolgersi a soggetti fidati e conosciuti, magari consigliatici dal nostro veterinario di fiducia, così da essere certi che essi riescano a comprendere l’atteggiamento giusto per rapportarsi al proprio animale. Se si possiede un animale di razza pura, infine, si consiglia di rivolgersi a centri specializzati nell’educazione della specifica razza.



COMMENTI SULL' ARTICOLO