Allevamento bassotti

Allevamento bassotti

In tutta Italia esistono numerosi amanti di questa razza di cani, che si occupano dell'allevamento di bassotti. Un allevamento di bassotti, così come di altre tipologie di cani, si occupa della riproduzione, di curare e vendere le cucciolate e della partecipazione a eventuali mostre canine ed esposizioni. Ma non è detto che l'allevamento dei bassotti sia necessariamente un'attività professionale. Può anche essere un'attività praticata per passione e interesse personali, solo a livello amatoriale. Gli esemplari migliori possono essere selezionati per la riproduzione e per la partecipazione alle esposizioni, mentre gli altri possono essere destinati alla vendita, come animali da compagnia. Gli amanti dei cani bassotti sono tanti: del resto sono cani dall'aspetto simpatico e un po' buffo, molto socievoli, adatti anche a stare con i bambini.
Bassotto a pelo raso

Bassotto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€
(Risparmi 2,1€)


Le esposizioni canine

Bassotto a pelo lungo Molte aziende che si occupano di allevamento dei bassotti basano buona parte del loro lavoro sulla partecipazione alle più famose esposizioni canine. Esistono campionati mondiali e campionati italiani, nonché alcuni eventi particolari come l'oscar della cinofilia e il premio Mercurio. Vincere dei titoli in campionati importanti dà lustro all'allevatore, e per un allevamento vantare la presenza tra i propri cani di campioni riconocosiuti a livello internazionale è una garanzia di ottimo allevamento e di cura per la genuinità di quella specifica razza canina. Spesso un allevamento professionale di cani nasce dalla passione per i cani in generale e per una razza in particolare, di cui si conoscono e apprezzano le peculiarità, e a cui si riesce di conseguenza a trasmettere le cure più adeguate: questo porta con sé conseguenze positive sia per il cane che per l'allevatore.

    Manuale pratico di tosatura e cura del cane. Affenpinscher, barboni, bassotti, schnauzer, terrier

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€
    (Risparmi 1,8€)


    I cuccioli di bassotto: come prendersene cura

    Due esemplari di bassotto Acquistare un cucciolo di bassotto da un allevamento certificato, che opera in maniera conforme alla normativa vigente, tutela non solo noi stessi, ma anche i cani, che vengono trattati in modo adeguato. Come ogni cane, anche i cuccioli di bassotto non dovrebbero essere separati dalla mamma almeno fino al secondo-terzo mese di vita: questo perché un cucciolo dipende, prima di questo periodo, in tutto dalla mamma, e perché da lei e dai fratellini impara abilità sociali che gli saranno utili nel corso della vita. Allo stesso tempo il cucciolo deve essere abituato al contatto con le persone, affinché non ne sia spaventato. Il bassotto è un cane da caccia e, nello specifico, un cane da tana: nell'allevarlo sarà necessario mantenere, nel gioco e nel lavoro, questa sua caratteristica peculiare. La gestazione del bassotto dura circa sessanta giorni.


    Caratteristiche del bassotto

    Esemplare di bassotto Esistono tre tipologie di cani bassotti: il kaninchen, il bassotto nano e il bassotto standard, che variano tra di loro per le dimensioni. Per quanto riguarda le caratteristiche del mantello, il bassotto può essere a pelo duro, a pelo lungo o a pelo raso. Non sempre è facile distinguere i cuccioli alla nascita: tutti si presentano con il pelo raso, e sarà solo successivamente che le caratteristiche del pelo si modificheranno, rivelando a quale tipologia appartiene il cucciolo. I colori possono essere definiti, come nel caso dei bassotti fulvi, neri o marroni, oppure essere variabili, come nel caso del bassotto tigrato e di quello arlecchino: al momento della riproduzione, è bene rivolgersi a un esperto, per capire quali colori potrà generare nei cuccioli un determinato accoppiamento.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO