Tigna cane


partecipa al nostro quiz su: quanto conosci i cani?
quanto conosci i cani?

La malattia

La tigna nel cane è una patologia anche chiamata dermatofitosi, micosi o malattia da fungo. Il contagio può avvenire anche tra animale e uomo. Questa malattia infettiva è provocata da funghi che prendono il nome di dermatofiti appartenenti al genere Trichophyton, Microsporum ed Epidermophyton. L’infezione da tigna avviene a livello del pelo o delle unghie, le sole a possedere la cheratina. Il contagio è molto semplice e tempestivo: avviene mediante contatto diretto con il cane infetto o in maniera indiretta attraverso le spore fungine. Solitamente gli animali colpiti presentano una certa carenza di vitamine, sono stressati, hanno le difese immunitarie basse. Oltre a questi fattori il contagio può avvenire perché la razza canina si trova in un ambiente eccessivamente umido, frequenti variazioni di temperatura, e dipende dal clima e dalla stagione in cui ci si trova.
Tigna nel cane vista al microscopio

Bling carina calda Fonpoo regolabile Pu pelle cane cucciolo Pet collare cucciolo gatto collana girocollo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Sintomi

Tigna nel cane I sintomi della tigna nel cane sono molto evidenti in quanto si localizzano a livello del pelo e delle unghie, quindi in zone abbastanza visibili dell’animale. La regione infettata dal fungo porta alla caduta del pelo nella zona circoscritta, lasciando dei segni di forma circolare. Inizialmente, questo stato provoca molto prurito e desquamazione della pelle stessa. Solitamente la zona tende a espandersi verso l’esterno mantenendo la forma di un cerchio. A questo proposito è conveniente attuare non soltanto una cura preventiva antimicotica ma, controllare periodicamente la pelle e il pelo del collo, del dorso, le natiche, il muso e le zampe. Oltre alla desquamazione si possono presentare delle croste, alterazione della struttura delle unghie, eritemi e simili. Nel momento in cui ci si accorge che l’animale è affetto da tigna, si avverte il veterinario che provvederà a prelevare del materiale dalla lesione, si prepara il terreno colturale e dopo 15 giorni circa i funghi saranno cresciuti e potranno essere identificati.

  • Foto Border Terrier Conosciuto e diffuso già nel settecento nelle campagne inglesi, il Border Terrier venne notato per la prima volta da un gruppo di cinofili inglesi a fine ottocento. Questo cane, come rivelano numerosi...
  • foto del corso Il cane corso è assieme al Mastino napoletano, uno dei molossi italiani più conosciuti e apprezzati. Nonostante sia una razza molto antica è stata riscoperta solamente negli ultimi trent’anni è più pr...
  • foto del pastore tedesco Il Pastore Tedesco oltre ad essere una razza tra le più famose è anche una razza molto importante per gli innumerevoli impieghi che questa può avere in soccorso alle attività dell’uomo.Storia del ...
  • foto beagle Il Beagle è una razza dalla lunga storia e dalle origini che risalgono con probabilità al periodo romano. Cane agile, piccolo, veloce e armonico è utilizzato per la caccia, come animale da compagnia e...

Dr. scholl trattamento micosi dell'unghia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€
(Risparmi 14€)


Contagio

Tigna nel cane Come affermato in precedenza, la trasmissione della tigna nel cane a un altro suo simile o verso l’uomo, segue una linea ben precisa. Il contagio può avvenire secondo due canali: il contagio diretto o indiretto. Nel primo caso, la trasmissione del fungo avviene mediante contatto diretto con l’animale infetto; il contagio indiretto invece, avviene solo quando si entra in contatto con le spore fungine. Il parassita predilige una stagione particolare, un clima e temperatura specifiche, per cui occorre fare molta attenzione durante la stagione autunnale, durante i climi caldi e umidi. La tigna non si manifesta sono in esemplari canine specifiche; colpisce animali di tutte le razze, taglie, età, può manifestarsi anche nei felini e negli umani; solitamente aggredisce esemplari molto deboli, con mancanze di vitamine, indeboliti da un recente intervento chirurgico, cani stressati o con un sistema immunitario molto basso.


Tigna cane: Cura

Tigna nel caneLa cura della tigna nel cane segue due iter ben precisi che il medico veterinario mette in atto secondo lo stadio della malattia. La terapia può essere topica o sistematica. La prima consiste nell’uso di prodotti a base di Ketoconazolo, enilconazolo, econaolo, miconazolo e clorexidina. Solitamente si applicano delle pomate sulla zona infetta con lo scopo di evitare un’espansione e propagazione della malattia. La terapia sistematica utilizza itraconazolo e griseofulvina. Oltre a questi principi attivi si applica sulla zona infetta della formalina, clorexidina e dell’enilconazolo in modo tale da disinfettare per bene la parte. Successivamente a queste terapie, sempre sulle zone infette e desquamate, si applica una garza, sempre se la zona è circoscritta a piccole aree del corpo del cane. Oltre alla cura, è conveniente fare in modo che l’ambiente in cui il cane stia sia ben pulito e disinfettato, non soltanto per evitare ricadute ma anche perché, trattandosi di una malattia fortemente contagiosa, il proprietario del cane e i suoi familiari potrebbero essere colpiti dai funghi della tigna.


  • tigna cane La tigna, o tinea, è una forma di micosi superficiale che può colpire sia l’uomo che gli animali. E’ causata da dei fung
    visita : tigna cane

COMMENTI SULL' ARTICOLO