adottare cani

Dove può essere adottato un cane?

Molto spesso, quando si prende la decisione di inserire, all’interno della propria famiglia, un animale, in particolare un cane, non si considera una delle strade alternative che potrebbero essere intraprese nell’acquisto di tale nuovo membro della nostra famiglia.

Troppo spesso, infatti, affascinati dalla scelta di animali di razza pura, che possono essere acquistati, a prezzi spesso elevatissimi, presso allevamenti o presso negozi di animali specializzati, dimentichiamo quello che è, probabilmente, il modo migliore di inserire questo piccolo amico all’interno della nostra famiglia, ossia l’adozione.

L’adozione di un animale può avvenire in vario modo: è possibile, infatti, talvolta, anche trovare dei privati che decidono di dare in adozione, quindi donandoli spontaneamente, i piccoli di una loro cucciolata,quasi sempre per mancanza di spazi di gestione o per l’eccessivo costo che richiede la gestione di un numero elevato di cuccioli.

Sicuramente, però, il modo più semplice di adottare un animale è quello di rivolgersi ad un canile, privato o pubblico.

I canili sono, infatti, delle strutture, un tempo principalmente private, oggi quasi sempre più di pertinenza di comuni e province, che si occupano della cura e della riabilitazione di quegli animali che sono stati abbandonati o che sono nati randagi.

Nonostante la competenza degli enti locali, la gestione dei canili continua ad essere sempre estremamente difficoltosa, in particolare a causa della carenza di fondi. Per questo motivo, nella maggior parte dei casi, coloro che si occupano della gestione di queste strutture assumono la qualifica di volontari.

I canili si occupano,quindi, della raccolta degli animali trovati in strada e della loro riabilitazione.

È chiaro, ovviamente, che si tratta di animali con un passato difficile: per questo motivo sarà necessario procedere all’adozione soltanto quando si sarà davvero convinti delle proprie intenzioni, per evitare di provocare all’animale altre infinite sofferenze.

Ovviamente, in questo caso, difficilmente si tratterà dell’adozione di animali di razza, ma non possiamo non tenere presente, nella nostra scelta, l’amore incondizionato che questi animali potranno offrirci.

adottare cani

Adottare un cane. Scegliere il tuo nuovo compagno per un'amicizia a tutta fedeltà

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,63€
(Risparmi 1,87€)


Perché adottare un cane?

adottare caniL’adozione o l’acquisto di un cane, a prescindere dalla modalità che verrà poi effettivamente scelta, è sicuramente un meraviglioso gesto che permette agli animali di trovare una nuova famiglia che li ama e che intende dedicare loro le attenzioni necessarie.

In particolare, comunque, l’adozione di un animale presso un canile deve essere considerato un gesto utilissimo sia nei confronti dell’animale che nei confronti della struttura stessa.

Come già ricordato,infatti, i canili, nonostante la gestione statale, sono frequentemente vittime di problemi economici, talvolta anche molto gravi.

Per questo motivo, l’adozione di questi animali non potrà che essere gradita ai volontari delle strutture stesso in quanto permetterà loro di procedere con i ricoveri di nuovi animali, evitando così di dover rifiutare i nuovi arrivati a causa delle carenze di fondi.

Inoltre, l’adozione non potrà che donare all’animale scelto nuove speranze e una nuova vita, dopo quelle che sono state le sofferenze vissute in passato.

Ovviamente, proprio per evitare che l’animale, già provato, possa subire nuovi traumi, sarà necessario essere davvero sicuri della propria scelta, evitando di allontanare l’animale dopo che esso si è già affezionato alla sua nuova famiglia “umana”.

Per questo motivo, infatti, i volontari delle strutture, solitamente, predispongono dei periodi di prova, per verificare la compatibilità dell’animale con i suoi padroni.

In questo periodo di prova, essi potranno predisporre ispezioni e simili, per verificare tale compatibilità.

Ricordiamo, inoltre, che per coloro che non possono adottare materialmente l’animale, a causa di carenze di spazi e simili, è oggi possibile procede ad adozioni a distanza, create e regolate dagli stessi canili.

L’adottante, in questa particolare forma di adozione, dovrà pagare periodicamente una somma destinata, ovviamente, alla struttura prescelta, con cui essa si occuperà della cura dell’animale adottato.

  • Foto taglia mini Negli ultimi anni la moda, soprattutto degli U.S.A., ha imposto un certo target per quanto riguarda le taglie canine. Target che ha spinto verso una selezione genetica mirata a miniaturizzare sempre p...
  • Foto taglia piccola Nonostante l’ideale di vita di un cane non sia vivere in una casa, i cani di piccola taglia sono, tra tutte le altre tipologie di razze, quelli che più amano la vita domestica. Per meglio dire questi ...
  • foto sezione taglia media L’immensa capacità di integrarsi nella società umana, che tutta la specie canina ha avuto nel corso dei secoli, è alla base di ciò che questi animali rappresentano al giorno d’oggi nei confronti dell’...
  • foto sezione cani grandi Forse tra le razze canine più affascinanti soprattutto per quanto riguarda il portamento, abbiamo i cani di taglia grande (peso tra i 25 kg e i 50 kg). Nonostante tutto questo fascino, non sempre è se...

Adottare un cane. Cosa fare per un'amicizia a tutta fedeltà

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€
(Risparmi 2,1€)


adottare cani: Incentivi dei Comuni all’adozione dei cani

A causa degli elevati costi di gestione delle strutture dei canili comunali, il Comune, di concerto con le strutture locali dell’ASL, può,per migliorare quella che è la condizione della struttura stessa, offrire dei contributi economici a coloro che decidono di adottare animale dal canile del Comune in questione. Ovviamente, questo contributo sarà direttamente gestito dal Comune stesso, considerato il fatto che è esso, secondo la normativa vigente, a doversi occupare della gestione concreta di queste strutture.

Il ruolo dell’Asl all’interno di questa procedura sarà quello, innanzitutto, di verificare la correttezza e la buona riuscita della procedura stessa. In secondo luogo, essa dovrà anche procedere alla vaccinazione e al controllo degli animali che vengono poi adottati: ovviamente questa attività sarà svolta dalla sezione veterinaria dell’ASL.



COMMENTI SULL' ARTICOLO