cani in adozione

Perché adottare un cane?

L’adozione di un cane è un gesto bellissimo e molto importante per svariati motivi.

Il fenomeno dell’adozione, che avviene solitamente presso i canili, comunali o privati che siano, nasce e si diffonde soprattutto a causa dell’estrema diffusione di un altro fenomeno, sicuramente di stampo negativo, che è quello dell’abbandono degli animali e del seguente randagismo, diffuso ormai nella maggior parte delle città italiane.

Il gran numero di animali che ogni anno vengono abbandonati in strada, soprattutto nei periodi estivi, nonostante sia presente, oggi, una normativa molto dura che colpisce duramente coloro che praticano tale atto, porta sicuramente ad un sovraffollamento di tali summenzionate strutture.

A causa dell’eccessivo numero di animali ivi presenti e, soprattutto, a causa degli scarsi fondi che sono annualmente destinati a queste strutture,l’adozione risulta, quindi, essere un gesto di estrema bontà ed umanità, che permette a tali strutture di continuare a vivere e di perseguire quelli che sono i loro obiettivi primari.

Ovviamente, data la particolare condizione di questi animali (non bisogna, infatti, dimenticare che si tratta di animali che hanno sofferto molto nella loro vita e che richiedono quindi, di conseguenza, molte cure ed attenzioni), bisogna essere davvero convinti della scelta che si sta per compiere, onde evitare di arrecare nuovi traumi a questi piccoli amici a quattro zampe.

Adottare un cane, piuttosto che acquistarne uno di razza presso allevamenti o negozi specializzati, ci permetterà sicuramente di aiutare quelli che sono i migliaia di volontari che gestiscono tali strutture spinti dall’esclusivo amore verso questi meravigliosi animali.

adozioni cani

Precious Petzzz Labrador Lifelike respirazione cucciolo di cane 59449

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,92€


L’ingresso a casa del nostro nuovo amico a quattro zampe

adozioni caniL’adozione di un cane, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, non consiste in un atto di così facile realizzazione. Dopo aver presentato domanda di adozioni alla struttura che abbiamo scelto, occorrerà attendere la risposta della struttura stessa.

Solitamente, i volontari del canile cercheranno di verificare la compatibilità del richiedente e dell’animale, definendo un periodo di prova, sotto forma di una sorta convivenza “forzata” , durante la quale gli stessi volontari si occuperanno di accertare tale compatibilità, attraverso visiti, ispezioni o simili.

Ciò è molto importante,in quanto in questo modo i volontari potranno accertare se non solo la famiglia ma anche il luogo in cui l’animale andrà a vivere risultano rispondenti alle sue peculiarità fisiche e comportamentali.

L’ingresso dell’animale, soprattutto se esso, in passato, è stato vittima di abbandono, nella propria abitazione, non deve essere assolutamente causa di stress o di traumi per l’animale stesso.

Si consiglia, infatti, di presentare con gradualità i membri della sua nuova famiglia, per così dire, umana, all’animale, in modo tale da evitare di confonderlo o spaventarlo.

È importante insegnargli con dolcezza i luoghi in cui dovrà sistemarsi e, in particolare, occorre tenere presente che ogni insegnamento deve essere fatto senza alcuna forma di aggressività, per evitare che l’animale venga traumatizzato da questo comportamento aggressivo. Bisognerà, inoltre, concedere all’animale dei propri spazi personali, soprattutto nei primi periodi di convivenza,spazi in cui potrà rilassarsi qualora si senta impaurito e spaventato, evitando,così, un contatto eccessivo con la sua nuova famiglia,ancora in parte sconosciuta.

  • Canile adozioni Adottare un cane del canile è un'azione molto generosa per chiunque decida di farla. Per fare ciò, bisogna andare, com'è ovvio, in un canile. Lì, gli aspiranti padroni dovranno fare la domanda e verra...
  • adozioni cani Quando si prende atto della volontà di inserire, all’interno del proprio nucleo familiare,un esemplare di una razza canina, si potrà decidere di acquistare o adottare questo nostro futuro amico a quat...
  • adottare cani Molto spesso, quando si prende la decisione di inserire, all’interno della propria famiglia, un animale, in particolare un cane, non si considera una delle strade alternative che potrebbero essere int...
  • adozioni cani Quando si desidera introdurre nella propria famiglia un nuovo amico a quattro zampe si dovrà effettuare una scelta tra l’acquisto o l’adozione dello stesso.L’acquisto di animali, com’è noto, può ess...

Perfect Petzzz Barboncino Peluche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,56€


cani in adozione: Dove adottare un cane?

L’adozione di un cane, come già sottolineato, può avvenire presso specifiche strutture, denominate canili.

In passato, queste strutture erano principalmente di natura privata mentre, oggi, la loro natura è stata regolarizzata ed esso sono quasi sempre attualmente gestite dai comuni e dalle provincie che, quantomeno, finanziano quelle che un tempo erano strutture esclusivamente private.

È possibile, comunque, adottare questi animali anche presso animali che posseggono una cucciolata molto numerosa e che decidono, per l’appunto, di dare in adozione questi cuccioli.

È possibile, inoltre, presso moltissime associazioni di volontariato o anche presso gli stessi canili, procedere ad una particolare forma di adozione, che è l’adozione a distanza.

Questa particolare forma di adozione prevede la definizione di una sorta di rapporto contrattuale tra il soggetto adottante e il canile o l’associazione suddetta.

L’adottante afferma di volere destinare una certa somma di denaro all’associazione, somma che sarà destinata alla cura dell’animale scelto dall’adottante stesso,che continua, però, a risiedere presso la suddetta associazione o presso il canile d’appartenenza.

La quota da versare viene solitamente pattuita dietro accordo tra l’associazione e l’adottante e può essere versata annualmente o attraverso delle rate semestrali o mensili, a seconda di quelle che sono le specifiche necessità dell’adottante. L’adottante, inoltre, dietro accordo con la struttura, potrà anche visitare periodicamente l’animale a cui si è scelto di destinare la propria quota di partecipazione per partecipare attivamente al suo sviluppo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO