Greyhound

Il Greyhound

Le origini del Greyhound, o Levriero Inglese a pelo raso, non sono inglesi ma bensì asiatiche. I primi levrieri arrivarono dalle terre orientali all’Inghilterra circa due secoli prima della nascita di Cristo, quando le tribù celtiche provenienti dal Belgio portarono sull’isola questa razza particolare. Senza dubbio comunque i levrieri erano presenti al periodo dei sassoni, poiché in alcuni documenti ufficiali veniva emanato che Levrieri, Mastiff e altri cani da caccia erano ad uso esclusivo della nobiltà. La prima descrizione del levriero inglese, ironia della sorte, fu redatta da un francese, Gages de la Bugne che così descriveva il cane “Muso di Luccio, artigli da leone, collo di cigno; orecchie di serpente aveva, che sulla testa gli giaceva”. Attorno al XVI secolo questi levrieri diventarono i protagonisti indiscussi di un’attività molto di moda all’epoca: il coursing. Questa attività consisteva nel far competere in velocità e abilità due levrieri lanciati alla caccia di una lepre, ma soprattutto nel fare scommettere i loro padroni sull’esito di questa prova. Nel 1776, quando il coursing era ormai codificato e diffuso, lord Oxford mischiò dei Greyhound con dei Bulldog, per incattivire la razza, e si ottennero così il pelo raso e la muscolatura definita tipici di questa razza. Con la finalità del coursing si diffusero molti club nei quali gli appassionati si riunivano e che quindi presero l’onere di selezionare la razza.

Un’altra gara che rese oltremodo popolari i levrieri fu il racing. Questa disciplina, inventata in america, consisteva nel far correre dei cani dietro ad un’esca e venne ideata per intrattenere gli appassionati di corse ippiche dopo le gare. Immediatamente il racing non ebbe successo, perché non reggeva il confronto con le gare dei cavalli, ma quando la disciplina venne separata dai cavalli ebbe un successo dilagante in tutti gli Stati Uniti.

La finalità principale dei levrieri è il lavoro e la corsa, ma è capitato anche che i cani da esposizione iscritti al Kennel Club vincessero delle competizioni.

foto del Greyhound

Greyhound in bronzo modello carbone - realizzato a mano - 588b

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,66€


Caratteristiche e standard del Greyhound

Il Greyhound è un cane solido, imponente, proporzionato e con muscoli potenti. Di resistenza e vigore notevole, sa anche essere un cane dolce e intelligente. Si affeziona al padrone ed è sempre equilibrato. Legato da secoli alla classe aristocratica per l’eleganza del suo portamento e per il suo costante contegno, il Greyhound è uno dei cani più veloci al mondo, in grado di correre più veloce di un cavallo e di superare gli 80 km all’ora. Si può considerare un corridore nato: corre e stacca tutti i cani, corre anche senza selvaggina, corre solamente per il gusto di correre. Questo cane è abbastanza indipendente ma addestrabile, a patto che si voglia vedere un talento naturale placato. Quando è in casa il Greyhound si trasforma in un tranquillo, silenzioso e placido cane da compagnia, anche se non si lascia mai andare ad effusioni e con gli estranei è sempre riservato e timido.

La testa del Greyhound è lunga e stretta, con il cranio piatto e lo stop poco marcato. Gli occhi sono brillanti, ovali disposti obliqui e solitamente scuri. Le orecchie sono piccole e rosa, a tessitura fine. Il corpo ha il torace disteso, fianchi scavati e dorso lungo, largo e squadrato. La coda del Greyhound è lunga, di attaccatura leggermente bassa, grossa alla radice si assottiglia all’apice. Il pelo è fine e compatto e può essere di svariati colori: nero, bianco, rosso, blu, fulvo, daino e tigrato. Gli esemplari maschi sono alti tra i 71 e i 76 cm al garrese e le femmine tra i 68 e i 71 cm.


  • foto del saluki Il Saluki è un levriero di origini persiane ed infatti il termine stesso “saluki” deriva dall’arabo classico e significava levriero in senso generale. Nelle terre dell’Africa settentrionale in realtà ...

Sitecom Greyhound AC2600 Router Wi-Fi DB, Nero/Antracite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 204,9€
(Risparmi 145,09€)


Alimentazione del Greyhound

Al Greyhound va fornita una dieta equilibrata e corretta. I cucciolo hanno bisogno di alimentarsi più volte nel corso della giornata ed hanno delle esigenze nutritive particolari. Esistono dei mangimi pronti adatti alle esigenze dei piccoli che non faranno mancare nulla all’animale. La scelta tra mangimi pronti e pasti fatti in casa va fatta tenendo presente che i mangimi sono equilibrati alle esigenze del cane ma meno appetitosi, mentre i pasti fatti in casa sono più graditi ma comportano il rischio di un errato apporto calorico e di un alimentazione scorretta. Gli adulti hanno bisogno di una razione giornaliera di 600-700 grammi di alimento che può essere suddivisa in due pasti. Non lasciate mai il vostro cane senza la ciotola dell’acqua.


Malattie del Greyhound

Vaccinate sempre il vostro Greyhound contro le più comuni, ma pur sempre gravi, malattie infettive. Dopo una visita dal veterinario vi verrà suggerito un programma di vaccinazioni che solitamente combatte le seguenti malattie: cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Molto importante è anche la sverminazione del cane, un trattamento sanitario che eviterà la formazione di vermi nel cane. Il Greyhound non ha particolari problemi fisici e malattie ereditarie ed è uno dei pochissimi cani di taglia grande a non essere affetto da displasia dell’anca. La sua salute è sempre ottima ed ha una longevità notevole (14-16 anni).




COMMENTI SULL' ARTICOLO