Boxer

Il Boxer

Per cercare le origini profonde del Boxer bisogna andare molto indietro nel tempo, addirittura all’epoca dei fenici, che sembra furono il primo popolo a portare in Europa i molossi, cani con la testa larga e schiacciata diversi dai cani con la testa allungata. L’antenato più antico di boxer conosciuto è il Bullenbeisser, un molosso molto forte e combattivo usato nella caccia al cinghiale ma per ritrovare il primo esemplare riconosciuto di Boxer bisogna andare al 1895. In questo anno infatti nella città bavarese di Monaco venne presentato in un’esposizione canina Flocki, il primo esemplare della futura razza, figlio di un incrocio tra madre Bullenbeiser e padre Bulldog. Curioso è notare il fatto che la sorella del capostipite della razza era di colore bianco, un colore che verrà poi bandito dai concorsi. Nacquero così i primi boxer club e la razza venne selezionata pian piano fino ad arrivare ai giorni nostri.

foto del boxer

Calvin Klein - Biancheria intima Cotton Stretch 3 Pack, Uomo, (schwarz/weiß/grau), M

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,91€
(Risparmi 5,04€)


Standard dei Boxer

Il Boxer è un molosso a pelo corto, forte, agile, magro e scattante. Il maschio deve pesare attorno ai 30 kg ed essere alto trai 57 e i 63 cm. La femmina invece deve pesare attorno ai 28 kg ed avere una altezza al garrese che varia tra i 53 e i 59 cm. La testa è particolare, con un rapporto armonico tra muso e cranio, ed è fondamentale per la classificazione del Boxer. Vista da davanti deve ricordare la figura del quadrato, con il muso che deve essere largo almeno quanto il cranio, il quale invece deve essere leggermente convesso con la fronte alta. L’occhio deve trovarsi in posizione sub-frontale, limpido e scuro con contorno scuro. Dal 2001 è stato modificato lo standard per quanto riguarda le orecchie e la coda che devono essere lasciate integre. Il collo deve essere robusto ma non troppo grosso. Il torace deve arrivare fino al gomito, mentre il dorso deve essere corto, dritto, largo e muscoloso. Infine il posteriore deve essere muscoloso. Il boxer può presentare un mantello fulvo, tigrato, bianco o pezzato ma i tipi accettati nello standard sono esclusivamente il fulvo o il tigrato e le macchie bianche non devono superare un terzo del mantello.

  • boxer canile La razza dei boxer fa parte della famiglia canina dei molossoidi, una famiglia abbastanza vasta e numerosa che contiene razze di cani che hanno corporatura e cranio abbastanza grossi. Il boxer non è u...
  • Allevamento cani boxer Il boxer è un cane appartenente alla famiglia dei Molossoidi;esso possiede un corpo grosso e muscoloso e il suo peso corporeo, negli esemplari maschi adulti,può arrivare anche ai 40 kg....
  • BOXER La razza canina del Boxer affonda le sue radici nella Germania della seconda metà del 1800, dove venne sviluppata per la prima volta, a partire dal Bullenbeisser e dal Bulldog inglese. E’ una razza de...
  • Boxer Fulvo Il Boxer Fulvo è un cane di razza di origine tedesca nato dell'incrocio tra il Mastino Bullembeisser e il Bulldog Inglese. Ha avuto origine nella seconda metà del diciannovesimo secolo nella città di ...

6 boxer uomo GIVOVA cotone elastico colori assortiti art.G9000 (GRIGIO/NAVY/NERO) (TG.L)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,56€


Carattere del Boxer

Il Boxer è un cane protettivo nei confronti del padrone e della famiglia di appartenenza. E’ un cane coraggioso e fedele adatto come cane da guardia ma non solo. Nonostante la prestanza fisica e la forza, se correttamente addestrato non crea alcun problema in casa. Il padrone deve però avere le idee chiare e la mano salda per formare il carattere del boxer e svolgere correttamente il suo addestramento. Il cane è infatti molto vivace, attivo e giocoso ed è pieno di energie. Una vita da appartamento potrà anche essere sopportata dal cane a patto che siano frequenti le camminate e le passeggiate e che non resti troppe ore da solo.


Alimentazione del Boxer

Nell’alimentazione del boxer ci si può attenere alle regole generali di alimentazione dei cani. Nello specifico i cuccioli necessitano di 3 pasti giornalieri fino all’età di sette mesi e anche dopo l’anno si consiglia comunque sempre di mantenere i tre pasti. I consigli dell’allevatore sono da tenere in considerazione per quanto riguarda tipo di alimentazione, sulle marche da scegliere, sul dosaggio e sul tipo di crocchette da scegliere. Evitare di fare compiere una attività fisica dopo i pasti: il Boxer soffre di torsione allo stomaco. Per quanto riguarda il bere si consiglia di alzare leggermente la ciotola dal suolo per facilitare la deglutizione e inoltre di non fare bere il Boxer subito dopo sforzi intensi perché potrebbe rigurgitare l’acqua bevuta.


Malattie del Boxer

Le vaccinazioni che si consigliano per il cucciolo di boxer sono le seguenti: cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Deve essere costante anche l’attenzione ai vermi con eventuali sverminazioni. L’igiene del boxer è molto importante e si consiglia di pulire di tanto in tanto il muso, per evitare dermatiti dovute alla permanenza dei residui di cibo. Anche gli occhi, le orecchie i denti e le zampe vanno controllate periodicamente. Nel boxer sono presenti alcune malattie congenite ed altre ereditarie. Una malattia congenita è una malattia che si presenta dalla nascita mentre una malattia ereditaria è dovuta al dna e si può manifestare sia alla nascita che dopo alcuni anni. Il boxer ha delle cardiopatie ereditarie, come la stenosi aortica e la stenosi polmonare, e malattie scheletriche ereditarie come la displasia dell’anca. Una malattia scoperta recentemente e continuo oggetto di studi è la nefropatia renale giovanile, che si manifesta nei giovani con un’insufficienza renale e che comprende all’interno un elevato numero di patologie più specifiche come displasia renale, rene policistico, disfunzioni tubulari e glomerulari.




COMMENTI SULL' ARTICOLO