Pastore tedesco

Il pastore tedesco

Il Pastore Tedesco oltre ad essere una razza tra le più famose è anche una razza molto importante per gli innumerevoli impieghi che questa può avere in soccorso alle attività dell’uomo.

Storia del pastore tedesco

La razza, di origine sconosciuta, è stata selezionata nel XIX secolo da un nobile tedesco, Max von Stephan, il quale con metodi rigorosi ha delineato ed identificato questa razza. Le ipotesi sulla sua origine sono diverse: alcuni sostengono che sia derivata da lupi selvatici incrociati con cani domestici mentre altri che sia la diretta discendente di un cane presente già dall’età del bronzo. Comunque la razza attuale è il frutto di decenni di lavoro volti a definire una razza con dei caratteri ricercati ed inconfondibili.

foto del pastore tedesco

Conoscere, educare e addestrare il pastore tedesco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,3€
(Risparmi 2,7€)


Morfologia del pastore tedesco

La testa è considerata proporzionata, con un muso allungato e dotato di denti abbastanza sani (42) con gli incisivi che si uniscono perfettamente a forbice. Le orecchie, larghe alla base e con l’attaccatura alta, sono dritte e di media grandezza, a punta, con il padiglione rivolto in avanti. A differenza degli adulti, i cuccioli possono avere orecchie pendenti fino al sesto mese di età. Gli occhi del pastore tedesco sono di media grandezza, a mandorla ed obliqui, di colore simile a quello del pelo. Il collo, il tronco e gli arti sono robusti e muscolosi ma nascosti nella loro robustezza da un pelo lungo e folto. La coda è anch’essa folta e pelosa. Il mantello può essere sostanzialmente di tre tipi: a pelo duro e compatto, a pelo lungo e compatto e a pelo lungo. Il colore è nero con sfumature brune e giallastre oppure grigio chiaro con sfumature scure. Possono esserci delle macchie bianche sul petto senza pregiudicare la qualità della razza. I maschi hanno un’altezza al garrese che varia dai 60 ai 65 cm ed un peso compreso tra i 30 e i 40 kg, mentre le femmnine hanno un’altezza al garrese da 55 a 60 cm e un peso da 22 a 32 kg.

  • Pastore Tedesco Il Pastore Tedesco appartiene alla categoria “cani di taglia grande”; il suo peso, infatti, è, di 30 - 40 Kg per i maschi, mentre per le femmine è di 22 - 32 Kg; l’altezza al garrese si aggira intorno...
  • Addestramento pastore tedesco Il pastore tedesco, chiamato anche pastore alsaziano, è un cane di medie-grosse dimensioni di origine tedesca. Il pastore tedesco è un cane molto intelligente e,per questo motivo, è sempre stato utili...
  • Alimentazione pastore tedesco Il pastore tedesco è un cane proveniente dalla Germania. Questo cane è dotato di una struttura abbastanza possente e robusta ed è oggi molto diffuso in tutta Europa, compresa l’Italia. Il pastore tede...
  • Displasia pastore tedesco Il pastore tedesco è un cane dalle medio- grosse dimensioni derivante dalla Germania. Il pastore tedesco, sebbene in un primo momento fosse diffuso particolarmente nel suo paese d’origine, è oggi pres...

Papo 54004 Pastore tedesco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,4€
(Risparmi 3,4€)


Carattere del pastore tedesco

Il pastore tedesco è famoso per la sua intelligenza, il suo equilibrio e la sua compostezza. Adatto ad innumerevoli compiti, può essere un cane da accompagnamento, da difesa, da pastore, da guardia e di servizio. Il coraggio, la combattività e la tempra lo rendono uno dei cani più usati per il servizio civile nella ricerca di persone disperse nella neve (cane da valanga), di persone disperse tra frane e terremoti (cane da catastrofe) e anche di persone disperse in un ambiente normale (ricerca in superficie). Il pastore tedesco è un cane che se addestrato correttamente può essere ottimo per essere una guida per persone non vedenti, aiutando il diversamente abile negli spostamenti e nella vita quotidiana. Il cane deve però essere di indole socievole ed equilibrata per svolgere questo lavoro. Molti pastori vengono usati poi come cani da ricerca antidroga nelle forze di polizia. Per questo particolare compito vengono scelti cani predisposti al gioco, alla ricerca e con prontezza fisica e di riflessi. L’impiego è sempre più frequente. Esiste anche l’impiego militare del pastore tedesco, come cane da guardia o da combattimento. L’impiego più classico infine, che da il nome alla razza, è quello di cane da pastore come conduttore del gregge. Il pastore tedesco infatti, prestante, scaltro e sicuro negli atteggiamenti viene rispettato dalle bestie ed è utilizzato per indirizzare gli spostamenti delle mandrie evitando danni alle colture oltre a possibile perdite di capi.


Alimentazione del pastore tedesco

Il pastore tedesco è robusto e onnivoro, quindi mangia praticamente tutti gli alimenti naturali. Può essere rischioso dare animali con ossa piccole e fragili perché potrebbero creare dei danni all’apparato digerente. Il fegato è l’unica parte debole del pastore tedesco. Si consiglia di variare il più possibile la dieta e di lasciare a disposizione del cane sempre la ciotola dell’acqua.


Pastore tedesco: Malattie del pastore tedesco

Oltre alle solite malattie per le quali è opportuno sempre vaccinare l’animale (cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia), il pastore tedesco presenta delle predisposizioni ad alcune malattie ossee ed oculari come la displasia dell’anca, la degenerazione progressiva del midollo spinale, la cheratite cronica superficiale (CSK), la distrofia epitelio/stromale corneale, la cataratta, la displasia retinica, l’atrofia retinica generalizzata e l’ipoplasia del nervo ottico. Altre malattie riscontrabili nel pastore tedesco sono l’eczema e la cheratite pannosa. L’eczema consiste nella comparsa di un forte prurito, di lesioni alla pelle che causano la caduta dei peli e la formazioni di crosticine. Le cause dell’eczema possono essere diverse e una di queste è la reazione allergica alle punture di pulci. Un collare antipulci potrebbe essere una buona soluzione al vostro problema. La cheratite pannosa è invece una malattia autoimmune che si nota per l’infiammazione della cornea. Se trattata precocemente si può guarire senza problemi anche se può tornare. Un’altra malattia, la diarrea cronica, può essere spesso riscontrata nel pastore tedesco ed è dovuta ad una mancata produzione di enzimi. Delle analisi sulle feci possono dimostrare quale alimento provoca la reazione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO