Mastiff

Il Mastiff

Il Mastiff è senza dubbio il membro più celebre tra le famiglie canine britanniche ed è stato definito il Dogo nazionale britannico. Convive con l’uomo da più di diecimila anni e le prime testimonianze di questo animale risalgono ai Sumeri, i quali li conoscevano ancor prima degli Egizi. Successivamente furono gli Assiri che si affezionarono a questo mastino e dei ritrovamenti del VI secolo a.C. ne testimoniano il legame. Su una piastrella di terracotta ritrovata nel Palazzo di Ninive è infatti raffigurato un dogo dalle misure imponenti e molto massiccio, che ricorda proprio il Mastiff moderno. I Fenici furono invece, come anche per altre razze, i veri diffusori della razza nell’Europa centro occidentale. Grazie agli scambi commerciali con la Cornovaglia, dove i Fenici compravano lo stagno per la produzione del Bronzo, l’antenato del Mastiff arrivò sulle isole britanniche, dove si ambientò perfettamente. Nei quaderni di Giulio Cesare, tra gli appunti di guerra del famoso condottiero romano si possono leggere dei paragrafi che parlano dei potenti e maestosi doghi in dotazione alla popolazione indigena britannica, che battevano senza pietà i cani dell’esercito romano durante gli scontri. I Romani, colpiti dalla potenza di questo animale, si impadronirono di alcuni esemplari e incominciarono ad allevarli con lo scopo di farli poi combattere in qualche spettacolo circense contro orsi e altri cani.

Dall’anno 1017, in cui venne vietato a contadini e servi di possedere cani, il Mastiff divenne un’esclusiva dell’aristocrazia britannica, che vietò anche la caccia nelle foreste a chi non fosse nobile. Duecento anni dopo invece, nel 1272, uscirono altre leggi simili ma ancora più severe. Un funzionario reale era incaricato di ispezionare i mastini di notevole taglia e mutilare di tre dita quelli che andavano oltre certe dimensioni, per impedire così che i cani più grossi dei contadini potessero cacciare le bestie selvatiche, che dovevano essere sempre pronte per dilettare la nobiltà.

Prima utilizzato in guerra, poi utilizzato nei combattimenti, il Mastiff venne finalmente lasciato in pace nel 1835 quando una legge vietò ufficialmente i combattimenti fra cani, che però continuarono clandestinamente. Da questa data però inizio il declino del Mastiff, che senza più un impiego, iniziò a diminuire drasticamente di numero. Alcuni cinofili però si organizzarono e rilanciarono questa razza che nel 1860 partecipò ai suoi primi concorsi di bellezza. Nel 1876 venne redatto il primo standard della razza e nel 1883 venne fondato il primo club, l’Old English Mastiff Club.

foto mastiff

On-Guard Mastiff - Catenaccio, 130 x 10 cm, colore nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 63,96€
(Risparmi 18,58€)


Caratteristiche del Mastiff

Mastino Inglese Il Mastiff, nonostante le misure da “peso massimo” e la storia da cane guerriero, è un cane affettuoso e pacifico. Ottimo come cane da guardia, anche come cane da compagnia e come cane per bambini svolge un ottimo lavoro. Adora le coccole e la tranquillità e allo stesso tempo è un cane tenace, in grado di fare la guardia all’abitazione. Tollera gli altri cani e difficilmente perde il controllo. Marmoreo e muscoloso, è un cane che spesso supera i 100 kg di peso ma nonostante questo ha notevoli doti sportive che vanno sempre stimolate. La sua crescita è lunga e si arresta solo verso i 3 anni

Standard del Mastiff

La testa del Mastiff appare quadrata, larga e robusta, così come il corpo è largo, massiccio, lungo e alto. La fronte è piatta con rughe e il muso è corto e largo. Gli occhi sono piccoli, distanziati e di colore nocciola mentre le orecchie sono piccole, sottili e ben distanziate l’una dall’altra. Il tronco presenta il petto largo che discende nella regione dello sterno. La coda è attaccata alta, larga alla radice e stretta all’apice. Il pelo è corto e ben disteso, colorato fulvo albicocca, fulvo argento o fulvo a fondo rosso. L’altezza al garrese varia tra i 66 e gli 82 cm e il peso tra i 60 e gli olre 100 kg.


  • foto del bullmastiff Storia del BullmastiffGià dal nome si capisce che questo cane discende da due razze piuttosto note, il Bulldog ed il Mastiff, e se dovessimo scegliere il proverbio che più si addice a questa razza n...
  • Bullmastiff Il bullmastiff è un cane di origine inglese; la razza venne riconosciuta nel 1924, quando dopo vari tentativi di incroci tra cani di razze molossoidi, tale Sam Mosley ottenne dei cuccioli di bullmasti...
  • il bullmastiff si inserisce bene in famiglia Nonostante la sua mole il Bullmastiff è molto rapido e veloce nell'attacco, ma allo stesso tempo dimostra tutta la sua dolcezza al padrone e a tutta la sua famiglia. Ama infatti molto il contatto uman...
  • Bullmastiff Il prezzo di un cucciolo di bullmastiff dipende da una lunga serie di variabili, e anche dalle esigenze dell'acquirente. In linea generale un cane sano, senza problematiche congenite, e adatto anche a...

Mastiff

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Alimentazione del Mastiff

Cucciolo di Mastino Inglese Data la stazza è chiaro che il Mastiff deve mangiare molto, circa 1 kg di alimento al giorno. L’alimentazione deve essere completa ed equilibrata e suddivisa in 2 pasti al giorno. L’alimentazione nelle fasi di crescita del Mastiff deve essere adeguata al periodo ma in questo cane il discorso è leggermente diverso dalle altre razze. Lo sviluppo del Mastiff è infatti più lungo, dura all’incirca tre anni e si suddivide in tre fasi. Dallo svezzamento fino ai tre mesi si consigliano quattro pasti, poi tre pasti da tre a sette mesi e infine due pasti oltre i sette mesi. La razione di cibo dovrà aumentare parallelamente all’aumento di peso. Sia mangimi preconfezionati che cibi casalinghi possono essere utilizzati come alimento ma le razioni vanno controllate e calcolate.


Malattie del Mastiff

Si consigliano le vaccinazioni comuni (cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia) e delle costanti sverminazioni. La vita media di un Mastiff dura all’incirca dieci anni. Nel Mastiff si possono presentare abbastanza frequentemente alcune malattie congenite come la displasia dell’anca, la displasia del gomito e la torsione dello stomaco.


Addestramento del Mastiff

addestramentoSe decidete di scegliere un cucciolo di mastino inglese dovete sapere che il suo addestramento dovrà essere meticoloso, costante e dovrà iniziare da subito! Il carattere di questo cane può infatti, se non educato, può diventare troppo irruento per una famiglia. La scelta migliore sarebbe quella di portare il vostro cucciolo ad una scuola di addestramento una volta alla settimana, a casa poi andranno rinforzate quotidianamente le abitudini apprese in modo che l'addestramento sia continuo e graduale. Questa razza di cane ha anche bisogno di molto tempo per correre e per stare all'aria aperta, se rispetterete questa regola in casa sarà più docile. Se addestrato in modo corretto, specialmente da un addestratore che conosce la razza, il vostro mastino inglese potrà anche diventare un ottimo cane da guardia o da difesa personale.


Mastiff prezzo

Se state prendendo in considerazione la possibilità di adottare un mastiff inglese c'è una cosa che va chiarita subito: il mastino inglese è un cane costoso. Dall'acquisto al mantenimento, questa razza non comporta sicuramente lo stesso impegno economico di un cane di piccola taglia o di un toy dog.

Per farvi un'idea, già l'acquisto del cucciolo è una fase piuttosto onerosa poichè si tratta di una spesa che va dai 1500-2000 euro.

Il prezzo varia ovviamente a seconda della genealogia e del pedigree: più questi sono elevati più il prezzo lievita. I cuccioli sono ovviamente i più richiesti ma per un cane di uno o due anni i prezzi scendono perchè questi mastiff hanno meno mercato: la maggior parte delle persone che prendono un mastiff vorrebbero allevarlo a modo loro sin da cucciolo.

Il secondo aspetto importante da considerare nel costo di un mastiff è sicuramente l'alimentazione, poichè questo cane arriva a mangiare da adulto circa 1 kg di cibo al giorno. La razione è indicativa e va aggiustata a seconda dell'attività fisica e del singolo individuo ma è facile, facendo 2 conti, capire a che tipo di spesa si andrà in contro.




commenti

Nome:

E-mail:

Commento: