Mastino Tibetano

Il Mastino tibetano

Chiunque avrà già cercato delle informazioni sui molossi avrà letto più e più volte questo nome. Il Mastino tibetano è infatti considerato uno dei padri fondamentali di moltissime razze di molossi presenti al mondo. Le leggendarie vicende che hanno da sempre circondato di fascino questo nome, potrebbero deludere l’appassionato che per la prima volta vede un esemplare di questo mastino: dà l’impressione di tutto fuorché di un tenace e temerario mastino da guardia. Il problema è sicuramente dovuto alla grande vastità di varietà che sono presenti di questo cane ed al fatto che è stata riconosciuta per razza standard un ceppo europeo allevato in Inghilterra. Le testimonianze storiche che parlano di “cani grandi quanto asini” presenti nella zona del Tibet sono molte nel corso della storia, partendo da Aristotele per arrivare fino a Marco Polo. Al giorno d’oggi questa razza risulta poco diffusa, sia in Europa che nello stesso Tibet. Vengono distinte due tipologie principali di Mastino tibetano: uno più leggero e agile, da pastore, e uno più pesante, con i tipici tratti da molosso ben marcati, da guardia.

foto del tibetan mastiff

Mastino Tibetano, portachiavi di cane, ArtDog

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Carattere e morfologia del Mastino Tibetano

mastino tibetano Il Mastino tibetano è da sempre stato allevato per proteggere monasteri, tribù, villaggi ed è un ottimo cane da guardia. Piuttosto indipendente, richiede molti sforzi per essere addestrato e resta comunque sempre piuttosto indipendente. Non è sicuramente “facile” come altri cani ma è intelligente e se rispettato può essere anche un buon compagno per i bambini. L’ultimo standard ufficiale, del 2004, lo classifica come cane da guardia, da compagnia e da difesa del tipo dei molossi da montagna. L’aspetto deve essere imponente, pesante e robusto, serio e solenne. Piuttosto lento nella crescita ha un’ottima struttura ossea ed è adatto a lavorare in tutte le condizioni. Fedele al territorio ed alla famiglia è un cane indipendente. All’età di due/tre anni raggiunge la maturità fisica e la migliore prestanza. Le proporzioni che deve rispettare sono quella del cranio, che misurato dall’occipite allo stop è uguale al muso dallo stop alla fine del naso, e il corpo che deve essere più lungo dell’altezza al garrese. La testa deve essere grande e forte, il cranio arrotondato e lo stop ben definito. Il tartufo è grande e largo, del colore del pelo. Gli occhi del Mastino tibetano sono di taglia media, con sfumature marroni, distanziati, ovali e inclinati. Le orecchie, di media taglia, sono triangolari e pendenti, appoggiate alla testa. Il corpo e la schiena sono forti, robusti e muscolosi. Il mantello è duro, fitto con sottopelo folto e soffice e colori che vanno dal nero intenso al blu, al fulvo intenso e al rosso scuro. La coda è pelosa ed arcuata. I maschi sono alti minimo 66 cm al garrese mentre le femmine minimo 61 cm.

  • Il mastino tibetano discende dai cani orientali I progenitori del mastino gigante sono stati i padri di tutti i molossi selezionati nel mondo, sin da quando l'uomo sentì il bisogno di essere affiancato da un cane per combattere e per difendere i su...
  • Mastino tibetano a pelo rosso Il prezzo del mastino tibetano non differisce di molto da quello che si può riscontrare per gli altri cani di razza, dotati di una ottima genealogia. Questo cane è diventato famoso in Italia grazie ad...

Mastino Tibetano, segno distintivo in argento 925, portachiavi di cane, ArtDog

Prezzo: in offerta su Amazon a: 230€


Alimentazione del Mastino Tibetano

cuccioli Anche nel Mastino tibetano bisogna seguire le regole generali di una corretta alimentazione: pasti in numero di tre per i cuccioli e di 2 per gli adulti, razioni adeguate al periodo di sviluppo e all’attività fisica dell’animale. Va tenuto presente che il Mastino Tibetano ha un lento sviluppo e quindi è consigliabile mantenere l’alimentazione del cucciolo più a lungo (fino ai 15 mesi). In questo primo periodo è sconsigliata l’eccessiva somministrazione di calcio, proteine e grassi perché favoriscono l’ispessimento delle cartilagini di accrescimento rendendo le articolazioni del mastino più sensibili a fratture. Si consiglia di non eccedere con le dosi di cibo perché anche un leggero soprappeso potrebbe compromettere seriamente lo sviluppo dell’animale. Nei cibi preparati in casa bisogna prestare attenzione a non eccedere nell’apporto calorico e a dare alimenti digeribili al cane. Nel periodo adulto del cane non ci sono particolari problemi anche se questa razza ha il metabolismo basso e quindi dovremo fare razioni più contenute rispetto ad altri cani di taglia simile. Nel caso di mangimi secchi o umidi si consiglia di controllare sempre che la loro qualità sia alta.


Malattie nel Mastino Tibetano

porta fortuna cinesi Nel cucciolo di mastino si consigliano le importanti vaccinazioni a cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia. Controllare frequentemente anche che non sia infettato da vermi e procedere con puntuali sverminazioni.

Costante pulizia del mantello per evitare l’insorgere di pericolose malattie. Una malattia che è stata riconosciuta ereditaria nel mastino tibetano è la neuropatia ipertrofica. Si manifesta già a 8-10 settimane dopo la nascita e porta debolezza nel cane, incapacità di camminare, diminuzione dei riflessi.


Prezzo del Mastino Tibetano

il cucciolo più caro Se decidete di acquistare un cucciolo di questa razza, dovete tenere in considerazione che dovrete spendere molti soldi. Preso in allevamento un cucciolo di mastino tibetano può arrivare a costare dai 1500 ai 2000 euro. Insomma un prezzo considerevole, ma nulla in confronto a quanto è stato disposto a spendere un uomo d'affari cinese. Questo signore ha sborsato, in un'asta tenutasi nella città di Hangzhou nel marzo del 2014, la bellezza di 1,4 milioni di euro per acquistare un cucciolo di un anno di età. Una cifra record per un'asta canina, la più alta mai spesa per l'acquisto di un cane. Questo cucciolo, che pesa già 90 kg, secondo il suo allevatore possiede il sangue del leone (e questo ne giustificherebbe il prezzo). Già nel 2011 un altro mastino tibetano fu venduto per 1,1 milioni di euro ad un multi milionario cinese. Come spiegare queste spese folli? I mastini tibetani stanno diventando uno status symbol tra i ricchi cinesi in quanto si ritiene che questi cani portino fortuna ai loro padroni. Ma forse questi uomini d'affari, se possono permettersi di spendere così tanti soldi, un po' fortunati lo erano anche prima!




commenti

Nome:

E-mail:

Commento: