Pastore dei Tatra

Storia del Pastore dei Tatra

Questo cane da pastore è originario dei Tatra, i monti più elevati della catena dei Carpazi che si trovano tra la Polonia e la Slovacchia separando geograficamente e politicamente le due nazioni. Conosciuto in Polonia con il nome di Owczarek Podhalanski, questa razza ha come antenato più celebre il Molosso del Tibet, cane grande ed imponente originario dei monti asiatici.

Dato l’isolamento e la scarsa possibilità di accesso che caratterizza le zone di origine, gli esemplari di Pastore dei Tatra sono rimasti per molto tempo isolati e non hanno subito l’apporto genetico di altre razze. In questo modo la razza è rimasta molto pura e si è trasmessa con le sue caratteristiche inalterate fino al giorno d’oggi.

Nei secoli i pastori polacchi hanno saputo apprezzare le grandi qualità di questo cane, molto resistente e laborioso oltre che perfettamente adattato alla dura vita di montagna di zone dal clima rigido come i monti Tatra. Per secoli questa razza è stata una fedele collaboratrice dell’uomo ma al giorno d’oggi ha perso gran parte degli utilizzi agro-pastorali che aveva in passato. Attualmente il Pastore dei Tatra ha saputo farsi conoscere anche per le sue grandi doti di cane da compagnia e ha trovato un nuovo ruolo nella moderna civiltà industrializzata, in parte grazie anche al lavoro di allevatori e promotori della razza.

Il Pastore dei Tatra viene utilizzato oggi come cane per ciechi, in grado di condurre i non vedenti con estrema affidabilità e precisione. La grande intelligenza e l’ubbidienza di questo cane lo hanno reso anche un ottimo cane per l’esercito ed un grande cane da salvataggio per le sue buone qualità natatorie.

Il primo standard di razza è stato redatto nel 1932 ma solo nel 1967 questa razza ha ottenuto il riconoscimento della Federazione Cinologica Internazionale. Attualmente il Pastore dei Tatra è molto diffuso in Polonia mentre oltre i confini del suo paese d’origine è ancora poco conosciuto e diffuso.

foto del pastore dei pirenei


Caratteristiche del Pastore dei Tatra

Le qualità del Pastore dei Tatra sono innumerevoli: intelligente, ubbidiente, fedele al padrone e coraggioso. Queste positive e numerose caratteristiche hanno reso nel tempo questa razza adatta a diversi scopi e a diversi compiti. Come cane da pastore si comporta egregiamente, in grado sia di eseguire perfettamente gli ordini che di capire quando deve agire di testa sua per necessità. La sua grande intelligenza, unita al suo coraggio, lo rende anche un buon cane da guardia in grado di capire le diverse situazioni e di riconoscere le persone ben accette in casa dai veri e propri intrusi.

Con i bambini, nonostante la taglia e la potenza, sa essere un ottimo cane sia come compagno instancabile dei giochi più disparati che come vigile e protettivo guardiano.

Una cosa che si deve assolutamente sapere su questa razza è che a differenza di altri cani di montagna che sopportano anche le temperature più elevate ed i climi più caldi, il Pastore dei Tatra non può vivere lontano dai monti e soffre oltremodo la vita in case piccole ed in appartamento. Un buon giardino spazioso è indispensabile per questa razza perché il movimento è fondamentale per il Pastore dei Tatra: senza questo infatti si rischia di compromettere lo sviluppo di una corretta costituzione e di ossa sane e robuste.

Standard del Pastore dei Tatra

Cane di taglia grande con il corpo dalla sagoma rettangolare. La testa deve essere proporzionata al corpo con cranio grande e squadrato e muso grosso e a punta. Il tartufo ha narici nere e ben sviluppate e lo stop è netto. Gli occhi del Pastore dei Tatra sono tondi, molto espressivi e di media grandezza. Le orecchie sono mediamente lunghe, a forma triangolare, attaccate poco più alte dell’occhio e portate basse aderenti alla testa. Il corpo è robusto, muscoloso e lungo con dorso dritto e petto profondo. La coda ha attaccatura a media altezza ed è molto pelosa. Gli arti anteriori sono forti con ossa grandi così come gli arti posteriori, muscolosi e forti e ben angolati ed in appiombo. Il mantello ha pelo corto e folto su testa, muso e parte bassa degli arti mentre sul resto del corpo il pelo è lungo, liscio e dritto. Il colore del mantello è bianco. Il Pastore dei Tatra è alto al garrese da 65 a 70 cm per i maschi e da 60 a 65 cm per le femmine. Il peso oscilla invece tra 35 e 45 kg nei maschi e tra 30 e 40 kg nelle femmine.



    Alimentazione del Pastore dei Tatra

    La razione alimentare di un Pastore dei Tatra adulto è di circa 600-700 grammi di alimento al giorno, da adattare alle reali esigenze dettate dal metabolismo dell’animale. L’alimento deve essere completo, sano e correttamente bilanciato.


    Malattie del Pastore dei Tatra

    Il Pastore dei Tatra vive senza problemi anche più di dodici anni e come tutti i buoni cani da pastore montanari è inverosimilmente rustico e resistente. Gli unici accorgimenti che dobbiamo avere con questo cane sono una spazzolatura regolare e dell’attività fisica costante per permettere la corretta formazione del suo fisico e della corporatura.




    commenti

    Nome:

    E-mail:

    Commento: