Rhodesian Ridgeback

Storia del Rhodesian Ridgeback

L’origine del Rhodesian Ridgeback è sicuramente molto antica, ma la prima apparizione della razza su un documento scritto risale al 1652, anno in cui i primi coloni partiti dall’Europa arrivarono in Sud Africa e fondarono Cape Town. Sicuramente il Rhodesian era già presente in quei territori dell’Africa da chissà quanti secoli, ed era sicuramente già stato sfruttato dalle popolazioni indigene per la caccia. Questo cane, metà addomesticato e metà selvaggio, veniva infatti sfruttato per la caccia al leone per le sue formidabili doti fisiche. Il compito del Rhodesian era quello di cercare il leone nella savana, scovarlo e poi farlo dirigere verso i cacciatori appostati e pronti per l’assalto.

La particolarità che risultò subito evidente ai coloni europei fu la striscia di peli dorsali impiantati in senso inverso rispetto al resto del mantello che il Rhodesian ha sul dorso. In seguito la razza subì la contaminazione di diversi cani europei, in particolare di cani da muta e di mastini, ma la caratteristica “spada di pelo” sul dorso è rimasta tale quale fino ai giorni nostri. Anche il famoso Livingston fa cenno del Rhodesian Ridgeback e ne dipinge le sembianze in un suo famoso libro del 1857, Missionary Travels in South Africa.

All’inizio del XX secolo si sviluppò in Sud Africa un interesse crescente verso questa razza, che spinse molti cinofili ad occuparsi della sua salvaguardia e della salvaguardia delle caratteristiche originali. Nel 1922 fu fondato il primo club e venne ufficialmente redatto il primo standard.

Al giorno d’oggi risulta molto difficile classificare questa razza. Non si può determinare con facilità se questo cane sia più vicino ai levrieri, ai cani da muta oppure ai cani da caccia. Recentemente il Rhodesian è stato inserito nel gruppo dei cani da boscaglia adatti ad alzare la selvaggina, e per certi versi questa classificazione appare la più logica.

foto del Rhodesian Ridgeback


Caratteristiche del Rhodesian Ridgeback

La selezione attenta e scrupolosa che è stata fatta sulla razza ha portato ad avere dei Rhodesian meno indipendenti ed autonomi che in passato. Al giorno d’oggi questo cane non è più il selvaggio cane che ai tempi dei coloni viveva a margine dei villaggi entrando solo sporadicamente in contatto con l’uomo. Non è più nemmeno un cane riservato e distaccato ed ha un carattere di tutt’altro tipo. Attualmente il ruolo che riveste il Rhodesian è quello di cane da guardia e di cane da compagnia e non viene più utilizzato per safari e battute di caccia. L’energia e la vivacità di questo cane sono però rimaste immutate, così come le sue grandi doti di velocista (è in grado di raggiungere una velocità in corsa tra i 60 e gli 80 km/h). Come cane da guardia è formidabile e segnala la presenza di intrusi e sconosciuti con dei latrati impressionanti. In casa e quando è tranquillo con il padrone non abbaia mai ed è un cane molto calmo, che apprezza anche divani e salotti una volta che ha sfogato le sue riserve di energia. Secondo allevatori e cinofili è un buon cane anche per i bambini, per i quali è sempre un paziente ed ottimo compagno di giochi.

Cane sportivo, il Rhodesian va comunque controllato nelle passeggiate e nelle uscite perché in certe occasioni il suo istinto alla caccia può fuoriuscire in pochi attimi.

Standard del Rhodesian Ridgeback

Cane forte, impiantato a terra, muscoloso e stabile. Il portamento del Rhodesian è armonioso e il suo fisico è un giusto mix di potenza ed agilità. La testa deve essere piuttosto lunga con il cranio piatto e largo fra le orecchie. Lo stop è ben marcato ed il tartufo è nero, di media grandezza, oppure marrone se gli occhi sono color ambra. Il muso, come la testa, è lungo con mascelle forti e labbra combacianti. Gli occhi del Rhodesian sono rotondi ed espressivi, di colore simile a quello del mantello. Le orecchie invece sono attaccate alte, mediamente grandi, fini, lisce e portate cadenti. Il collo è piuttosto lungo e forte mentre il corpo è muscoloso e robusto. Il petto non è largo ma è ampio mentre il dorso è possente e muscoloso. Gli arti anteriori sono ben in appiombo, dritti e robusti. Gli arti posteriori hanno muscoli forti e scolpiti con grasselle ben angolate e garretti discesi. Il mantello ha pelo corto e folto, liscio e lucente, di colore variabile dal frumento chiaro al rosso fulvo. Il Rhodesian ha un’altezza al garrese variabile da 61 a 66 cm nelle femmine e da 63 a 68 cm nei maschi. Il peso invece va dai 30 ai 40 kg.

  • Cane secco

    Crocchette per cani Il cibo secco per cane è realizzato con una speciale miscela di ingredienti che mira a fornire tutti i nutrienti necessari al mantenimento del benessere psicofisico ottimale. Solitamente formulati in


Alimentazione del Rhodesian Ridgeback

Il Rhodesian ha bisogno di una razione alimentare di 500-700 g di alimento al giorno. La razione deve essere completa ed equilibrata e varia nel peso a seconda delle singole esigenze e del metabolismo dell’animale.


Malattie del Rhodesian Ridgeback

Il Rhodesian vive in media circa dodici anni e non ha particolari problemi di salute congeniti alla razza. Il pelo è corto e non ha bisogno di particolari cure. Si consiglia, come per le altre razze, una attenta visita medica quando il cane è cucciolo e la somministrazione delle comuni vaccinazioni.





commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


12:56:43 -
MONICA - commento su Rhodesian Ridgeback
Buongiorno, esistono allevamenti in Otalia del Rhodesian Ridgeback? Ne vorrei tanto uno. Grazie Monica
11:52:31 -
Giuseppe tasso - commento su Rhodesian Ridgeback
Buongiorno è possibile ricevere un PDF con maggiori informazioni sul Rhodesian Ridgeback? Grazie Cordiali saluti Giuseppe