Anatra domestica

Caratteristiche

L’anatra domestica è un anseriforme appartenente alla famiglia degli anatidi. E’ il frutto dell’addomesticamento dell’anatra selvatica o Germano Reale, da cui discende direttamente. L’anatra è stata addomesticata fin dall’antichità per la sua carne, per le uova, per le piume e anche come animale ornamentale. A seconda della razza di appartenenza l’anatra domestica può avere caratteristiche differenti e assomigliare di più o di meno all’anatra selvatica. La prima grande differenza tra il Germano reale e l’anatra domestica sta nella grandezza e nel peso. Il primo, infatti, può pesare fino a un massimo di 1400 grammi mentre le razze domestiche possono arrivare anche a pesare quattro chili. Diverso è anche il colore del piumaggio, del becco o delle zampe. L’anatra domestica, inoltre, rispetto a quella selvatica è poligama e ogni maschio può avere fino a sette femmine, cosa che non accade allo stato selvatico dove viene praticata la monogamia. Anche la deposizione delle uova è più numerosa con razze domestiche che arrivano a deporre più di 100 uova l’anno. In base al peso e alla razza le anatre domestiche sono divise in quattro classi diverse: bantam, leggera, media e pesante. Della prima classe fanno parte la Nana Becco Corto, la Australian Spotted e la Smeraldo; alla classe leggera appartengono la Corritrice Indiana e la Campbell; alla media appartiene la Orpington, la Ciuffata e la Svedese mentre alla classe pesante appartengono, infine, la Pechino, la Rouen e la Sassonia. Le razze possono essere distinte anche in base al paese d’origine e alla tipologia produttiva. Si avranno quindi le razze da esposizione, quelle da uova, quelle da carne e quelle da uova e carne. In Italia esiste una sola anatra autoctona, la Germanata Veneta.
anatra domestica

Poliestere Nero Polizia domestico di stile della maglia Cloth --L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,01€


Habitat

e distribuzione

anatra domestica Le anatre domestiche si sono adattate nel corso dei secoli a tutti i tipi di ambienti e di climi. Originarie del continente asiatico e in particolare della Cina, le anatre preferiscono ambienti acquitrinosi e umidi con una ricca vegetazione acquatica. Un habitat naturale proprio delle risaie cinesi. Nei secoli si sono adattate anche a climi e habitat diversi grazie alla loro grande duttilità. In generale per creare l’habitat naturale di un’anatra domestica occorre uno stagno o comunque una zona umida circondata da piante e alberi dove potersi nascondere e dove trovare da mangiare. Non sopportano le temperature troppo basse o i climi eccessivamente aridi.

  • anatra germano reale L’anatra, dal latino anitra, è un uccello acquatico della famiglia degli Anatidi, di cui fanno parte anche le oche e i cigni. L'anatra in particolare appartiene al genere Anas che comprende circa 150 ...
  • uova anatra Le anatre vengono allevate per svariati motivi: per la carne, per il fegato con cui viene preparato il fois gras, per le piume e per le uova. Le uova di anatra hanno le stesse caratteristiche delle pi...
  • Anatra germano L’anatra germano è un uccello della famiglia degli Antidi ed è considerata l’anatra selvatica per eccellenza. Si riconosce per la sua particolare livrea molto appariscente soprattutto nei maschi nel p...

Uccelli gioco per bambini : Puzzle con specie di uccelli ! Giochi educativi di puzzle per bimbi - APP GRATUITA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0€


Riproduzione

L’anatra domestica, a differenza di quella selvatica, è poligama e ogni maschio può accoppiarsi con un massimo di sette femmine. L’accoppiamento avviene solitamente in inverno per consentire la schiusa delle uova in primavera. L’accoppiamento vero e proprio è preceduto da un lungo rituale di corteggiamento, che si differenzia sensibilmente da specie a specie. Nel periodo invernale si forma la coppia e per questo il maschio sviluppa una livrea più appariscente, mentre in estate hanno un piumaggio più simile alla femmina. Il corteggiamento è caratterizzato da una precisa sequenza di segnali da parte del maschio e di risposte da parte della femmina. Le uova vengono covate per circa 28 giorni. Le anatre non sono delle buone chiocce ed è quindi consigliato far covare le uova a una gallina o posizionarle nell’incubatrice. In media la femmina depone dalle quattro alle dodici uova a covate. Appena nati, gli anatroccoli sono già capaci di nuotare e di nutrirsi da soli.


Anatra domestica: Allevamento

Le anatre sono uccelli acquatici e trascorrono buona parte della loro giornata in acqua, quindi se si decide di allevarle bisogna provvedere a fornirgli uno stagno o un laghetto in cui poter nuotare insieme ad un rifugio in cui potersi riposare durante la notte. Il rifugio deve essere grande abbastanza da poter ospitare comodamente tutte le anatre e deve essere orientato verso est dove spunta il sole. Nel rifugio bisogna prevedere diverse finestre e aperture sulle facciate, coperte da reti metalliche, per garantire la giusta areazione all’interno. Il tetto è meglio se è spiovente e il pavimento deve essere leggermente rialzato per evitare l’intrusione dei topi pericolosissimi per la salute di questi volatili domestici. Sul pavimento si può spargere un po’ di paglia, della segatura e delle foglie secche che fungano da materasso. La paglia deve essere cambiata molto spesso poiché sporcandosi, potrebbe creare problemi igienico sanitari per le anatre e attirare insetti e ratti. Le anatre si nutrono di qualsiasi cosa trovano nei prati, dalle larve agli insetti, fino a piccoli invertebrati e alle piante acquatiche. In cattività se si lasciano libere di nuotare e di pascolare nei prati la loro alimentazione dovrà essere integrata solo con piccole quantità di mangimi. I mangimi per anatre sono a base di granoturco, farina di mais, farina d’avena, farina di erba medica e crusca. Si può anche dare loro un pastone con del pane bagnato e fatto a pezzettini condito con un po’ di sale e qualche erba di campo.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento: