Allevatori cardellini

Allevatori autorizzati

Per diventare allevatori di cardellini occorre seguire una lunga trafila burocratica volta a ottenere le autorizzazioni previste dalla legge. L’allevamento dei cardellini, infatti, è rigidamente regolato da una serie di normative che si differenziano da regione a regione e che sono volte a scoraggiare il bracconaggio e il prelievo in natura di esemplari selvatici. Come prima cosa gli allevatori devono essere iscritti alla FOI (Federazione Ornitologica Italiana), l’unico ente preposto al rilascio degli anellini inamovibili che vanno posti alla zampa dei cardellini entro il sesto giorno dalla nascita. L’anellino è fondamentale per riconoscere un cardellino di allevamento da uno selvatico. Bisogna poi recarsi presso l’ufficio preposto della propria Provincia di residenza e chiedere l’autorizzazione per l’allevamento. Se l’autorizzazione verrà rilasciata verranno consegnati anche i registri dove annotare le nascite, le morti e le cessioni. Solo dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni si può avviare l’allevamento e cominciare a far riprodurre i cardellini. Gli allevatori autorizzati sono soggetti a controlli periodici da parte degli uffici competenti volti a verificare lo stato degli allevamenti, dei locali, delle gabbie e la regolarità dei registri. Gli allevatori autorizzati allevano cardellini per poi rivenderli. In questi allevamenti i cardellini sono tutti provvisti anelli che certificano che sono nati in cattività e che quindi possono essere regolarmente commercializzati.
allevatori cardellini


Allevatori amatoriali

Gli allevatori amatoriali possono essere di due tipi, quelli che allevano cardellini per farli riprodurre senza scopo di lucro e quelli che allevano questi uccellini senza scopi riproduttivi. Nel primo caso gli allevatori devono sostenere tutta la trafila burocratica necessaria per ottenere gli anellini da applicare alle zampette dei nuovi nati. Devono iscriversi al FOI, fare richiesta per ottenere gli anelli e poi rivolgersi agli uffici provinciali competenti per ottenere le autorizzazioni necessarie. Solo dopo essersi regolarizzati dal punto di vista burocratico possono cominciare a far riprodurre i loro cardellini. Nel secondo caso, ovvero, per gli allevamenti senza scopi riproduttivi, non è necessaria nessuna autorizzazione, ma si possono allevare liberamente una o più coppie di cardellini. I cardellini presenti in allevamento, però, devono essere regolarmente censiti e provvisti dell’anello alla zampetta. Senza iscrizione alla FOI è assolutamente vietato far riprodurre i cardellini.

  • Cardellino

    cardellino Il Carduelis carduelis, meglio noto come cardellino, è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi. Questo piccolo uccellino, grande appena 12 centimetri, deve il suo nome alla
  • Canto cardellino

    canto cardellino Il canto del cardellino ha da sempre colpito la fantasia di scrittori, poeti e musicisti che gli hanno dedicato poemi, poesie e sinfonie ispirati alle melodie del suo verso. Si tratta di un canto melo
  • Allevamento cardellini

    Allevamento cardellino I cardellini sono uccelli autoctoni e appartengono a una specie protetta per cui è previsto il divieto di caccia e di prelievo in natura. Si possono allevare, infatti, solo cardellini già nati in catt
  • Cardellini in vendita

    cardellino in vendita I cardellini sono una specie protetta per la quale è proibita la caccia e il prelievo in natura. I cardellini in vendita, di conseguenza, sono solo quelli nati in cattività all'interno di allevamenti


La legislazione

allevatori cardellini Gli allevatori di cardellini quando decidono di mettere in piedi la propria attività devono rispettare la normativa vigente in materia. La detenzione e l’allevamento dei cardellini, infatti, sono rigidamente regolamentati poiché si tratta di una specie protetta, appartenente alla fauna autoctona, per la quale è previsto il divieto di prelievo in natura. I cardellini non possono essere cacciati nel loro habitat naturale e di conseguenza gli unici esemplari allevabili e commercializzabili sono quelli già nati in cattività presso allevamenti autorizzati e certificati. In merito la legge è molto chiara e prevede una serie di autorizzazioni da richiedere presso gli uffici preposti nelle provincie di competenza. Ogni regione ha una propria normativa che si inserisce all’interno delle disposizioni imposte dalla legge quadro sull’avifauna protetta. Possono essere commercializzati solo canarini provvisti di anello inamovibile che viene rilasciato dal FOI e può essere applicato solo entro i primi sei giorni di vita. L’anello è fondamentale per censire i nuovi nati e tenere sotto controllo la popolazione detenuta in cattività. Quando si acquista un cardellino presso un allevatore o un rivenditore autorizzato bisogna accertarsi che l’esemplare sia provvisto di anello e all’atto dell’acquisto bisogna richiedere l’atto di cessione rilasciato dall’allevatore. I cardellini sprovvisti di questi due elementi non possono essere né venduti né acquistati poiché di provenienza sconosciuta. Il più delle volte, in questi casi, si tratta di esemplari catturati illegalmente in natura.


Allevatori cardellini: Le specie allevate

Le varietà più allevate dagli allevatori di cardellini sono essenzialmente due: il cardellino major e quello nostrano. Nel primo caso si tratta di cardellini provenienti dall’est europeo che devono il loro nome alle dimensioni maggiori rispetto ai cardellini comuni. Il major è lungo circa 15,5 centimetri e vive a est dei Monti Urali fino al Kazakistan e ai monti Altai. Il canarino nostrano, invece, è più piccolo e vive prevalentemente nelle regioni dell’Europa Occidentale. Tra le due varietà non esistono grosse differenze nel piumaggio. I cardellini major sono ottimi esemplari da allevamento, mentre i nostrani sono più inquieti e difficili da gestire, ma, sono più apprezzati per le loro doti canore. I cardellini nostrani, infatti, vengono selezionati da secoli per ottenere buoni cantori, mentre, i major vengono selezionati per ricavare buoni esemplari da allevamento e riproduzione.



commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


12:27:06 -
Attilio - commento su Allevatori cardellini
Ciao volevo chiederle secondo lei quale miscela per cardellini nostrani della marca Manitoba sia migliore per una dieta piu o meno equilibrata? Premetto che preferisco comprare miscele gia pronte.Grazie in anticipo della risposta
23:14:01 -
luigi fanotto - commento su Allevatori cardellini
vorrei fare l£allevatore amatoriale