Serpenti Sicilia

Serpenti Sicilia

In Sicilia vivono all’incirca sette specie di serpenti la maggior parte delle quali non velenose. Si tratta di ofidi appartenenti quasi tutti alla famiglia dei colubridi. L’unico serpente velenoso della Sicilia, invece, è la Vipera Aspis appartenente alla specie dei viperidi. I colubridi sono serpenti relativamente piccoli. Quelli che vivono in Sicilia sono: il Biacco giallo-verde, la Coronella Austriaca, la Coronella Girondica, il Colubro di Esculapio, il Colubro leopardiano e la Natrice dal collare.
Biacco giallo verde

ZUCCA LUNGA SERPENTE DI SICILIA NR.20 SEMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2€


Colubridi e Viperidi

Natrice dal collare I colubridi raramente superano i due metri di lunghezza. Hanno il corpo tozzo con la testa larga e ben distinta dal corpo. Gli occhi grandi con pupille tonde nelle specie diurne, mentre, in quelle con abitudini crepuscolari la pupilla, invece, è verticale. La maggior parte dei serpenti di questa famiglia sono ovipari e depongono, a seconda della specie, da una fino a 100 uova. I colubridi siciliani non sono velenosi e uccidono le prede per costrizione. I serpenti della famiglia dei Viperidi sono tutti estremamente velenosi. Iniettano il veleno attraverso lunghi e appuntiti denti cavi. Possono misurare da un minimo di 28 centimetri ad un massimo di tre metri a seconda della specie. Si nutrono di mammiferi, uccelli e piccoli vertebrati. La maggior parte degli ofidi di questa famiglia è ovovivipara.

  • pitone reale Il Pitone Reale è un serpente appartenente alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte oltre che i pitoni anche i serpenti boa. Nonostante all’apparenza possa sembrare alquanto minaccioso a causa dell...
  • Boa del madagascar Il Boa constrictor è un grosso serpente appartenente alla famiglia dei Boidi e deve il suo nome alla sua capacità di uccidere le prede avvolgendole con il corpo e soffocandole. Deriva il suo nome dal ...
  • Vipera del corno Le vipere sono dei rettili appartenenti alla famiglia dei Viperidi. Le vipere italiane sono gli unici serpenti velenosi presenti sul territorio nazionale e si dividono in quattro specie distribuite in...
  • pitone reticolato Il pitone reticolato è tra i serpenti più lunghi al mondo. Appartiene alla famiglia dei boidi e come tutti i pitoni non è velenoso, ma, è abbastanza forte da poter uccidere un essere umano. E’ lungo i...

Semi - Zucca da Pergola (Lagenaria longissima)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Serpenti velenosi

in Sicilia

Vipera Aspis L’unico serpente velenoso esistente sul territorio siciliano è la vipera aspis, conosciuta anche come aspide. Misura mediamente sui 60 centimetri ed ha abitudini prettamente crepuscolari. Il corpo è tozzo con la testa triangolare e ben distinta, con il muso all’insù e gli occhi grandi con pupilla verticale. La livrea è marrone-rossiccio con una decorazione a zig zag sul dorso. Si tratta di una specie ovovivipara.

E' una specie che si trova nei territori dell'Europa occidentale; produce veleno con apposite ghiandole sistemate nella parte posteriore del palato e lo inietta nel corpo della vittima attraverso i denti, che sono internamente cavi. Amano i terreni assolati e con poca vegetazione e si nutrono di lucertole, uccelli di piccole dimensioni e topi. Il suo veleno è potenzialmente mortale anche per l'uomo, soprattutto nel caso in cui non si intervenga con tempestività una volta che ha colpito.


Serpenti non velenosi in Sicilia

Colubro leonardino Il colubro giallo-verde deve il suo nome alla particolare colorazione della livrea in cui predomina il nero, con un reticolato sul dorso di colore giallo-verdastro. Vive nelle campagne o in aree vicino a corsi d’acqua. Da adulti superano di poco il metro di lunghezza. E’ una specie diurna che si nutre di rettili, mammiferi e uova d’uccelli. L’unico mezzo di difesa di cui dispone è la fuga. Il colubro di Esculapio, invece, deve il suo nome al dio romano della medicina. E’ caratterizzato da una livrea uniforme di colore giallo-verdastra. Anche questa specie è diurna e si nutre di piccoli vertebrati, roditori e uccelli. Caratteristiche tipiche anche del colubro leopardino. Gli esemplari della coronella austriaca e girondica preferiscono gli habitat della macchia mediterranea dove trovano cibo in abbondanza. Sono ofidi diurni, relativamente piccoli e si nutrono di piccoli mammiferi e roditori. Per finire c’è la Natrice dal collare, che deve il suo nome alla presenza di un collare giallo che spicca su una livrea omogenea verde scuro. Hanno abitudini acquatiche e si nutrono principalmente di anfibi e rane.



  • serpenti non velenosi I cinque serpenti più grandi al mondo appartengono tutti alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte le specie dei piton
    visita : serpenti non velenosi
  • serpenti neri Il biacco, noto anche come Coluber Viridiflavus, è un grosso serpente non velenoso tipico delle campagne e delle prateri
    visita : serpenti neri
  • vipera verde I serpenti velenosi si dividono in due gruppi principali, gli elapidi e i viperidi. Il primo gruppo comprende i cobra e
    visita : vipera verde

COMMENTI SULL' ARTICOLO