Allevamento asini

Origini e storia

Le prime testimonianze paleontologiche dell'allevamento degli asini sono state ritrovate in Africa, nella zona della Numidia e del Basso Egitto, e sarebbero risalenti al periodo compreso fra il 7.000 e il 4.000 AC. Ciò vale a testimonianza che l'asino è stato da sempre a fianco dell'uomo come valido aiutante nel lavoro duro dei campi e sopratutto come animale da soma, capace di grande resistenza e forza e con una capacità di adattamento molto alta, riuscendo a nutrirsi bene anche con foraggio scarso.

In Europa, invece, le prime testimonianze dell'allevamento asinino si datato intorno all'età del Bronzo e/o all'Età del Ferro, probabilmente portato nel Vecchio Continente durante le migrazione delle popolazioni africane. Sempre in tema di migrazioni, il mulo, ossia l'esemplare nato da un incrocio fra un asino ed una giumenta, lo si ritrova per la prima volta in Asia Minore verosimilmente portato dalle popolazioni mongole immigrate. Inoltre, altre testimonianze paleontologiche sono state ritrovate nelle zone della Mesopotamia, della Siria, della Persia, in Russia ed in Mongolia.

L'importanza dell'allevamento asinino nel corso dei secoli è testimoniato anche da numerosi scritti e rappresentazioni grafiche che permettono di capire gli usi e gli utilizzi di questi animali all'interno delle comunità umane, dalla semplice produzione di latte, fino a innalzare l'asino stesso ad un vero e proprio dio come nel caso di alcune popolazioni africane che praticavano l'onolatria.

A partire dal dopoguerra e sopratutto nelle regioni più industrializzate, l'utilizzo dell'asino, sia per scopi lavorativi che alimentari, venne progressivamente ridotto in quanto la diffusione delle auto e delle moderne macchine agricole prese lentamente il sopravvento. Stesso discorso per altri tipi di allevamento animale, che vennero preferiti a quello asinino. Solo negli ultimi anni, invece, si è assistito ad un ritorno d'interesse per l'allevamento degli asini, sopratutto in virtù del fatto che il latte d'asina è considerato un prodotto molto prelibato e quindi caro (circa 10 euro al litro), e conseguentemente ottima fonte di reddito. Inoltre, grazie al carattere docile di questo animale, questi viene sempre più impiegato nella pet – therapy (onoterapia).

Allevamento asini

L'asino, il mulo e il bardotto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,75€
(Risparmi 5,25€)


Tipi di allevamento

Allevamento asini Per quanto concerne l'Italia, la presenza di allevamenti asinini è prettamente concentrata sulla produzione di latte: infatti, questo sarebbero del tutto simile al latte materno umano, ideale per i bambini (o anche per gli adulti) che soffrono di allergie e/o intolleranze al latte vaccino, senza contare la componete dei nutrienti che supera di gran lunga quella di altri tipi di latte prodotti da altri animali.

Nel tempo il latte d'asina è divenuto anche un vero e proprio ritrovato di benessere per la bellezza e la salute, alimentato anche da pseudo leggende che vedevano Poppea, la seconda moglie dell'imperatore romano Nerone, fare un bagno quotidiano in una vasca ricolma di latte d'asina, soluzione che ne avrebbe mantenuta intatta la sua straordinaria bellezza estetica. Della stessa “scuola” di pensiero anche Cleopatra, che per prima pare abbia lanciato questa moda in Egitto molto prima di Poppea a Roma, e Paolina Buonaparte. Fra leggenda e realtà, invece, il latte d'asina si dimostra molto utile oltre che per l'alimentazione umana, anche per l'utilizzo cosmetico, in quanto ha un grande potere idratante e vien impiegato per la produzione di saponi e creme.

L'allevamento per la produzione di carne, invece, è relegato solo in parte all'Italia, mentre risulta più esteso e praticato nelle regioni d'Europa e del resto del mondo che vivono in uno stato di meccanizzazione agricola più lenta. Nonostante ciò, la carne d'asino di rivela ottima sopratutto per la produzione di insaccati tipici.


  • Asino Per le sue doti di robustezza, fedeltà e frugalità, l'asino è stato da sempre letteralmente sfruttato dall'uomo sia come animale da soma sia come aiuto nei campi sia come produttore di carne, pelli e ...
  • Vendita Asini Se l'asino è da sempre stato un animale indispensabile per l'uomo, a seguito dell'avvento delle auto e dei mezzi di trasporto meccanici questo animale è stato pian piano messo da parte. Eppure gli asi...

Come avviare un allevamento di asini. Con CD-ROM + OMAGGIO Banca Dati 1500 Nuove Idee di Business per trovare il lavoro giusto che fa per te

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Nozioni basilari

Allevamento asini In generale, però, possiamo dire che l'allevamento asinino non richiede tantissime cure, in quanto siamo davanti ad un animale molto frugale e resistente, che riesce a nutrirsi anche con foraggio non nobile ma che, al contrario, pretende acqua pulita e fresca tutti i giorni. È bene precisare, però, che ciò non significa che un asino vada allevato senza garantirgli determinate ed essenziali cure: infatti, tutti gli animali necessitano di un ricovero adatto alle proprie esigenze, dove all'interno andranno collocate le giuste aree utili per l'abbeveramento, la nutrizione, la mungitura, ecc. Fondamentale anche una lettiera in fieno.

Molto importante è anche il pascolo da mettere a disposizione degli animali, che generalmente dovrebbe aggirarsi sui 300 metri quadri per capo, in modo tale da garantire ad ogni animale lo spazio giusto per l'alimentazione e per il movimento. All'interno del pascolo non dovrà mancare una buca di sabbia, per consentire all'animale una difesa attiva dai parassiti della pelle: le dimensioni medie della buca dovranno essere di circa 150 x 150 centimetri, con profondità di 10 - 20 centimetri.

Inoltre restano essenziali vaccinazioni eventuali e cure mediche obbligatorie per la salute ed il benessere animale.


Allevamento asini: Riproduzione

Allevamento asini Per quanto concerne la riproduzione degli asini, i maschi raggiungono la maturità sessuale intorno ai 18 – 24 mesi, mentre le femmine risultano più precoci in quanto sono già pronte intorno ai 15 – 18 mesi. La fase del calore si manifesta negli esemplari femminili solo in primavera, e dura circa 2 giorni con riprese ogni due o quattro settimane nel caso in cui l'asina non sia stata fecondata. I maschi, al contrario, sono sempre pronti per la fecondazione. Naturalmente i periodi su descritti sono indicativi, in quanto questi possono variare a seconda della razza e dall'alimentazione degli animali.

Durante il periodo dell'estro, la femmina si comporta in modo irrequieto e presenta forte inappetenza, se libera, invece, mostra la sua condizione galoppando o addirittura saltellando.

Una volta fecondata, la gestazione dura ben 12 mesi, a volte anche 380 giorni. Solitamente durante il parto è sempre consigliabile la presenza di un veterinario o comunque di un esperto in materia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO