Zebu

Origini e storia

Le origini dello zeb¨ non sono molto ben definite. Secondo alcuni autori, questo animale discenderebbe direttamente dall'uro, animale ormai estinto, che Ŕ poi lo stesso progenitore di tutti i bovini. Con molta probabilitÓ, stando alle pochissime informazioni in merito rilevate dagli esperti, lo zeb¨ sarebbe originario dell'Asia, nell'India nello specifico, e che solo pi¨ tardi sarebbe stato introdotto in Africa presso gli antichi Egizi. Proprio in Egitto, gli zeb¨ si sarebbero stati incrociati con le razze autoctone dando vita a nuove tipologie bovine.

Ad ogni modo si pensa che la domesticazione dello zeb¨ si sia realizzata partendo dall'allevamento di una o pi¨ specie bovine selvatiche dell'India come il Gaur - Bos (Bibos) gaurus, il Gayal - Bos (Bibos) gaurus frontalis, il Banteg - Bos (Bibos) javanicus, e il Couprey - Bos (Novibos) sauveli, che vennero progressivamente incrociate con altri esemplari.

Ad oggi si contano circa 75 diverse razze zebuine, anche se offrire una vera e propria catalogazione risulta davvero difficile viste le conoscenze sommarie su questo animale. Pi¨ in generale si distinguono le seguente razze zebuine:

- amrit mahal misore

- azawark

- boran

- brahma

- gir

- goudalý

- guzerat

- hariana

- nellore

- sahival

- tarparkar

- zeb¨ nano

Zeb¨

Arena Zebu, Accappatoio Unisex – Adulto, Blu, S

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,72€


Classificazione scientifica

Zeb¨Nella classificazione originale operata da Linneo, la tipologia bovina degli zeb¨ era considerata giÓ all'epoca indipendente rispetto ai bovini occidentali e all'uro. Ad oggi l'intento di suddivisione Ŕ rimasto pressochÚ immutato, considerando uro, vacche e zeb¨ come tre specie distinte sebbene afferenti alla stessa famiglia.

Nonostante ci˛, non esiste ancora una classificazione che sia univoca al riguardo. Alcuni autori, infatti, fanno discendere la denominazione scientifica dello zeb¨ partendo dall'uro, classificando le tre sottospecie con altrettanti differenti nomi:

Uro: Bos primigenius primigenius;

Mucca: Bos primigenius taurus;

Zeb¨: Bos primigenius indicus.

Secondo un altro filone si studi, la classificazione di fa discendere partendo dal Bos taurus, il bue domestico occidentale:

Uro: Bos taurus primigenius;

Mucca: Bos taurus;

Zeb¨: Bos taurus indicus.


  • Primo piano mucca Le mucche sono sicuramente gli animali da cortile per eccellenza e nessuna fattoria al mondo ne Ŕ sprovvista. Ci˛ accade per una serie ben precisa di motivi, in quanto le vacche sono animali polivalen...
  • Vacca bruna alpina La razza bruna alpina Ŕ il risultato di incroci di razza bovine autoctone provenienti dalla Svizzera, dall'Austria e dalla Bavaria. Grazie alla ottime doti di rusticitÓ di questo animale, la razza bru...
  • Vacca Pinzgauer La vacca pinzgauer Ŕ originaria della zona alpina di Salisburgo, in Austria. Si tratta di una tipologia bovina molto antica, che ha da sempre accompagnato l'uomo nel lavoro dei campi ed ha fornito a q...
  • Vacche Chianine La razza chianina Ŕ una delle tipologie bovine pi¨ antiche, conosciuta giÓ oltre 2000 anni fa e citata in numerosi documenti storici, da Plinio il Vecchio a Virgilio. Sia i Romani che gli Etruschi imp...

Les zébus (Version instrumentale)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,99€


Caratteristiche fisiche ed usi

Zeb¨Come giÓ specificato, non essendo ben definite tutte le 75 diverse razze zebuine, si classificano gli zeb¨ a seconda della mole: grandi, medi e nani. Sicuramente la caratteristica principale Ŕ quella relativa alla gibbositÓ che si trova sul garrese: si tratta di un ingrossamento muscolare molto pronunciato, del quale non si conosce bene la funzione, anche se si ipotizza che sia una riserva di grasso in quanto se l'animale non Ŕ ben nutrito, questa tende ad abbassarsi.

L'altezza al garrese solitamente non supera i 150 centimetri, mentre il peso non va oltre i 600 chilogrammi. La testa si presenta con un cranio allungato con una maggiore ristrettezza nella zona frontale. La fronte, invece, Ŕ stretta e molto convessa, con arcate orbitali non particolarmente sporgenti. Il bacino Ŕ leggermente stretto, mentre la gobba Ŕ un po' insellata.

Altra caratteristica molto evidente dello zeb¨ sono le orecchie, che sono molto grandi e rivolte verso il basso. La giogaia Ŕ molto sviluppata, mentre le zampe appaiono lunghe e sottili. Le corna possono assumere forme molto differenti fra loro a seconda della specifica razza zebuina di appartenenza, secondo la grandezza e l'etÓ: si passa cosý da esemplari con corna molto lunghe e sviluppate, fino ad arrivare ad alcune razze nelle quali sono pressochÚ inesistenti.

Per quanto riguarda il colore del manto, questo pu˛ essere molto vario, dal rosso al grigio, passando per varie altre tonalitÓ, ma Ŕ sempre piuttosto rado: ci˛ accade perchÚ gli zeb¨ si trovano in regioni molto calde ove il mantello non occorre per coprirsi e dove quindi la natura ha provveduto ad adeguarsi. Infatti non Ŕ un caso che gli zeb¨ abbiano pi¨ ghiandole sudoripare rispetto al normale bue, il che li rendi ottimi animali capaci di sopravvivere senza sforzo ai climi caldi ed umidi. Inoltre gli zeb¨ hanno una spiccata resistenza ai parassiti e ad altre malattie bovine.

Gli zeb¨ vengono utilizzati prettamente come animali da soma, da traino e per allevamento sia da latte che da carne.


Zebu: Diffusione e incroci

Zeb¨Gli zeb¨ sono molto diffusi in Africa, in Asia e in America Latina. Razze particolarmente pure e molto simili ai primi esemplari di zeb¨ si possono trovare in Madagascar. In Brasile vennero importati intorno al XX secolo e incrociati con la razza Charolaise: dall'incrocio con queste due tipologie Ŕ nato il Chanchim, un bovino con 5/8 di geni Charolaise e 3/8 di geni zeb¨.

L'accoppiamento fra razze taurine e zebuine non Ŕ solo appannaggio del Brasile, in quanto dall'incrocio fra queste due tipologie bovine nascono esemplari molto forti, estremamente fecondi e che sono produttori ottimi di latte e carne. Anche a livello estetico questi incroci zebuini sono molto belli, senza contare che hanno una resistenza alle malattie e ai parassiti ancor maggiore rispetto ai normali zeb¨: tutte queste caratteristiche fanno degli incroci toro ľ zeb¨ una razza particolarmente apprezzata.



COMMENTI SULL' ARTICOLO