maiale cinta senese

Il maiale cinta senese

Il maiale cinta senese è un maiale riconosciuto, anche a livello europeo, definitivamente nel 2012.

Questa razza suina di origine italiana nasce e si diffonde in Toscana, dove ancora oggi viene allevato utilizzando le stesse tecniche e la stessa passione del passato.

Anche le regole di macellazione sono rimaste, nel tempo, sempre le stesse. Questo accade perché le carni di tale animale sono considerate carni di origine protetta.

L’utilizzo delle carne della cinta senese è, quindi, ancora massiccio : esse vengono, infatti, utilizzate per la produzioni di specifici salumi molto diffusi ed apprezzati sia su scala nazionale sia su scala internazionale. Il maiale cinta senese viene macellato, secondo specifiche modalità proprie della tradizione toscana, una volta raggiunto un peso corporeo di circa 120 chilogrammi.

L’allevamento di questo animale è ancora oggi diffusissimo in varie zone della Toscana, proprio per la grande richiesta delle sue carni.

Questo animale viene allevamento allo stato brado o semibrado da soggetti che hanno ottenuto un riconoscimento ufficiale nel settore, appunto, dell’allevamento suino.

maiale cinta senese

Capocollo Calabrese Dolce Artigianale DOP Capocollo Dolce Capocollo Intero Dolce 1 Kg.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,99€


Origine del maiale Cinta Senese

maiale cinta senese Il maiale Cinta Senese, come già ricordato, nasce e si diffonde nel territorio toscano.

Questa razza,contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ha origini antichissime, tanto è vero che è stata accertata la sua esistenza sin dal Medioevo.

Già, infatti, nel 1300, il pittore Ambrogio Lorenzetti rappresentò questa particolarissima razza suina, o quantomeno quella che era l’antenato dell’odierna cinta senese, in una sua opera molto importante denominata “Effetti del buon Governo”, sita, oggi, nel Palazzo Comunale di Siena. Il suo nome deriva dalla famosa cinghiatura bianca presente sul suo manto, cinghiatura che, ovviamente, a causa del colore scuro del manto stesso, crea un meraviglioso e suggestivo contrasto.

Con il passare del tempo, il maiale Cinta Senese o, come già detto, quello che è stato il suo antenato, ha continuato a diffondersi moltissimo in tutto il territorio toscano, tanto da continuare ad essere rappresentato in moltissime altre opere pittoriche e scultoree della scuola senese. La presenza massiccia di queste raffigurazione nelle opere artistiche ci fanno capire quanto questo animale fosse importante nella vita e, presumibilmente, nell’alimentazione di quella popolazione.

Proprio per la sua grande importanza nel territorio senese, questo animale iniziò velocemente a diffondersi anche fuori la città, prima nel resto della Toscana e poi in tutto il restante territorio italiano.

La sua presenza massiccia in tutta la penisola continuò a manifestarsi grazie alle varie raffigurazioni di questa razza presenti in molte opere di valore ed interesse artistico e culturale.

Inizialmente questo animale veniva allevato quasi esclusivamente nel territorio della Montagnola Senese, area che ricomprendere moltissimi comuni della zona, come Gaiole, Castelnuovo, Monteriggioni ecc. la presenza del fiume Merse e di immense vallate rendevano la zona estremamente adatta ad un allevamento di tale genere.

Come già detto, il riconoscimento ufficiale, a livello internazione, di questo animale si è avuto soltanto nel 2012.

Nonostante questo palese ritardo, possiamo comunque ricordare come, già nei primi anni ‘40 del 1900, esso iniziò ad essere considerato una delle razze suine più importanti d’Italia e, sicuramente, la più importante razza suina presente in Toscana.

Ben presto, a causa della sua fama e dell’estrema prelibatezza delle sue carni, si cercò presto di diffondere questo animale in altre zone italiane e si tentarono anche svariati incroci per cercare di migliorare ancora di più le caratteristiche di questo animale.

Per questo motivo,venne creato un libro genetico dell’animale, ad opera dell’Ispettorato provinciale dell’Agricoltura, al fine di tutelare quella che è la purezza di questa importante razza suina. La razza però ha subito, negli anni cinquanta, un rapido declino, arrivando quasi all’estinzione. Solo recentemente essa ha di nuovo un’estrema diffusione ed è sicuramente questo il motivo del suo tardo riconoscimento.

  • lattonzolo L'allevamento del maiale pare abbia radici antichissime: infatti ne abbiamo già traccia nei pictogrammi rupestri delle grotte di Altamira, in Spagna, dove si vede un gruppo di suini curati da alcuni u...
  • Il maiale Il maiale è da sempre stato uno degli animali prediletti dall'uomo e quindi avviato all'allevamento fin dai tempi più remoti: come recita un vecchio detto, infatti, “del maiale non si butta niente”, i...
  • Allevare maiali L'allevamento dei maiali, chiamato anche suinicoltura, è praticato da sempre nelle realtà rurali: avere in una famiglia almeno un maiale da poter macellare durante l'inverno significava avere cibo a s...
  • Maiali vendita Il maiale è uno degli animali da reddito migliori che si possano allevare. Come infatti un vecchio detto sentenzia “del maiale non si butta via niente”, così che ogni parte di questo animale non va sp...

Songmics Gabbia Criceto Cincillà Per Piccoli Animali Roditori Ratto In Legno 80 x 40 x 60 cm PHC002

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,99€


Caratteristiche fisiche del maiale Cinta Senese

Dal punto di vista fisico, questa razza può essere sicuramente definita una razza di taglia media dalla corporatura massiccia. Il suo peso ordinario oscilla, negli esemplari maschi adulti, tra i 250 e i 300 chilogrammi. Le femmine del maiale cinta senese presentano un peso corporeo leggermente più basso.

Esso presenta una testa non eccessivamente grossa, anzi leggermente piccola rispetto al resto del corpo, con delle orecchie molto lineari e non particolarmente allungate.

Il tronco del maiale cinta senese,invece, è piuttosto lungo e grosso, sicuramente molto muscoloso, così come il resto del suo corpo, in particolare gli arti, che risultano essere, inoltre, anche molto lunghi e resistenti. Il manto dell’animale è scuro, solitamente di colore nero e presenta una bellissima fascia bianca che corre lungo tutto il tronco.




COMMENTI SULL' ARTICOLO