Criceto dorato

Caratteristiche

Il criceto dorato, conosciuto anche come criceto siriano, è il più grande tra i criceti domestici e anche il primo in assoluto ad essere stato allevato dall’uomo. Gli esemplari di questa specie raggiungono anche i 18 centimetri di lunghezza per un peso complessivo di circa 120 grammi. Vivono in media due anni anche se sono stati osservati casi di criceti dorati sopravvissuti molto più a lungo. Devono il loro nome alla particolare colorazione della pelliccia, anche se gli allevatori hanno sviluppato numerose mutazioni. Le varietà più comuni di criceto dorato sono comunque cinque: il criceto dorato a pelo corto, che è poi quello originariamente presente in natura, quello dorato a pelo lungo, il criceto dorato rex che presenta una pelliccia leggermente ondulata, la variante satin caratterizzata da una spiccata lucentezza del pelo e, infine, il criceto nudo che è completamente privo di peli. Il mantello, indipendentemente dalla lunghezza, può assumere diverse colorazioni: bianco, crema, nero, grigio e marrone. Si tratta di animali crepuscolari che tendono ad uscire solo dopo il tramonto in cerca di cibo restando rintanati a riposare durante il giorno. Come tutti i criceti sono dotati di tasche interne ai lati delle guance dove incamerano il cibo per trasportarlo nella tana e consumarlo con calma. La coda è piccola e le zampe sono provviste di evidenti cuscinetti. Gli incisivi sono a crescita continua come per tutti i roditori.

criceto dorato

Ferplast Gabbia Ecosostenibile per Criceti e Topolini

Prezzo: in offerta su Amazon a: 92,9€


Habitat naturale e distribuzione naturale

Il criceto dorato è originario dell’Asia Minore e in particolare delle zone più desertiche e aride come la Siria, l’Iran e l’Iraq. Predilige i climi temperati e tende a ripararsi durante il giorno dalle temperature roventi del deserto in tane scavate nel terreno e composte da numerose stanze e gallerie. Si tratta di un roditore molto schivo e solitario che non ama la presenza di altri esemplari della stessa specie e con i quali litiga violentemente. 


  • Criceto malattie I criceti sono animali molto delicati e spesso vanno in contro a malattie infettive, fratture e traumi vari agli arti. L’igiene e la pulizia della gabbia e dell’ambiente in cui vivono sono fondamental...
  • Criceto con la verdura I criceti sono roditori di piccole dimensioni, che vengono allevati in gran parte del mondo come animali da compagnia. La specie è chiamata criceto dorato, e venne trovata in Siria, da dove si diffuse...
  • Criceto dorato Tra le varie tipologie di criceto conosciute, spicca il comune criceto dorato di Siria. Fino al 1839 nel resto del mondo non si sapeva della sua esistenza. Nel 1930 circa, uno zoologo raccolse una fem...
  • criceto Con il termine criceto si indica una particolare sottofamiglia di roditori che conta circa diciotto specie divise in sette generi. Caratteristica e peculiarità dei criceti sono le due tasche guanciali...

Carno PVC ecologico Series lunghezza regolabile Hamster altalena con campana (diversi colori)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,57€


Riproduzione

I criceti dorati sono molto precoci e diventano sessualmente maturi già a sei mesi di vita. Non hanno un periodo preciso per gli accoppiamenti, ma, possono riprodursi in qualsiasi momento dell’anno. Le femmine della specie vanno in calore ogni quattro giorni e lo restano per 24 ore. La gestazione dura due settimane e i cuccioli restano con la madre per circa 25 giorni dopodichè lasciano il nido e sono completamente autonomi. L’accoppiamento è preceduto da un lungo rituale di corteggiamento mentre la copula vera e propria dura appena 20 secondi. Subito dopo l’accoppiamento bisogna dividere i due esemplari per evitare che la femmina aggredisca il maschio. Avvenuto l’accoppiamento la femmina comincerà a preparare il nido. In caso di allevamento in cattività il nido sarà allestito nella casetta. Bisognerà fornirgli carta igienica e lana per consentirle di imbottire il nido e renderlo comodo per i nuovi arrivati. Appena nati i cuccioli sono senza pelo, hanno gli occhi e le orecchie chiuse e pesano appena due grammi.


Criceto dorato: Allevamento

Teca criceto I criceti dorati sono stati in assoluto i primi criceti ad essere stati allevati dall’uomo. Si tratta di roditori per lo più granivori e si nutrono principalmente di semi. Tra gli alimenti che non devono mai mancare nell’alimentazione del criceto dorato ci sono i semi di girasole, l’orzo, l’avena, il grano, il farro, la soia, i semi di lino, i semi di sesamo, le ciliegie, le mele, le pere, le noci, le mandorle e tutta la verdura. Ogni tanto la dieta può essere integrata anche con del formaggio, un uovo sodo, della pasta o del riso non condito. Risultano nocivi, invece, i fagioli, i cavoli, le barbabietole, il cioccolato, il pane, arance e mandarini.

Quando si decide di allevare un criceto dorato in casa bisogna provvedere ad allestire una gabbietta abbastanza spaziosa per poterlo contenere comodamente. I criceti possono essere tenuti in gabbiette a maglie strette, in teche di plexiglass o in terrari di vetro, grandi almeno 60x40 e deve svilupparsi in orizzontale. Al suo interno bisogna prevedere una serie di accessori indispensabili per la loro salute e la loro sopravvivenza come una casetta che possa fungere da nido, una ciotola con il cibo e un beverino per l’acqua fresca. Nel periodo della riproduzione fornire carta igienica per foderare il nido. Fondamentale, inoltre, la presenza di una ruota per consentire al criceto di fare movimento. Bisogna evitare di foderare il nido con cotone che se ingerito causerebbe la morte dell’animale, meglio usare la carta igienica bianca tagliata in pezzi non troppo piccoli. I criceti hanno bisogno di tenersi sempre in movimento, quindi, sarebbe opportuno prevedere all’interno della teca anche altri accessori che possano permettergli di sfogarsi. Importante, infine, prevedere una lettiera per i bisogni. Vanno evitate quelle per gatti perchè troppo polverose. In commercio esistono lettiere appositamente pensate per i criceti in canapa e lino. La gabbietta va posizionata in luoghi tranquilli e lontana da spifferi o da fonti di calore. Al suo interno bisognerebbe mantenere una temperatura media di quindici gradi centigradi. La gabbietta va pulita una volta a settimana.



COMMENTI SULL' ARTICOLO