Allevamenti furetti

Allevamenti amatoriali

e intensivi

La massiccia diffusione dei furetti come animali domestici ha portato, negli ultimi decenni, alla nascita di numerosi allevamenti di esemplari da compagnia. Gli allevamenti possono essere amatoriali o specializzati. Gli allevamenti amatoriali sono gestiti da privati e solitamente dispongono solo pochi cuccioli e solo nel periodo della riproduzione. Il vantaggio di questi allevamenti è che si può controllare personalmente il furetto prima di acquistarlo, accertandosi delle sue condizioni di salute e di come è stato tenuto dalla nascita fino al momento dell’acquisto. Gli allevamenti specializzati, invece, tendono ad allevare furetti in grossi numeri per poi spedirli come pacchi in ogni parte del mondo. Rappresentativo è il caso della Marshall Farm americana, dove questi piccoli mustelidi sono allevati in vere e proprie batterie. Parzialmente diverso è il discorso per gli allevamenti specializzati europei. Qualunque sia il tipo di allevamento, quando si acquista un furetto, bisogna farsi consegnare il libretto delle vaccinazioni, o in caso di cuccioli, farsi mostrare quello dei genitori. Bisogna, inoltre, richiedere il certificato con cui si attesta che l’esemplare che si sta acquistando non sia frutto dell’accoppiamento di consanguinei. I furetti sono molto delicati e non è raro che si ammalino a causa delle precarie condizioni in cui sono stati allevati nei primi mesi di vita. Per questo si consiglia anche di controllare lo stato di salute generale dell’animale e il carattere prima di procedere con l’acquisto.
allevamenti furetti

Ancol FURETTO pettorina e guinzaglio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,77€


Allevamenti Marshall

Con il termine Marshall non si intende una razza di furetto, ma il tipo di allevamento di provenienza. Gli allevamenti Marshall sono degli allevamenti americani nati inizialmente per la creazione di cavie da laboratorio e che solo negli ultimi decenni hanno diversificato la produzione iniziando ad allevare furetti domestici. In questi allevamenti i furetti vengono allevati in batteria secondo tecniche ben precise che prevedono la deghiandolazione alla nascita per ridurre il cattivo odore proprio dell’animale e la sterilizzazione nei primi mesi di vita. A seguito di queste pratiche i furetti Marshall sono più piccoli e affusolati rispetto a quelli europei, ma, anche più deboli e più soggetti ad ammalarsi. Non è raro che in questi allevamenti avvengano accoppiamenti tra consanguinei che portano alla nascita di soggetti deboli e affetti da tare genetiche. I furetti Marshall si riconoscono dalla presenza di tatuaggi sulle orecchie. Solitamente si tratta di un puntino nel caso degli esemplari sterilizzati e di due puntini per quelli anche deghiandolati. La Marshall Farm può essere definita come il più grande allevamento intensivo di furetti del mondo con enormi capannoni contenenti centinaia di migliaia di esemplari chiusi in gabbia e pronti per essere spediti in ogni parte del pianeta.

  • furetto Mustela putorius furo, letteralmente ‘faina puzzolente ladra’, è questo il nome scientifico del furetto, un mammifero creato in seguito all’addomesticazione della puzzola europea, chiamata appunto Mus...
  • Ghiro Il ghiro è il nome comune del Glis glis, un piccolo roditore della famiglia dei Gliridi, di cui è la specie più grande. Il ghiro negli ultimi anni sta conoscendo una notevole diffusione come animale d...
  • furetto I furetti poiché frutto della selezione della puzzola selvatica non sono considerati una specie selvatica e non è presente in natura sul territorio nazionale. Per tutte queste ragioni i furetti non so...
  • furetto domestico Il furetto, in quanto frutto dell’addomesticamento della puzzola europea, è una specie prettamente domestica. E’ molto raro, infatti, trovare furetti allo stato selvatico e anche in questo caso la for...

Superpet Tip N Topple - Palla rotolante per furetti (Taglia unica) (Multicolore )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,11€
(Risparmi 0,93€)


Allevamenti europei

allevamenti furetti Gli allevamenti europei a differenza di quelli oltreoceano non prevedono la deghiandolazione del furetto alla nascita, né tantomeno la sterilizzazione nei primi mesi di vita. I furetti provenienti da allevamenti italiani o europei sono venduti ‘interi’, ovvero, non vengono operati a meno che non sia l’acquirente a richiederlo con un costo aggiuntivo al prezzo finale. Un’altra differenza è data dalle caratteristiche fisiche del furetto europeo che, generalmente è più grande dei suoi simili allevati in allevamenti Marshall che vengono sterilizzata troppo precocemente bloccandone lo sviluppo. In alcuni allevamenti dell’est Europa vengono attuate pratiche molto simili a quelle americane come la deghiandolazione e la sterilizzazione precoce con gravi conseguenze sulla salute dei furetti. Quando si acquista un furetto europeo è bene accertarsi con esattezza della sua provenienza.


Allevamenti furetti: La legislazione

I furetti non sono catalogati come una specie selvatica a rischio, ma, come animali domestici e quindi la loro vendita è da considerarsi legale a tutti gli effetti. La commercializzazione e la detenzione dei furetti sono, comunque, interessate da altre normative come l’articolo 727 del codice penale che punisce il maltrattamento e la detenzione di animali in condizioni incompatibili con le loro caratteristiche naturali. E’ inoltre severamente vietato l’abbandono dei furetti in natura. La legge italiana, infatti, punisce l’introduzione di specie non autoctone sul territorio italiano per il rischio di distruzione degli ecosistemi e degli habitat delle specie autoctone. Nello specifico l’abbandono di furetti in natura può determinare dei rischi per la conservazione della puzzola, specie autoctona e a rischio conservazione. I furetti inoltre possono causare una notevole diminuzione degli insetti e dei piccoli invertebrati di cui si cibano gli altri predatori italiani. Attualmente non risultano presenti in Italia popolazioni naturalizzate di furetti, come invece è accaduto in Gran Bretagna e in Nuova Zelanda ad esempio, e la sua introduzione in natura determina significativi rischi per la conservazione della fauna e della flora locale e di conseguenza è severamente proibito l’abbandoni di questi piccoli animaletti domestici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO