cane scappa

Perché il mio cane scappa?

Che il cane scappi di casa, o che si allontani dal padrone alla prima occasione, è un atteggiamento più frequente di quanto si creda. Come mai? Il cane non dovrebbe essere un animale socievole e territoriale? Certo, quindi se il cane scappa significa che c’è un problema più grande a monte. Innanzitutto, distinguiamo due tipi di ‘fughe’ dell’animale. Nel primo caso, il cane manifesta resistenza nel rispondere al richiamo; ovvero, quando andiamo a fare la passeggiata al parco e lo lasciamo libero a giocare, dopo diventa ingestibile e non torna più da noi. Questo in genere è un problema dovuto semplicemente all’educazione, e quindi piuttosto semplice da risolvere. Diverso invece il caso in cui il cane scappi di casa, e si allontani anche di molto. Questo sottintende innanzitutto dei gravi problemi relazionali tra cane e padrone, e poi mette a rischio la vita dell’animale (che potrebbe facilmente finire sotto un’auto o incappare in spiacevoli incontri con cani più grandi) ma anche noi stessi, che in quanto proprietari dell’animale siamo responsabili di fronte alla legge delle azioni che il cane compie. La buona notizia è che è possibile correggere questo tipo di comportamento: la prima cosa da fare è capire quali sono le motivazioni della fuga del cane, dopo di che sarà possibile agire per risolvere il problema.
cane

Mi scappa se vedo un cane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Come comportarci quando il cane scappa

cane scappa Nel primo caso, ovvero quello del cane che si allontana da noi e non ubbidisce, dobbiamo innanzitutto capire se si tratta di un effettivo problema di disobbedienza, o se semplicemente il cane non riconosce il richiamo. Ricordiamo sempre che il richiamo non è una cosa automatica, non basta dire ‘Fido!’ e aspettarsi automaticamente che il cane capisca di dover correre da noi; ci sono esercizi appositi per insegnare al cane a rispondere a questo tipo di comando. Se invece il cane conosce benissimo il comando, ma non sempre lo esegue, può essere perché c’è qualche problema nella nostra leadership: il cane non ci riconosce come capibranco, o almeno non sempre. Magari il cane ci riconosce come ‘capi’ nei momenti della giornata dedicati agli esercizi educativi, ma non nel resto del tempo; il problema sta spesso nel fatto che non siamo abbastanza assertivi nel tono di voce o nel linguaggio del corpo. Correggiamo il nostro modo di porci, e assicuriamoci che Fido ci veda come leader sempre, non solo durante gli esercizi. Nel caso del cane che scappa di casa, cioè che si allontana, il problema è un po’ più complesso. Potrebbe dipendere da un fatto sessuale, ovvero dalla presenza di qualche cagnetta in calore che lo attira: in questo caso, se proprio non riusciamo a evitare che il cane scappi nei periodi ‘a rischio’, si può pensare di ricorrere alla castrazione, che è un intervento poco invasivo che si limita a privare il cane dei suoi impulsi sessuali (concetti come il ‘sentirsi offesi nella propria virilità’ sono tipicamente umani, il cane non si pone di questi problemi). Altre volte, invece, il cane scappa di casa semplicemente perché non la considera ‘casa’, e questo è il problema più grave di tutti. Come ben sappiamo, infatti, il cane è un animale prettamente sociale, ha bisogno di un branco, senza un branco di cui far parte si sente nulla. Se non siamo riusciti a stabilire una relazione col cane - che non significa solo dargli da mangiare, ma farlo sentire parte del contesto sociale, interagire spesso con lui, dare uno scopo alla sua vita – il cane si sentirà in dovere di andarsi a cercare il proprio branco altrove. In tal caso cominciamo con calma a stabilire un rapporto con l’animale, facendoci anche, se necessario, aiutare da un educatore: solo così riusciremo a far sì che il cane riconosca la casa come proprio territorio, e non sia più spinto a scappare. E’ importante sottolineare che il cane non va mai punito quando torna a casa: gli animali non sono in grado di associare la punizione a un’azione compiuta in precedenza, e quindi non solo non capirebbe che la causa del rimprovero è la fuga, ma anzi rischierebbe di associare la punizione all’atto di essere tornato a casa.

  • foto cibo cane Gli animali progenitori dei cani erano carnivori, come sono tutt'ora animali come i lupi; la millenaria vicinanza con l'uomo, e con i suoi usi alimentari, ha nel tmepo modificato la dieta del cane, ta...
  • foto del weimaraner Questo fantastico bracco prende il nome dai granduchi di Sassonia-Weimar, famosi allevatori del XVIII secolo che si prodigarono per la selezione di questa razza. In realtà però le origini del Weimaran...
  • foto lapphund Il Lapphund, come si può intuire già dal nome, è un cane che ha storia ed origini strettamente intrecciate con la popolazione dei Lapponi. I Lapponi apparvero nella penisola scandinava molte migliaia ...
  • foto norsk lundehund La storia di questo cane di media taglia norvegese è una storia di specializzazione canina più unica che rara. Il Norsk Lundehund infatti è un cane che nel corso dei secoli non solo si è specializzato...

Localizzatore RF per Gatto e Cane - Pet Tracker Mini per Animali Domestici - Girafus® 3Tag (per localizzare tre animali)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 94,99€


Insegnare al cane a non scappare

Ci sono anche degli esercizi pratici a cui ricorrere per insegnare al cane a non uscire dalla porta quando usciamo noi (sarà infatti naturalmente portato a seguirci). Insegniamogli sin da cucciolo i comandi “seduto” e “resta”. Dopo di che, facciamolo sedere alla distanza prestabilita dalla porta, chiediamogli di stare fermo e usciamo. Se il cane si alza ci segue, cosa che sicuramente capiterà le prime volte, ripetiamo l’esercizio, riportando il cane nella posizione originaria. Ogni volta che il cane esegue l’esercizio correttamente premiamolo con lodi e piccoli bocconcini: nel giro di poco tempo, potremo tranquillamente uscire dal cancello di casa senza che il cane ci segua.




COMMENTI SULL' ARTICOLO