Come educare un cane


partecipa al nostro quiz su: quanto conosci i cani?
quanto conosci i cani?

Come educare un cane

Per comprendere come educare un cane, è conveniente avere a mente alcuni principi base e regole precise da mettere in atto se si vogliono raggiungere risultati soddisfacenti. L’educazione del nostro cane può avvenire sotto l’aiuto di un esperto oppure raccogliendo più informazioni possibili nel campo della cinofilia. Il cane, come tutti gli altri animali, ha un suo modo di vivere e di pensare, palesemente diversi da quelli umani. È proprio per questo motivo che l’educazione deve avvenire in modo tale da permettergli di capire il mondo umano, ciò che l’animale può e non può fare, conoscere le gerarchie padrone-cane ed avere un giusto livello di educazione per poter vivere in tutta tranquillità con gli altri animali e con gli uomini. Prima di procedere con l’educazione vera e propria, occorre abituare il cane a due elementi fondamentali: il guinzaglio e il collare. È sempre utile ricordare che un cane, come una qualsiasi altra specie di animale, non deve essere mai educato e addestrato con la violenza. Anch’essi hanno un intelletto che deve essere indirizzato verso un’educazione placida e pacifica.
Come si educano i cani

L'uomo che sussurra ai cani. Come educare il tuo cane usando il suo stesso linguaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,97€
(Risparmi 1,93€)


Il linguaggio

Educare i cani Per capire come educare un cane, è necessario, prima di tutto, avere una certa predisposizione a questa pratica, perché l’animale deve avere una sorta di guida-padrone in grado d’imporsi e collocarsi in cima alla gerarchia. Un punto fondamentale è il connubio linguaggio verbale-gestuale. Il cane deve essere messo in una condizione in cui poter associare una determinata parola (che sarà sempre quella per una specifica azione) a un gesto specifico. L’animale ha bisogno di uno stimolo al quale rispondere con un riflesso condizionato. Occorre rivolgersi in modo diretto, utilizzando parole brevi e che non mutino nel tempo. A questo rapporto gesto-parola si associa un "rinforzo positivo". In altre parole, quando ci rivolgiamo al cane per lo svolgimento di un’azione ben precisa, accompagnata da una parola specifica, se esso risponde nella giusta maniera verrà premiato con qualcosa che ama (crocchette, biscotti etc.), se invece ciò non avviene, occorre ripetere l’azione fino a quando non capisce quale atteggiamento deve assumere. Alcune razze hanno bisogno di molta più costanza e ripetizione dei comandi prima che vengano inculcati nella loro mente.

  • Husky malamute Per quanto riguarda gli aspetti estetici dell’husky malamute, essi per essere definiti puri devono avere caratteristiche dimensionali e cromatiche specifiche. Gli esemplari femmine hanno un’altezza ma...
  • Splendido esemplare biondo In origine il cocker spaniel americano, così come quello inglese, veniva utilizzato dai cacciatori come ottimo cane da cerca e da riporto grazie al suo fiuto eccezionale. Col tempo, viste la sua indol...

Come educare il cane. In casa, al guinzaglio, con i bambini

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,65€
(Risparmi 1,35€)


L'autorità

Educare i cani Una tecnica indispensabile su come educare un cane a vivere in sintonia con il proprio padrone e con gli altri esseri umani, è l’utilizzo di un linguaggio semplice, recepibile e univoco. Come affermato in precedenza, ogni razza canina ha i suoi tempi e le sue gerarchie che devono essere piegati con metodi non aggressivi e forti, in modo tale che la sua indole si adatti alla convivenza. È necessario che il cane capisca di essere l’ultimo della gerarchia, dopo il proprio padrone e la sua famiglia. Ciò avviene mediante la messa in pratica di alcune semplici regole da impartire durante i pasti, il sonno, ricordando di non metterlo troppo in primo piano. Durante i pasti il primo a mangiare è il padrone, giacché capobranco; il cane deve mangiare a orari diversi da esso. Oltre a questo, non bisogna dargli gli avanzi direttamente dalla tavola perché l’animale potrebbe capire di essere lui a comandare. Durante le ore di sonno il cucciolo non dovrà mai salire sul letto perché quello è il posto destinato al riposo del primo della gerarchia.


I comandi di base

Educare un cane Riguardo al linguaggio da utilizzare sul come educare un cane, in precedenza è stato affermato che devono essere formulate parole molto semplici e concise. Quando l’animale agisce nella maniera sbagliata, secondo le situazioni che accadono, si usa la parola no; nel momento in cui si rispetta il comando, si premia il cane con un croccantino, in modo tale che capisca cosa significhi il "no". Dopo averlo educato al collare e al guinzaglio, è bene insegnarli il significato della parola "vieni"; in questo modo, si potrà richiamare il cucciolo per salvarlo da situazioni spiacevoli o evitare che si allontani troppo quando non è al guinzaglio. Il gesto di dare la zampa e del seduto, sono dei termini che possono essere insegnati durante le ore di gioco; non sono delle istruzioni indispensabili da impartire all’animale. Il "fermo" invece è importante, soprattutto quando ci si trova per strada e s’incontra una persona conosciuta. In questo caso, appena ci si ferma a parlare, si comunica al proprio cane che il capobranco ha deciso di effettuare una breve sosta, quindi il cane deve sottostare a una fermata obbligatoria senza strattona menti o simili.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO