Bullmastiff allevamento

Bullmastiff allevamento

Il bullmastiff è un cane di origine inglese; la razza venne riconosciuta nel 1924, quando dopo vari tentativi di incroci tra cani di razze molossoidi, tale Sam Mosley ottenne dei cuccioli di bullmastiff, incrociando adulti di bulldog e di Mastiff. La razza risultante ha i pregi di entrambi gli antenati principali, ovvero un corpo di taglia medio grande, con una buona ossatura e muscolatura possente e scattante. Questi cani sono stati selezionati come cani da guardia, e per cercare nei boschi i cacciatori di frodo. In Italia ci sono circa una decina di allevamenti di bullmastiff, diffusi lungo tutto il paese, e ogni allevamento possiede almeno una copia di adulti da riproduzione. I bullmastiff da allevamento italiani sono completamente coerenti con lo standard di questa razza, che prevede animali di taglia medio grande, con maschi che possono raggiungere i 59 kg di peso per 69 cm di altezza; il corpo è compatto, non eccessivamente slanciato, con muso nero e pelo duro e ruvido. La muscolatura è molto tonica e massiccia.
Bullmastiff

Interpet Limited Mikki - Museruola in nylon per cani (Misura 8) (Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,7€
(Risparmi 5,01€)


Il carattere del bullmastiff

Bullmastiff I cuccioli di bullmastiff tendono ad essere molto timidi, paurosi e poco temerari; ma con il passare dei mesi queste caratteristiche rimangono solo il sottofondo di un carattere docile, ubbidiente e giocherellone; nonostante la mole, questi cani sono molto coccoloni, anche da adulti, e amano ricevere premi dai loro proprietari, giocare con oggetti vari, fare attività all’aperto con la famiglia che li ha adottati. Non sono cani che amano venire lasciati da soli per molte ore, ed è del tutto sconveniente lasciarli legati o costretti in piccoli box. Sono intelligenti, e possono venire addestrati con facilità; per evitare che il carattere schivo e pauroso perduri con l'età, è bene far conoscere il mondo ai cuccioli, portandoli in mezzo alla gente, e anche in luoghi rumorosi. Gli adulti rimangono comunque un poco giocherelloni, e a volte risulta necessario sgridarli o richiamarli all'ordine. Sono cani da guardia, in tutto e per tutto, ma non abbaiano con facilità: piuttosto controllano da lontano i tipi sospetti, e li atterrano se ritengono possano causare danni.

    Schleich 16397 - Bovaro Bernese Femmina

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,87€
    (Risparmi 2,08€)


    Alimentazione del bullmastiff

    Cucciolata di bullmastiff Il bullmastiff è un animale di grandi dimensioni, possente e pesante; da cucciolo i pasti devono essere frequenti, anche ogni quattro ore, e molto bilanciati, per poter fornire tutti gli elementi necessari per formare un corpo in crescita. In generale è consigliabile utilizzare delle crocchette di cibo secco, ricco in proteine, e corretto con sali minerali, vitamine e oli vegetali. Per le dosi si seguono quelle indicate sulla confezione, variandole in base al peso del cane. Se l'animale è particolarmente attivo si possono aumentare le dosi di circa i 10% rispetto a quelle consigliate. Sarebbe meglio evitare di fornire un solo pasto al giorno al cane, ed è preferibile suddividere la razione in due porzioni, una per il mattino e una per la sera. Evitate il cibo proveniente dalla vostra tavola, perché tende ad essere completamente squilibrato: i cani non dovrebbero mai mangiare dolci, prodotti speziati, piccanti o troppo ricchi in grassi. In commercio esistono molti prodotti di ottima qualità; la versione secca è più pratica e permette una corretta masticazione.


    Bullmastiff allevamento: Cure particolari

    Cucciolotto di bull mastiff I bullmastiff sono cani svegli e giocherelloni; per vivere equilibrati necessitano di molta attività fisica, e se lasciati sempre in casa tendono ad ingrassare ed a sviluppare deformazioni agli arti: se avete un giardino lasciate il cane fuori a giocare, altrimenti prevedete almeno una gita al parco ogni giorno. I cuccioli non dovrebbero sforzare le articolazioni eccessivamente fino ai nove mesi di età, quindi evitate scalinate e salti eccessivi. Necessitano di un padrone autoritario, che sia in grado di far capire già al cucciolo chi è il capobranco. Sono cani che non temono il freddo, ma dopo essere stati nella neve è bene asciugarli e riscaldarli gradatamente. In estate evitate di lasciarli al sole, o in macchina, e fornite spesso acqua fresca; se possibile prevedere frequenti docce fresche ogni giorno, ma non con acqua ghiacciata. Il loro istinto di guardiano è spesso in contrasto con "le buone maniere": se non volete che un vostro amico finisca a terra con il cane che lo sovrasta, evitate le entrate a sorpresa o finte lotte.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO