Levriero scozzese

Le origini del levriero scozzese

Grande, con ossatura molto forte ma allo stesso tempo con grande eleganza, il levriero scozzese è ricoperto da pelo duro e irsuto, simile alle setole di cinghiale. Deerhound, è un altro nome con cui è conosciuto: dall' inglese deer che significa daino, questa razza veniva infatti utilizzata nelle terre di Scozia nella caccia al daino. Le origini sono molto antiche, ma non si confondono con quelle del levriero inglese, anche se è confermata l'ipotesi secondo la quale ci sono stati in passato degli incroci fra le due razze. L'ipotesi più probabile è che questa razza sia arrivata, come tutti i levrieri, dalle pianure centrali asiatiche tramite le migrazioni indoeuropee. Qualunque sia la sua origine, questa razza si sviluppa proprio in Scozia poiché ci sono le condizioni ambientali più adatte, per questo infatti si diffonde anche in Irlanda, ma non in Inghilterra, dove l'ambiente è del tutto diverso.
Levriero scozzese del 1910

Levriero Scozzese Made in UK, Collezione Tiretto Artistici Stile Cani

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,9€


Standard del levriero scozzese

Il levriero scozzese è molto veloce Le principali qualità che contraddistinguono il levriero scozzese sono: velocità, potenza e resistenza. Grazie allo standard della razza si possono individuare alcune caratteristiche: l'altezza minima per i maschi è di 76 cm e per le femmine 71 cm mentre il peso è di circa 45,5 kg per i maschi e 36,5 kg per le femmine. La testa è larga tra le orecchie e si restringe leggermente fino agli occhi; il muso è più stretto verso il tartufo; il cranio è piatto e ricoperto da pelo lungo e più morbido rispetto a quello del resto del mantello; il tartufo ha una forma leggermente aquilina; gli occhi di colore scuro o nocciola, gli occhi chiari vengono infatti considerati come un difetto; le orecchie, attaccate alte, sono ripiegato indietro quando il cane è a riposo, sono ricoperte da pelo morbido nero e scuro; la coda è lunga che arriva quasi fino a terra; il mantello è irsuto ma non troppo abbondante di colori grigio-blu, fulvo, rosso fulvo o rosso sabbia.

    Levriero Scozzese Made in UK, Collezione Statuetta Artistici Stile Cani

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,8€


    Il carattere del levriero scozzese

    Il levriero scozzese si affeziona molto al padrone Il levriero scozzese è di indole calma e riflessiva. Si affeziona molto al padrone verso cui dimostra tutta la sua dolcezza. Si mantiene generalmente distaccato ma non rinuncia mai a momenti di gioco e a manifestazioni di gioia e di affetto. E' un compagno fedele, socievole, amichevole e allo stesso tempo molto curioso, caratteristiche tipiche di questa razza. Si adatta facilmente alla vita domestica ma anche alla convivenza con altri cani, siano essi di taglia piccola o di taglia grande. Sono anche abbastanza tolleranti con i bambini della famiglia, anche se, come con tutti i cani di taglia grande, bisogna prestare attenzione. L'aggressività non fa parte del carattere del levriero scozzese è infatti molto obbediente e facile da educare ed è adatto a tutti coloro che ne sanno riconoscere le molteplici qualità.


    Levriero scozzese: Cure e attenzioni verso il levriero scozzese

    Il levriero scozzese ama stare all'aria aperta Come in genere vale per tutti i cani di taglia grande, anche il levriero scozzese non ha una durata della vita molto lunga, infatti l'età media di vita di questa razza si aggira intorno ai 10-11 anni. La razza è piuttosto sana, anche se ci sono delle malattie che vengono associate ai levrieri scozzesi. La costituzione robusta e il pelo che lo ricopre proteggono il levriero scozzese dalle intemperie dell'ambiente in cui è solito vivere. Per mantenere in ordine il pelo è sufficiente spazzolarlo con energia almeno un paio di volte alla settimana. Ama stare all'aria aperta e correre in piena libertà, per questo non è adatto alla vita di appartamento o in città. Ha una crescita abbastanza veloce per questo si consigliano visite ed analisi per mantenere sotto controllo l'ossificazione e i valori di calcio e fosforo.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO