Chow-Chow

Storia del Chow-Chow

Come si può facilmente intuire dall’aspetto, il Chow-Chow appartiene alla famiglia degli Spitz ma ha delle particolarità estetiche e genetiche che lo rendono unico nel suo genere. Oltre all’aspetto, molto caratteristico ed originale, questo cane possiede diverse particolarità a partire dal colore della sua lingua che è blu-nera. Altri aspetti unici del Chow-Chow sono i prolungamenti delle ossa laterali del cranio, gli arti posteriori che sono dritti ed altri aspetti biologici curiosi come per esempio la temperatura corporea che è superiore alla norma (39°C).

Le ragioni ipotizzate sulla causa delle diversità dei Chow-Chow sono numerose ma la più attendibile pare essere l’isolamento geografico che ha subito la specie. Questi cani infatti erano originari della Siberia, in una zona circondata per un lato dai monti del Sihote-Alin, per un lato dal mare e per un lato dal fiume Amur, senza grandi contatti con altre popolazioni canine e grandi possibilità d’uscita.

Sicuramente esiste un antenato che ha donato le sue caratteristiche al Chow-Chow e questo è con grandissima probabilità il Cane da pastore dei Mongoli, una razza presente in mongolia e per lungo tempo confusa dai cinesi con il Chow-Chow. Questo cane, un molosso facente parte della famiglia dei Doghi del Tibet, possiede pelo nero e lungo con coda arricciata ed il Chow-Chow ha preso alcune caratteristiche da questo cane. Per esempio gli arti posteriori non angolati, tipici del Chow-Chow, si presentano frequentemente nei Pastori Mongoli. Inoltre anche ragioni storiche, legate agli spostamenti delle tribù d’origine delle razze, confermano la possibilità che queste due si siano incontrate in tempi remoti. Infatti i Mongoli, popolo nomade e guerriero, invasero il territorio degli Ainous (la tribù a cui il Chow-Chow deve le sue origini) e questo sicuramente ha permesso il contatto tra le due razze.

Nelle civiltà asiatiche il Chow-Chow ha avuto diversi impieghi ed è stato utilizzato anche come alimento, cosa che stupisce in occidente ma che è piuttosto frequente in oriente. In Cina inoltre per diversi secoli questo cane è stato utilizzato come cane da guardia e con questo impiego ha avuto un discreto successo.

Nel 1894 comparirono i primi club della razza e qualche anno dopo comparvero le prime bozze di standard.

foto chow-chow

Lelly 742278 - Jack Chow Chow Steso Medio, Lunghezza 40 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,68€


Caratteristiche del Chow-Chow

Il Chow-Chow nei secoli è stato un cane sfruttato per gli scopi più disparati ed è quindi da sempre una razza polivalente Attualmente utilizzato come cane da compagnia, fino al secolo scorso veniva allevato in Cina quasi esclusivamente per la sua pelliccia e per la sua carne, all’epoca apprezzata e ricercata. Inoltre il Chow-Chow è stato per diversi secoli un cane da guardia sia nei villaggi che nei palazzi reali di molte nazioni asiatiche ed in Giappone questa razza si è fatta conoscere nel tempo principalmente come cane da caccia. Il compito di questi cani nelle battute di caccia era infatti quello di trovare, accerchiare ed isolare la preda durante le battute di caccia.

Si capisce da questa moltitudine di compiti che il Chow-Chow ha avuto nelle società umane nel corso degli anni che non siamo sicuramente di fronte ad una razza con caratteristiche precise e selezionate e soprattutto si capisce che non siamo di fronte ad un cane con un carattere standardizzato, omologato e costante in tutti gli esemplari.

Sicuramente una caratteristica predominante in questo cane è l’adattabilità, la capacità del Chow-Chow di trasformarsi a seconda delle circostanze. Il padrone, che viene solitamente conquistato dall’aspetto affascinante di questo cane, dal suo mantello e dalla sua espressione facciale caratteristica, scoprirà nel Chow-Chow un cane dolce ed affettuoso ma allo stesso tempo fiero ed indipendente. Solitamente calmo e tranquillo, questo cane si potrà trasformare in pochi secondi in un cane reattivo e rapido se nota qualcosa che non va, come ad esempio un avvenimento improvviso che lo rende sospettoso.

Un altro aspetto interessante di questo cane è la sua personalità unica, il suo carattere felino a volte tenero e a volte distaccato. L’aspetto da “tenerone” potrebbe ingannare, perché il Chow-Chow non è un cane completamente sottomesso al padrone. Il più delle volte non obbedisce immediatamente agli ordini e l’addestramento deve iniziare fin dalla tenera età, da quando il cane ha tre mesi, e deve essere dolce e paziente ma allo stesso tempo fermo e convinto. Cane molto intelligente, ha una memoria di ferro e ricorda bene gli ordini ma pure i torti subiti.

Tendenzialmente sono più malleabili le femmine, sia come carattere che come addestramento. Per esempio se avete bambini in casa è consigliabile scegliere una femmina di Chow-Chow, meno imprevedibile e più calma e paziente del maschio nei confronti di scherzi e dispetti.

Con gli altri cani non intrattiene un grande rapporto, restando sempre un po’ diffidente e sulle sue (è un cane solitario). Non ha problemi a vivere in appartamento o in casa ma deve essere portato almeno due volte al giorno a passeggiare all’aria aperta.


  • chow-chow Ciao, io e il mio compagno stiamo pensando di regalarci un cane, esattamente un chow chow, volevamo sapere però se poi in futuro con l'arrivo di un bebè il cane potesse diventare aggressivo, geloso ve...

Chow Chow Made in UK, Collezione Portachiavi Artistici Stile Cani

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Alimentazione e malattie del Chow-Chow

Il Chow-Chow ha bisogno di una razione giornaliera di alimento pari a 450-500 g. Se desiderate rendere il pelo più lucente e bello potete aggiungere degli integratori nel cibo.

Questo cane vive in media 12-13 anni e non ha problemi di salute. Nei periodi molto caldi il muso corto e la folta pelliccia possono diventare un problema per questa razza e si consiglia quindi di non esporlo a calore eccessivo.



  • cane chow chow Il chow chow nano è un cane di taglia media. Morfologicamente si classifica come appartenente al tipo Lupoide. La sua st
    visita : cane chow chow

COMMENTI SULL' ARTICOLO