tigna gatto

La tigna nei gatti: cos’è e come si manifesta

La tigna, o tinea, è una forma di micosi superficiale che può colpire sia l’uomo che gli animali. E’ causata da dei funghi dermatofiti (in Italia in particolare dal Microsporium canis), e colpisce sia la pelle sia i tessuti annessi come peli o unghie. Il contagio può avvenire sia tramite contatto diretto con la persona o l’animale portatore della malattia, sia per contatto indiretto, ad esempio con pettini, vestiti, superfici sporche ecc. La specie più ricettiva in assoluto nei confronti della tigna è il gatto, che può esserne anche portatore sano; anche i cani e l’uomo però non sono assolutamente immuni alla malattia. Si manifesta con maggiore facilità nei cuccioli e nei bambini, mentre è più difficile che venga contratta da un individuo adulto, a meno che non si tratti di un soggetto immunodepresso. Le lesioni causate dalla tigna sono in genere facilmente riconoscibili: hanno andamento circolare, tendono ad allargarsi man mano che passa il tempo, e la zona infetta presenta sintomi quali arrossamento, desquamazione e alopecia. Esiste anche una forma di tigna diffusa, in cui le chiazze si presentano con andamento irregolare in diverse zone del corpo. Quando abbiamo a che fare con un gatto randagio, o abbiamo appena portato a casa un nuovo gattino, teniamo sempre d’occhio eventuali sintomi come quelli sopra descritti: le colonie feline (e in generale la vita di strada) o i gattili sono infatti veri e propri ricettacoli di malattie infettive come queste. Può anche accadere che un gatto, col tempo, sviluppi autonomamente una resistenza alla malattia: in tal caso ne diventa portatore sano, e, anche se apparentemente non presenta sintomi, in realtà potrebbe ugualmente contagiare altri animali.
tigna gatti

Naturasil – Herbal Pet shampoo, 16 oz.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 80,76€


Diagnosticare e curare la tigna

tigna gattiAnche se notiamo nel nostro gatto i sintomi sopra descritti, è consigliabile evitare di lanciarci in diagnosi affrettate; molte dermatiti infatti presentano sintomi simili, e solo un consulto veterinario può accertare la reale presenza di un fungo a monte del problema. Appena notiamo la zona desquamata o priva di pelo sul corpo del gatto, portiamolo immediatamente dal veterinario: sarà lui ad eseguire poi specifici test (generalmente lampada di Wood o esami colturali) e a confermare o meno la diagnosi di tigna. Prima si diagnostica il problema, meglio è, non aspettiamo che la situazione diventi troppo grave. Sebbene infatti la tigna non sia una malattia di per sé particolarmente pericolosa, non va trascurata perché può avere comunque delle complicazioni, soprattutto in casi di sopraggiunta sovrapposizione batterica. Una volta accertata la presenza del fungo, si procede per due strade: terapia topica o terapia sistemica. La terapia topica consiste nel sottoporre l’animale a bagni medicati, o semplicemente nell’applicare lozioni o pomate fungicide sull’area colpita: questa soluzione può essere valida in caso di piccole lesioni, anche se spesso il gatto, leccandosi via la pomata, compromette la buona riuscita della terapia. La terapia sistemica invece consiste nel debellare il fungo dall’interno, tramite l’assunzione di farmaci per via orale. Sarà il veterinario stesso a indicarci il farmaco adatto alla nostra situazione. Si consiglia comunque, ove possibile, di utilizzare farmaci per utilizzo specificatamente animale; quelli a uso umano infatti, sebbene sicuramente più economici, hanno un maggior impatto negativo sul fisico dell’animale, soprattutto a livello epatico. Non va sottovalutato infine l’ambiente: se l’animale è stato colpito dalla tigna, è probabile che la casa sia infestata dalle spore del fungo, e bisogna quindi procedere a una pulizia approfondita (soprattutto degli ambienti prediletti del gatto) e utilizzare frequentemente disinfettanti e aspirapolvere.

  • tigna Una delle ragioni che spesso induce i genitori a non tenere un gatto e' il timore che possa trasmettere qualche malattia ai bambini o a loro stessi; è un timore giusto, ma che può essere eliminato seg...
  • Quando sentiamo parlare di micosi dobbiamo associare questo termine ai funghi, detti anche miceti, a cui le patologie di questo genere sono legate. Le micosi sono infatti delle infezioni provocate pr...
  • Tigna nel cane vista al microscopio La tigna nel cane è una patologia anche chiamata dermatofitosi, micosi o malattia da fungo. Il contagio può avvenire anche tra animale e uomo. Questa malattia infettiva è provocata da funghi che prend...
  • foto vaccino gatto Tra gli animali da compagnia più diffusi nelle case italiane c’è il gatto, a cui ci si affeziona per la sua voglia di coccole e per il suo carattere particolare. Il gatto è un animale che spesso vive ...

BNTTEAM 12pcs / lot esche da pesca fissate a manovella esche Mini Crankbait 3D Fish Eye Artificial Bait Lure con Feather Lifelike Simulazione Lure falso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,96€
(Risparmi 69€)


tigna gatto: La tigna per l’uomo

La tigna è una zoonosi: si trasmette cioè dal gatto all’uomo, e anche viceversa. Teniamo presente che le spore dei funghi possono essere praticamente ovunque, quindi non è difficile entrarvi in contatto e infettarci, o diventare noi stessi portatori di spore e magari infettare anche il gatto. C’è però una buona notizia: il sistema immunitario dell’uomo adulto è più che in grado di tener testa a qualche spora, quindi il più delle volte il contatto con esse è assolutamente innocuo, ancor di più se curiamo per bene la nostra igiene quotidiana e ci cambiamo spesso gli abiti.… basti pensare che altrimenti veterinari e gattofili sarebbero costantemente vittime di infezioni di vario genere. Può accadere, però, che una persona entri in contatto con la spora in questione in un momento in cui è già immunodepresso per altre cause (terapie invasive, trattamenti post-operatori, o anche una semplice brutta influenza): in tal caso probabilmente il suo sistema immunitario non sarà in grado di far fronte all’attacco del fungo, e l’individuo si ammalerà. Anche negli esseri umani la tigna si cura localmente o tramite assunzione di farmaci per via orale; generalmente la terapia dura un mesetto, dopo di che gli esami vanno ripetuti per controllare se il fungo è stato debellato.


  • tigna gatto Una delle ragioni che spesso induce i genitori a non tenere un gatto e' il timore che possa trasmettere qualche malattia
    visita : tigna gatto
  • tigna cane La tigna nel cane è una patologia anche chiamata dermatofitosi, micosi o malattia da fungo. Il contagio può avvenire anc
    visita : tigna cane

COMMENTI SULL' ARTICOLO