Boston Terrier

vedi anche: Bull Terrier

Il Boston Terrier

Il Boston Terrier è la prima razza creata dagli americani e le sue origini sono strettamente legate alla storia dei cani da combattimento. Infatti nel 1835, quando i combattimenti tra cani e tori vennero banditi, presero il sopravvento i combattimenti fra cani ed un cane come il Bulldog, che spopolava nei combattimenti toro-cane, stava diventando sempre meno vincente. Allora il Bulldog, forse un po’ troppo pesante per competere con altri cani, venne alleggerito e vivacizzato facendo, una serie di incroci con dei White English Terrier. Uno di questi nuovi esemplari arrivò a Boston nel 1865 e secondo le descrizioni dell’epoca risultava essere “più assomigliante ad un Bulldog che ad un Terrier, solido con orecchie a conchiglia, una coda ad uncino ed un mantello dal colore unico”. Diversi furono gli incroci fatti, ma quello che diede inizio alla razza resta indiscutibilmente l’incrocio che diede alla luce Tom, il primo vero Boston Terrier. In seguito i discendenti di Tom, nonostante avessero alcune caratteristiche che li rendevano inconfondibili, presentavano un alto tasso di diversità tra le diverse cucciolate: alcuni erano più assomiglianti a dei Bulldog ed altri più vicini ai Terrier. Comunque il primo club venne fondato nel 1889, l’American Bull-Terrier Club, il quale riuniva tutti gli allevatori di Boston, ma per il riconoscimento della razza da parte del Kennel Club ci vollero diversi tentativi. Nel 1893 nacque finalmente la razza, ma l’aspetto del Boston ebbe nel corso degli anni molti cambiamenti significativi. Gli allevatori infatti ricercavano esemplari più docili, con le orecchie dritte e con macchie tigrate simmetriche.

La popolarità del Boston aumentò rapidamente, tanto da diventare in America la seconda razza più diffusa in assoluto nella prima metà del novecento. In Europa ed in Italia invece questa razza non è mai stata molto diffusa ed apprezzata.

foto boston terrier

Boston Terrier

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,75€
(Risparmi 2,25€)


Caratteristiche del Boston Terrier

Vivace, obbediente e sempre attento, il Boston Terrier è un cane che ama giocare ed è un ottimo cane da compagnia. Le piccole dimensioni lo rendono adatto anche ad una vita da appartamento, e gli ottimi rapporti che riesce ad avere con i bimbi ne fanno un buon cane per la famiglia. Nonostante discenda dai più temibili e tenaci cani da combattimento, questo cane non crea nessun problema quando viene associato ad altri cani ed è socievole e rispettoso. Nel suo carattere si possono riconoscere le due famiglie dalle quali ha avuto origine: giocherellone e scherzoso come i Terrier, coraggioso ed equilibrato come un Bulldog. Anche se viene utilizzato a volte come cane da difesa, è sicuramente come cane da compagnia che il Boston mostra le sue caratteristiche migliori: affettuoso e dolce, cerca sempre di far felice il padrone, con tutte le sue forze. Alcuni esemplari possono essere irrequieti ma solitamente è un cane tranquillo, che capisce quando deve tenere a freno le sue energie. L’addestramento non è difficoltoso anche se alle volte il Boston può sembrare un cane un po’ testardo.

Standard del Boston Terrier

Cane di taglia media, alto all’incirca 30 cm al garrese e di peso variabile dai 6 kg (pesi leggeri) agli 11 kg (quelli più grandi). Ben proporzionato nell’insieme, con una struttura compatta, ha il cranio squadrato, piatto nella parte superiore, con guance piatte senza rughe e stop ben marcato. Gli occhi sono distanziati, grandi, rotondi e scuri mentre le orecchie sono portate dritte con l’attaccatura agli angoli del cranio. Il corpo è corto e ben strutturato con arti anteriori distanziati ed allineati con le spalle e arti posteriori con ginocchia angolate e metatarsi corti. Il mantello del Boston deve essere a pelo corto, liscio, lucido e di tessitura fine. Il colore è tigrato con macchie bianche e le tigrature devono essere nette e ben distribuite su tutto il corpo. Infine la coda è attaccata bassa, piccola e fine, diventa più stretta in punta.


  • Il boston terrier viene utilizzato per l'agility Il carattere del boston terrier spicca per intelligenza e vivacità. Questo cane è adatto alla vita in appartamento e in famiglia. E' proprio alla persona che sceglie come padrone e a tutta la sua fami...
  • Boston terrier adulto L'allevamento del Boston terrier ebbe inizio verso la fine del 1800, quando tale Robert C. Hooper acquistò ilo progenitore di tutti i Boston terrier, un bulldog di nome Judge, dalle dimensioni compatt...

Lussuoso set da letto 3 pezzi in cotone di alta qualità biancheria letto matrimoniale copripiumino menta fucsia nero bianco cucciolo di cane animale domestico amore ragazze ragazzi adolescenti adulti Pug chihuahua Boston terrier Cartoon Bone Pink Bow Tie (200 x 200)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,65€


Alimentazione del Boston Terrier

La razione giornaliera del Boston Terrier va dai 120 ai 180 g di alimento completo. Nel cucciolo è opportuno dividere la razione giornaliera in tre pasti, mentre nell’adulto il numero dei pasti può essere ridotto a due. L’alimentazione deve essere equilibrata ed adatta all’attività fisica del cane, evitando alimenti dannosi alla sua salute come fritti e dolci. I mangimi vanno bene perché rispettano il fabbisogno dell’animale, essendo presenti in molte qualità diversamente bilanciate a seconda delle varie fasi di sviluppo.


Malattie del Boston Terrier

I cuccioli di Boston Terrier hanno bisogno delle comuni vaccinazioni che vengono fatte ai cani per prevenire alcune malattie infettive molto pericolose (cimurro, parvovirosi, leptospirosi, parainfluenza e rabbia). Inoltre annualmente vanno eseguite le sverminazioni che evitano il formarsi di vermi nello stomaco del cane. La parte debole del Boston sono gli occhi, perché sono leggermente esposti e quindi vanno sempre controllati per evitare malattie ed anche la particolare conformazione delle canne nasali, molto corte, può dare dei problemi. Per evitare problemi respiratori è meglio non sottoporre il Boston a sforzi prolungati e ad eccessivo calore. Un Boston Terrier vive in media almeno dodici anni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO