Acquario d'acqua dolce tropicale

Acquisto e sistemazione dell’acquario d’acqua dolce tropicale

Quando acquistiamo un acquario e scegliamo di optare per un acquario tropicale, dobbiamo tenere presente alcune caratteristiche peculiari riguardanti la specifica tipologia di acquario.

L’acquario tropicale, solitamente,non richiede delle strutture eccessivamente grosse e larghe, in quanto la maggior parte dei pesci tropicali non è dotato di una corporatura eccessiva: ovviamente, qualora si vorranno acquistare molti pesci, si dovrà comunque procedere all’acquisto di una struttura adeguata. Una volta scelta la struttura, bisognerà munirsi di un ottimo supporto su cui posizionare l’acquario stesso: è necessario che il supporto sia di buona qualità e di estrema resistenza, per evitare danni non solo alla struttura ma anche ai nostri pesci.

Dopo questi necessari acquisti, si potrà procedere alla sistemazione del nostro acquario. Esso dovrà essere sistemato in una zona della casa non troppo affollata, ma, ovviamente, non deve essere troppo isolata: lo scopo è di poter tenere sotto controllo il nostro acquario, senza però disturbare la tranquillità dei nostri pesci.

L’acquario d’acqua dolce tropicale, inoltre, deve essere sistemato in uno spazio della casa non direttamente colpito dal sole, cosa che potrebbe risultare molto nociva per i nostri pesci, ma si devono comunque evitare posti troppo scuri, proprio per le particolari esigenze dei pesci tropicali. Si consiglia di considerare la sistemazione dell’acquario prima di procedere all’acquisto dello stesso, onde evitare problemi di sistemazione.

Acquario d’acqua dolce tropicale

HM DIGITAL COM-80 EC / TDS Hydro Tester Palmare penna tester test qualita acqua uS mS ppm ppt misura Kydroponics & giardinaggio, piscine & Spas, acquari & vasche di barriera, ionizzatori d'acqua, bere acqua

Prezzo: in offerta su Amazon a: 45,22€


Accessori acquario d’acqua dolce tropicale

Acquario d’acqua dolce tropicale Una volta sistemato l’acquario, si potrà procedere alla sistemazione del fondo: il fondo deve essere scelto in base alle caratteristiche ambientali in cui i pesci da noi scelti sono abituati a vivere: trattandosi di pesci tropicali, si consiglia, perlopiù, l’utilizzo di fondi sabbiosi. Il fondo deve essere accuratamente pulito prima di poter essere inserito nell’acquario. Si potrà, a questo punto, inserire le rocce e gli altri accessori. È molto importante, in un acquario tropicale, inserire piante e rocce, perché esse permettono di riprodurre l’habitat naturale dei nostri pesci e permettono loro di poter vivere alcuni momenti della loro vita, come ad esempio la riproduzione, più tranquillamente. Dopo aver inserito questi elementi decorativi, si potrà inserire l’acqua: essa deve essere un’acqua pura;non si può,infatti, utilizzare soltanto acqua del rubinetto, in quanto essa contiene una quantità eccessiva di Sali minerali, in alcuni casi nocivi per i pesci tropicali. Dopo aver inserito l’acqua, si potrà procedere all’inserimento delle piante: anch’esse devono appartenere all’habitat naturale dei pesci scelti. È molto semplice,in ogni caso, per chi fosse interessato a questo allestimento, trovare piante di questo genere in appositi negozi. Ovviamente, se si decide di acquistare delle piante vere, bisognerà acquistare anche un buon fertilizzante che le aiuterà a crescere, anch’esso, ovviamente, specifico per la categoria considerata.

Dopo questa fase si potrà procedere all’inserimento del sistema di filtraggio, di illuminazione e di riscaldamento.

Dopo una quindicina di giorni l’acqua dovrà essere parzialmente cambiata e, dopo altri quindici giorni, si potrà procedere all’inserimento dei pesci.

I pesci devono essere inseriti nell’acquario lentamente e con grande attenzione per evitare che, cercando di sfuggire, possano ferirsi o addirittura morire. Ricordiamo che esistono specifici mangimi con cui sarà possibile nutrire i nostri pesci tropicali e che sono necessari per la loro crescita.

  • La scelta di allestire un acquario in casa è dettata oltre che dalla voglia di conferire un nuovo aspetto agli interni del nostro appartamento anche dalla voglia di prendersi cura di creature piccole ...
  • La scelta dei giusti mangimi per pesci è molto difficile in quanto in commercio vi sono innumerevoli tipi ed ognuno di essi con caratteristiche ben diverse. Districarsi tra le varie confezioni ed etic...
  • Chi dice acquari indica un mondo variegato e complesso che ruota intorno a questa passione. Negli ultimi anni la moda di possedere un acquario è sempre più diffusa. Le ragioni di ciò sono sicuramente ...
  • Le piante da porre nell’acquario sono di innumerevoli tipi. Ovviamente la scelta deve ricadere su piante acquatiche, ma queste non sono tutte uguali, in quanto si differenziano a seconda del tipo di a...

Inkbird Dual Digital PID Temperatura Regolatore Raffreddamento e Riscaldamento Intelligente Termostato Calibrazione ITC-100VH + K Sonda Sensore + 25A SSR Relè a Stato Solido

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,99€
(Risparmi 5€)


Acquario d'acqua dolce tropicale: Illuminazione e temperatura di un acquario tropicale d’acqua dolce

Un acquario tropicale d’acqua dolce richiede specifici parametri anche dal punto di vista della temperatura e della illuminazione. Per quanto riguarda la temperatura, ricordiamo che i pesci tropicali necessitano sicuramente di maggior calore, rispetto ai pesci d’acqua fredda. La temperatura ideale per un pesce tropicale, infatti, può aggirarsi addirittura attorno ai 27° C, temperatura che non sarebbe sicuramente sopportata da altri tipi di pesci. data questa particolare esigenza, risulta spesso necessario l’acquisto di un riscaldatore, in quanto una temperatura troppo bassa nuocerebbe gravemente alla salute e al metabolismo dei nostri pesci. il riscaldatore consiste in un tubo di vetro con un sistema elettrico che permette di riscaldare la temperatura dell’acqua: ovviamente, essa può essere controllata attraverso un apposito termostato. È importante verificare periodicamente il buon funzionamento del riscaldato, anche per evitare l’emissione di energia in acqua. Per l’illuminazione, invece, solitamente i pesci rossi hanno bisogno di maggiore luce rispetto ai pesci d’acqua fredda e soprattutto di diversi spettri di colore. Per questo motivo, per gli acquari tropicali, si utilizzano lampade più forti, come quelle al LED. Queste lampade devo essere sostituite una volta all’anno, sebbene sia necessario controllare il loro funzionamento con maggiore frequenza. Le lampade devono rimanere accese circa 13-15 ore al giorno per permettere ai pesci di attivare al meglio il loro metabolismo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO