Acquario dolce

Scelta e predisposizione dell’acquario

Quando si scegli di acquistare e di formare un acquario di acqua dolce, ovviamente, la prima scelta che dovrà essere fatta riguarda la scelta dell’acquario. Innanzitutto, dobbiamo considerare la sua grandezza, la qualità e gli accessori dello stesso.

Per quanto riguarda la grandezza,ovviamente, dobbiamo tenere a mente due fattori, ossia lo spazio che abbiamo a disposizione in cui inserire questa struttura e,inoltre, i pesci e le piante che si vogliono inserire nell’acquario stesso. Questo elemento deve essere considerato sotto due punti di vista,innanzitutto perché bisogna considerare il numero di abitanti del nostro futuro acquario (più questo è popolato e più,ovviamente,l’acquario dovrà essere grande). In secondo luogo, dobbiamo considerare le specie marine che si desidera acquistare: ci sono pesci,infatti, che possono entrare facilmente in conflitto tra di loro (in questo caso, si consiglia di chiedere informazioni ad un esperto per poter, eventualmente,creare degli ambienti separati).

Il secondo elemento da considerare, come già detto, è la qualità. Questo implica,ovviamente, una comparazione con i prezzi di queste strutture: è vero che esistono acquari con prezzi proibitivi, però, non si dovrà neanche cercare un acquario eccessivamente economico, in quanto molto spesso, questi acquari sono denotati da una scarsa funzionalità e da elementi facilmente danneggiati (pensiamo ad esempio ad un sistema di illuminazione o di filtraggio di scarsa qualità). Per cui, qualora si effettui un acquisto a prezzi eccessivamente bassi, si dovranno poi sostituire, con il passare del tempo, gli elementi difettosi. Dobbiamo poi scegliere l’acquario in base ad alcune caratteristiche, ossia la grandezza,come già detto, e qui si consiglia di acquistare un acquario di almeno 80-90 litri di capienza e il sistema di filtraggio,di illuminazione e di pulizia di cui la stessa struttura dispone.

L’acquario dolce, dal punto di vista dell’illuminazione e della grandezza, richiede sicuramente meno elementi costosi rispetto ad un acquario marino, ma questo non significa che si può acquistare della merce scadente.

Una volta acquistato l’acquario, si dovrà procedere alla sistemazione dello stesso presso la propria abitazione, tenendo presente che, difficilmente, esso potrà essere spostato dal posto in cui viene sistemato. L’acquario deve essere inserito in una posizione sicura, su un terreno o pavimento molto solido e non pendente. L’acquario non deve essere posizionato vicino a delle forti fonti di luce, perché l’unica illuminazione che dovrà colpire gli animali marini è quella artificiale.

Acquario dolce

Aquael Riscaldatore Acquario Dolce Marino 100 W

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,9€


Organizzazione dell’acquario

Acquario dolceUna volta sistemato l’acquario, si dovrà procedere al suo allestimento: l’acquario deve essere, preliminarmente, ben pulito, per evitare sporcizia e germi. Si dovrà procedere poi alla sistemazione della ghiaia o del terriccio sul fondo: questo deve essere sistemato in modo uniforme, in modo da coprire allo stesso modo tutti i punti dell’acquario. La scelta del tipo di ghiaia deve essere fatta attentamente tenendo conto dell’habitat naturale dei pesci che desideriamo acquistare per il nostro acquario. In un secondo momento, bisogna inserire l’acqua (bisogna fare molto attenzione per evitare che l’inserimento dell’acqua sposti il terriccio). Ancora, bisognerà, a questo punto, inserire le rocce e tutte le eventuali decorazioni che vogliono essere inserite sul fondale dell’acquario e, con un intervallo di circa un giorno, potranno essere inserite le piante. È bene accendere il filtro sin dal momento in cui viene inserita l’acqua. Ricordiamo,inoltre, che non è possibile inserire subito i pesci in un acquario ma occorre aspettare almeno un paio di settimane dall’accensione del filtro. Quando arriveremo al momento in cui si potrà inserire il pesce nell’acquario, si consiglia di inserirlo con ancora la busta dell’acquisto e di lasciarlo dentro di essa per una mezzora di tempo, per evitare sue possibili lesioni.

  • La scelta di allestire un acquario in casa è dettata oltre che dalla voglia di conferire un nuovo aspetto agli interni del nostro appartamento anche dalla voglia di prendersi cura di creature piccole ...
  • La scelta dei giusti mangimi per pesci è molto difficile in quanto in commercio vi sono innumerevoli tipi ed ognuno di essi con caratteristiche ben diverse. Districarsi tra le varie confezioni ed etic...
  • Chi dice acquari indica un mondo variegato e complesso che ruota intorno a questa passione. Negli ultimi anni la moda di possedere un acquario è sempre più diffusa. Le ragioni di ciò sono sicuramente ...
  • Le piante da porre nell’acquario sono di innumerevoli tipi. Ovviamente la scelta deve ricadere su piante acquatiche, ma queste non sono tutte uguali, in quanto si differenziano a seconda del tipo di a...

Sera Siporax Mini Professional - Cannolicchi per acqua cristallina nell'acquario d'acqua dolce e nell'acquario marino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,65€


Cura dell’acquario

Acquario dolceNon bisogna guardare al nostro acquario dolce come ad un oggetto ornamentale: questo,infatti, è un oggetto di cui avere particolare cura. Infatti, varie sono le attenzioni che devono essere rivolte a questa struttura: dal sistema di filtraggio a quello di illuminazione ecc.

Innanzitutto, come è chiaro, l’acquario deve possedere necessariamente un sistema di filtraggio meccanico che ci permette di mantenere l’acqua limpida e pulita. Esistono due tipi di filtraggio, quello meccanico, di cui abbiamo appena parlato, e il filtraggio biologico che serve a ridurre l’inquinamento dell’acqua. Se si desidera tenere al meglio il nostro acquario dolce, occorrerà acquistarli entrambi. È importante che il sistema di filtraggio sia abbastanza esteso e potente da coprire l’intera area dell’acquario.

È importante,poi, tenere sotto controllo la temperatura, con un apposito termostato. Solitamente, in un acquario di acqua dolce, la temperatura ideale si aggira attorno ai 27° C.

Ancora, dobbiamo tenere presente che l’acqua, nonostante la presenza del sistema di filtraggio, tende a sporcarsi facilmente: per questo motivo,l’acqua deve essere periodicamente sostituita. Solitamente, si tende a fare dei ricambi settimanali e parziali di acqua; nel caso non si abbia questa possibilità, si ricorda che l’acqua deve essere cambiata almeno una volta al mese. L’acqua può essere tenuta pulita, momentaneamente, anche da specifici prodotti facilmente acquistabili sul mercato. È importante tenere sotto controllo e pulire periodicamente (anche se con tempi molto più dilatati, anche il sistema di filtraggio e di illuminazione). Ricordiamo,inoltre, che anche il terriccio o la ghiaia devono essere periodicamente puliti, perché qui possono essere accumulati molti escrementi dei pesci. Per quanto riguarda il sistema di illuminazione, per un acquario di acqua dolce, si consiglia l’acquisto di lampade tubolari fluorescenti: queste lampade sono abbastanza luminose e la loro temperatura di colore varia dai 1600 ai 7000 K. Queste lampade sono sicuramente ottime per questi tipi di acquario in cui,data la normalità delle specie marine, non è richiesta una luce particolarmente intensa,come accade,invece, negli acquari tropicali.


Acquario dolce: Pesci per acquario di acqua dolce

Acquario dolce Tantissimi sono i tipi di pesce che possono essere inseriti in un acquario di acqua dolce. Ricordiamone alcuni tra i tanti esemplari: abbiamo il Colisa Ialia, un piccolo pesce di colore blu splendente che proviene, principalmente, dall’India; il Tateurndina ocellicauda, pesce proveniente dalla Papua Nuova Guinea, un pesce molto colorato e grazioso,solitamente con delle striature rosse; la Betta Splendens, un bellissimo pesce Thailandese dal corpo lungo massimo una decina di centimetri e il cui colore varia dal blu,al rosso e al nero. Ancora abbiamo altre specie come il comunissimo pesce rosso, di cui,però esistono varie tipologie; un pesce abbastanza grande (solitamente può raggiungere i 30 cm di lunghezza) dalle striature rosse e nere; è possibile, infine, inserire, in un acquario di acqua dolce, anche pesci particolarissimi, come i Piranha.

La scelta dei pesci da inserire nel proprio acquario deve, comunque, essere valutata molto attentamente, tenendo conto soprattutto della compatibilità reciproca delle varie specie e delle particolari esigenze di ognuna. Infatti, bisogna tenere presente che non si possono unire pesci che richiedono illuminazione e temperature troppo diverse tra di loro, per evitare effetti nocivi per una o più specie. Non devono essere acquistati nemmeno pesci con misure notevolmente diverse, questo perché i pesci più grandi possono risultare aggressivi e addirittura uccidere gli esemplari più piccoli. Dobbiamo inoltre curare l’alimentazione di questi pesci. I pesci, come tutti gli esseri umani, hanno bisogno, per la loro alimentazione, proteine,vitamine ecc: per questo motivo, occorre acquistare, in appositi negozi di animali, dei mangimi che soddisfino le esigenze nutrizionali dei vari tipi di pesce. Questi possono essere mangimi secchi o liofilizzati; è possibile,inoltre,anche acquistare prodotti surgelati. Si possono utilizzare anche ortaggi e verdure, come zucchine,carote e simili.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO