Acquario In Vetro

La passione per gli acquari

L’acquariofilia è un hobby affascinante che conta tantissimi appassionati: tra acquari d’acqua dolce, acquari marini, e gli acquari di barriera, che si stanno diffondendo recentemente e sono considerati molto ‘in’, sono sempre di più le persone che si avvicinano a questo campo.

Allestire e gestire un acquario, infatti, può essere una sfida, e un passatempo molto rilassante, senza contare che l’acquario è anche un pregiatissimo elemento d’arredo per la nostra casa.

La maggior parte degli acquariofili alle prime armi, sceglie di acquistare la vasca in vetro e tutte le attrezzature necessarie, limitandosi poi ad allestire il tutto; ma, soprattutto tra gli acquariofili con più esperienza, molti scelgono di unire due passioni: quella per gli acquari, e quella per il fai da te. E’ proprio da qui che nasce l’esigenza di costruirsi da soli il proprio acquario, non tanto perché sia una soluzione economicamente vantaggiosa, quanto per la pura soddisfazione di esporre qualcosa che si è creato con le proprie mani.

Sebbene vi siano vasche per acquario di svariati materiali (plexiglass, vetroresina, e così via), il materiale più utilizzato in assoluto rimane il vetro.

Acquario In Vetro

Haquoss diversa 40 open acquario aperto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,42€


Costruire o acquistare un acquario in vetro

Acquario In VetroPer costruirci da soli la vasca in vetro per il nostro acquario, la prima cosa di cui avremo bisogno sono le lastre: facciamole quindi preparare da un vetraio, delle dimensioni desiderate. La scelta del fai da te può risultare molto utile, soprattutto quando per questioni di spazio o di gusto personale vogliamo una vasca di dimensioni diverse rispetto a quelle standard che si trovano in commercio.

Per assemblare le lastre, un buon metodo è quello di farci preparare dal falegname –o di preparare noi stessi- una struttura di legno autoportante, che ci consentirà di incollare le lastre con un angolo preciso di 90°. Disponiamo le lastre sul supporto ligneo, e incolliamole (dopo aver ripulito i bordi con un prodotto per vetri, per assicurare alla colla la massima presa) servendoci di una pistola a caldo e di silicone acetico.

Se invece vogliamo acquistare direttamente un acquario in vetro già pronto, possiamo rivolgerci a negozi specializzati o acquistarlo online. In genere queste vasche sono già dotate di molti accessori (filtri, luci, pompe), e il prezzo varia a seconda delle dimensioni e della qualità: si va da poche decine di euro, fino a vasche grandi e superaccessoriate il cui prezzo supera i 1000€.

  • La scelta di allestire un acquario in casa è dettata oltre che dalla voglia di conferire un nuovo aspetto agli interni del nostro appartamento anche dalla voglia di prendersi cura di creature piccole ...
  • La scelta dei giusti mangimi per pesci è molto difficile in quanto in commercio vi sono innumerevoli tipi ed ognuno di essi con caratteristiche ben diverse. Districarsi tra le varie confezioni ed etic...
  • Chi dice acquari indica un mondo variegato e complesso che ruota intorno a questa passione. Negli ultimi anni la moda di possedere un acquario è sempre più diffusa. Le ragioni di ciò sono sicuramente ...
  • Le piante da porre nell’acquario sono di innumerevoli tipi. Ovviamente la scelta deve ricadere su piante acquatiche, ma queste non sono tutte uguali, in quanto si differenziano a seconda del tipo di a...

VASCHETTA IN VETRO M D. 30X18X19

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,93€


Caratteristiche dei vetri per acquario

Sui vetri per acquario ci sono diverse cose da sapere, che tornano utili soprattutto se abbiamo intenzione di acquistare le lastre e costruirci la vasca da soli.

Innanzitutto, possiamo orientarci su due tipi diversi di vetro, il float –con la classica tonalità un po’ verdognola- e l’extra chiaro –trasparente-: va detto però che il secondo subisce processi di lavorazione che lo rendono parecchio costoso, e comunque il colore verdino non è fastidioso in un acquario, anzi; conviene generalmente scegliere un vetro del primo tipo.

Assicuriamoci poi che il vetro abbia subito alcune lavorazioni fondamentali. Una di queste è la ricottura: questa operazione consiste nel cuocere il vetro più di una volta (due, tre, o anche di più), e serve a ridurre al minimo le tensioni interne alle lastre. Si tratta di un passaggio fondamentale, altrimenti le lastre rischiano di creparsi, con conseguenze disastrose e facilmente immaginabili.

Un altro di questi procedimenti è la molatura, che serve a rendere innocui i bordi delle lastre, altrimenti molto taglienti e pericolosi per chi le maneggia. In ultimo poi vi è la pulimentatura, il processo che dona al vetro la sua tipica lucentezza.


Acquario In Vetro: Pulizia dei vetri

Una volta che l’acquario è pronto e allestito, ci restano le operazioni di manutenzione standard da compiere periodicamente, prima fra tutte la pulizia dei vetri. Il vetro infatti tende a sporcarsi di alghe con una certa frequenza, soprattutto se alleviamo pesci rossi, o altre specie analoghe che difficilmente riescono a convivere con gli organismi pulitori (piccoli organismi acquatici che si nutrono di sostanze di rifiuto e delle alghe infestanti che crescono sui vetri, aiutandoci a mantenerli puliti).

In questi casi, l’unica soluzione è quella di pulire il vetro con una spugnetta morbida (facciamo molta attenzione a non graffiarlo). Non è necessario immergere tutto il braccio nella vasca; in commercio esistono infatti diversi strumenti per ovviare al problema: vi sono sia spugnette dotate di un magnete che permette di controllarle dal lato esterno del vetro (anche se, quando la spugnetta si sporca, c’è il rischio che si stacchi dal vetro e cada sul fondo, obbligandoci a recuperarla), sia spugne con manici molto lunghi, che possiamo muovere a nostro piacimento. Oppure, possiamo risolvere la cosa artigianalmente, legando noi stessi una spugna ad un’asta di legno o qualcosa di analogo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO