Allestire un acquario

Primi passi per l’allestimento di un acquario

Per prima cosa, quando si decide di acquistare ed allestire un acquario, si dovrà, ovviamente procedere all’acquisto della struttura.

L’acquisto dell’acquario non è così semplice come potremmo immaginare: per poter acquistare una buona struttura,infatti, bisogna considerare vari fattori, come,ad esempio, lo spazio a disposizione, nella nostra abitazione, per la struttura medesima e la tipologia di pesci che si vogliono inserire nell’acquario medesimo. Infatti, a seconda del tipo di pesci che si desidera acquistare, l’acquario dovrà essere più o meno grande e dovrà disporre, o meno, di certi accessori particolari.

Una volta fatte tutte le possibili valutazioni preventive all’acquisto della nostra struttura, si potrà procedere all’acquisto, ad esempio scegliendo una vasca semplice senza supporto (che dovrà poi essere acquistato singolarmente) oppure una struttura complessa complessiva di supporto. Si potranno scegliere acquari di vari materiali: ovviamente, questi elementi compositivi varieranno al variare del prezzo del nostro acquario; si consiglia,comunque, di comprare una struttura di buona qualità e di grandezza adeguata, almeno per non dover procedere poi ad un successivo acquisto di una nuova struttura. Solitamente, se non si desidera un acquario eccessivamente particolare, si consiglia di acquistare un acquario dalla capacità di circa 70-80 litri. Ovviamente,i più esperti potranno anche costruire da soli questa struttura, trovando,in rete o in manuali, gli appositi schemi.

Una volta acquistato l’acquario, esso potrà essere sistemato nel luogo a lui destinato. Il miglior posto per un acquario è un posto non eccessivamente colpito dalla luce solare ( ad esclusione dei casi di acquari di tipo particolare, come l’acquario tropicale) e non troppo affollato, sebbene questo stesso posto deve essere facilmente controllabile. Dopo la scelta definita del posto, si potrà procedere alla sistemazione della struttura, montando preventivamente l’eventuale supporto e, in seguito, la vasca.

Allestire un acquario

L? Acquario - Come Allestire E Mantenere Un Acquario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,49€


Filtro,fondo e accessori per acquario

Allestire un acquarioDopo aver sistemato e posizionato la nostra struttura, bisognerà continuare nell’allestimento del nostro acquario, inserendo, in primis, il nostro sistema di filtraggio. Quest’ultimo permette di mantenere pulita l’acqua dell’acquario, così da renderlo più vivibile. Il filtro è solitamente dotato di pompa e riscaldatore, per questo motivo, si dovrà scegliere un punto adatto per inserirlo, un punto ovviamente da cui potrà facilmente collegarsi questo sistema alla corrente elettrica. Dopo la sistemazione del filtro, si procederà con l’inserimento delle lampade, qualora il sistema di illuminazione non sia completamente contenuto nel coperchio del nostro acquario. A seconda della grandezza dell’acquario stesse, le lampade potranno essere sistemati ai lati della struttura o sotto il fondo; quest’ultima scelta, qualora non comporti un eccessivo spreco di spazio, è sicuramente la migliore. Dopo avere inserito questi due sistemi ed,eventualmente dopo aver inserito anche il sistema di riscaldamento, necessario per gli acquari tropicali, si potrà procedere alla sistemazione del fondo. La scelta del fondo non è così semplice come si potrebbe pensare, perché essa dipende dalla caratteristiche fisiche e comportamentali dei pesci che saranno inseriti nel nostro acquario; in quanto, come è noto, esistono tipologie di pesci che preferiscono i fondali sabbiosi e tipologie che preferiscono, invece, fondi più melmosi. Una volta scelto il fondo, che solitamente consiste in un materiale intermedio così da poter soddisfare le scelte di tutti i pesci, si potranno inserire, eventualmente, delle piante. Ovviamente, prima di procedere, bisognerà cospargere il fondo stesso con del fertilizzante,così da garanti una migliore crescita delle medesime. Le piante sono molto importanti in un acquario in quanto non solo migliorano il livello di ossigenazione ma favoriscono, il più delle volte, anche la riproduzione, in quanto i pesci sono soliti nascondere, appunto, le loro uova sotto le foglie di queste piante. Ovviamente, insieme alle piante, possono essere inseriti anche altri accessori come sassi, piccole rocce ecc.

  • Esempio di acquario per tartarughe Prima di procedere con l’esplicazione di quelle che sono le fasi di realizzazione di un acquario per tartarughe d’acqua, è bene sapere che le tartarughe non amano i posti piccoli e preferibilmente dev...
  • La scelta di allestire un acquario in casa è dettata oltre che dalla voglia di conferire un nuovo aspetto agli interni del nostro appartamento anche dalla voglia di prendersi cura di creature piccole ...
  • La scelta dei giusti mangimi per pesci è molto difficile in quanto in commercio vi sono innumerevoli tipi ed ognuno di essi con caratteristiche ben diverse. Districarsi tra le varie confezioni ed etic...
  • Chi dice acquari indica un mondo variegato e complesso che ruota intorno a questa passione. Negli ultimi anni la moda di possedere un acquario è sempre più diffusa. Le ragioni di ciò sono sicuramente ...

Tetra, Acquario Con Led, 60X30, 54 Lt, Antracite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 94,39€


Allestire un acquario: Inserimento dell’acqua e dei pesci

Completata la sistemazione del nostro acquario, si potrà procedere all’inserimento dell’acqua. Questa fase può risultare leggermente complessa, in quanto non è possibile usare solo acqua normale, ossia di rubinetto, ma bisognerà utilizzare una pari quantità di acqua distillata.

L’acqua non deve essere inserita velocemente, ma anzi questo procedimento deve essere lento e graduale, così da non disfare il nostro fondo e da non travolgere tutti gli eventuali accessori inseriti.

Dopo aver inserito l’acqua, bisognerà azionare tutti gli impianti, facendo in modo che l’acqua si depuri e sia pronta all’inserimento dei pesci; questa fase di depurazione deve durare qualche settimana. Una volta che l’acqua risulta pronta, si potrà procedere all’inserimento dei pesci. ovviamente, si dovrà fare estremamente attenzione per evitare che essi possano subire qualsiasi tipo di danno,sia a causa della paura che a causa di movimenti sbagliati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO