Pesce Pettine

Pesce pettine: caratteristiche generali

Il pesce pettine (nome scientifico Xyrichtys novacula) è un pesce che fa parte della famiglia dei Labridi.

E’ un pesce dall’aspetto molto particolare, diverso anche dagli altri membri della sua stessa famiglia: ha il corpo alto e schiacciato ai lati, e una testa dal profilo anteriore ripidissimo, quasi verticale, con due occhi piccoli di forma tondeggiante, posti molto in alto. La bocca è piccola, orizzontale e un po’ sporgente, con denti acuminati, due dei quali sporgono in avanti. Ha una sola pinna dorsale e una sola pinna anale, entrambe piuttosto lunghe; la pinna caudale è corta e spatolata, di forma convessa.

La pelle è protetta da un leggero strato mucoso, e ricoperta di squame.

La livrea cambia, oltre che in base all’età, anche in base al sesso dell’esemplare: una femmina adulta sarà di un colore grigiastro o sabbia, con riflessi rossicci o aranciati, linee blu intorno agli occhi e una serie di scaglie dai riflessi vivaci sull’addome. Il maschio adulto invece è prevalentemente grigio, con qualche traccia di giallino o rosa salmone. Alcuni esemplari particolarmente vecchi hanno un colore verdastro.

Le dimensioni di un esemplare adulto sono in genere comprese tra i 15 e i 20 centimetri, sebbene si abbia notizia di pesci pettine di oltre 25 cm.

Pesce Pettine

MagiDeal Clips Banana Pesce Fermaglio Dei Capelli Pettine Ponytail Accessori Donna - 03

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,16€


Habitat, alimentazione, riproduzione del pesce pettine

Pesce PettineIl pesce pettine è diffuso in tutto il Mar Mediterraneo e in buona parte dell’Oceano Atlantico, sia sul versante europeo che su quello americano; nelle acque italiane non è molto comune, sebbene ve ne siano esemplari nel Tirreno meridionale e nello Stretto di Messina.

Vive a piccole profondità, tra i 5 e i 20 metri (sebbene nella stagione invernale si sposti a profondità maggiori), e predilige i fondali sabbiosi, non fangosi, e in cui vi siano praterie di Cymodocea nodosa, una pianta acquatica spermatofita. Se si sente in pericolo, il pesce pettine si seppellisce completamente nella sabbia, a testa in avanti.

Si nutre principalmente di molluschi, echinodermi e crostacei.

La riproduzione avviene nei mesi estivi: il maschio si circonda di un vero e proprio harem di femmine. Le uova e le larve sono pelagiche; una particolarità è che i nuovi nati hanno un aspetto completamente diverso dagli esemplari adulti, con raggi allungati sulla spina dorsale, un profilo molto meno ripido, e una serie di macchie verdi a contraddistinguerne la livrea.

Si tratta di una specie ermafrodita (come molti altri labridi): i giovani sono femmine, i vecchi diventano maschi.

  • Pesci per acquari L’acquario non deve essere inteso come un semplice ornamento per la nostra casa,ma si deve partire, nel momento in cui si decide di procedere all’acquisto di questo oggetto, dalla consapevolezza che, ...
  • Pesce pagliaccio Il pesce pagliaccio è un pesce facente parte della famiglia degli Amphiprion. Questi pesci sono molto diffusi nei paesi bagnati dall’Oceano Pacifico e dal Mar Cinese, sebbene siano oggi diffusi in q...
  • Pesce Gatto Uno dei pesci più noti al mondo è il pesce gatto, il cui nome scientifico è Ameiurus melas. Questo pesce può essere facilmente inserito in un adeguato acquario di acqua dolce, essendo esso un abitante...
  • Pesce rosso Il pesce rosso è uno dei pesci più conosciuti e comuni al mondo, in quanto, nonostante questo animale non sia assolutamente usato per scopi di alimentazione, viene spesso acquistato come animale domes...

BANANA pesce Tort tonalità, colore: marrone a Pettine per capelli con coda di cavallo, 14 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,03€


Pescare il pesce pettine

Il pesce pettine è preda ambita di molti pescatori, per via delle sue gustose carni: il periodo più indicato per la pesca è quello compreso tra luglio e settembre, ed è preferibile optare per le ore più calde della giornata.

Viene insidiato principalmente con la pesca a bolentino, sia con la lenza a mano che con canna e mulinello.

Il segreto sta nello scegliere la giusta esca: il pesce pettine infatti apprezza particolarmente i sapori dolciastri, ragion per cui un’esca composta da un gamberetto o un’alice immersi nello zucchero (con l’aggiunta di un pizzico di sale) lo attireranno immediatamente. E’ anche possibile utilizzare, con risultati comunque discreti, i bigattini, o –sebbene possa sembrare una cosa alquanto strana- anche piccoli pezzetti di petto di pollo crudo.

I pesci pettine sono piuttosto pacifici, e generalmente non oppongono resistenza alla cattura; può capitare però che alcuni di essi mordano i pescatori quando questi ultimi li staccano dalla lenza, riuscendo facilmente a bucar loro la pelle con i denti acuminati.


Pesce Pettine: Pesce pettine in cucina

Il pesce pettine è molto apprezzato dal punto di vista culinario, soprattutto nella zona della Calabria, in cui questi pesci vengono chiamati “surici” e rappresentano una delle pietanze più prelibate della cucina locale.

Hanno una carne bianca, compatta, di ottimo sapore e poco spinosa, e per giunta sono anche abbastanza economici. Come sempre, facciamo attenzione alla freschezza del pesce prima di acquistarlo: controlliamo che il colore sia lucido, che le carni siano ben compatte, che gli occhi siano vividi e sporgenti, e che l’odore sia buono e senza alcun sentore ammoniacale.

Generalmente il modo migliore per esaltare il delicato sapore del pesce pettine è consumarlo fritto: una volta ripulito e spinato, è sufficiente passarlo nella farina (preferibilmente di grano duro) e friggerlo in olio bollente. Va poi posto su carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso, e servito immediatamente, per poterlo gustare ancora caldo e croccante. E’ consigliabile accompagnarlo con dell’insalata verde, e condire il tutto con abbondate succo di limone.

Sebbene questo pesce si presti particolarmente alla frittura, ciò non toglie che sia possibile prepararlo in altri modi, come ad esempio marinato; può anche essere utilizzato per preparare gustosi sughi con cui condire i nostri primi piatti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO