Pesce San Pietro

Aspetto e caratteristiche generali

Il pesce San Pietro è un pesce d’acqua salata, appartenente alla famiglia degli Zeidae; il suo nome scientifico è Zeus Faber.

D’aspetto, si presenta con un corpo ovoidale appiattito ai lati, e una testa dotata di numerose asperità, con occhi grandi e una bocca che si spinge in avanti assumendo la forma di un tubicino. E’ facilmente riconoscibile per via di due caratteristiche distintive: una macchia blu o nera (con bordi chiari), rotonda, sul fianco, e delle lunghe appendici filamentose (in genere una decina) che si propagano dalla spina dorsale. Le pinne pettorali sono di dimensioni medie, mentre quelle ventrali sono un po’ più lunghe del normale; la pinna caudale, infine, è trasparente e di forma tondeggiante, e ha dei caratteristici raggi bianchi.

Il colore è grigio dorato, più scuro sul dorso, con riflessi argentei nella zona ventrale e riflessi giallini sui fianchi. La lunghezza media di un esemplare adulto è di una cinquantina di centimetri, ma si ha notizia anche di esemplari parecchio più grandi, di circa 90 cm, per un peso di oltre 8 kg.

Per via del suo aspetto particolare, oltre ad essere utilizzato a scopo alimentare è spesso anche ospitato in grosse vasche all’interno degli acquari pubblici, per poter essere ammirato dai visitatori.

Pesce San Pietro

Stampa D'annata del Pesce San Pietro 1928 degli Arcobaleni dell'America settentrionale dell'Aguglia di Pike del Pesce di Angelo dell'Acquario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22€
(Risparmi 22€)


Habitat, alimentazione e riproduzione

Pesce San PietroIl pesce San Pietro vive su fondali sabbiosi, generalmente a circa 200 metri di profondità, anche se può capitare di avvistarlo in prossimità delle coste. E’ diffuso nella maggior parte dei mari tropicali e temperati, come il Mar Mediterraneo e il Mar Nero. Lo si trova anche nell’Oceano Atlantico, in prossimità delle coste scandinave e sudafricane; nell’Oceano Indiano, invece, è diffuso lungo le coste del Madagascar e della penisola dell’India.

E’ un animale solitario, quindi non si muove in branchi, ed è un cacciatore molto vorace: si avvicina alle prede nuotando lentamente (la sua particolare struttura piatta non gli permette di nuotare a velocità elevate), e poi le cattura in maniera fulminea sfruttando la sua bocca protrattile. Si nutre per lo più di piccoli pesci, ma anche di crostacei e cefalopodi.

Il San Pietro è un pesce che raggiunge la maturità sessuale tardi, tra i 4 e i 15 anni, e si riproduce nei primi mesi dell’anno (dall’inverno alla tarda primavera, a seconda delle zone in cui vive). Le sue uova, pelagiche, vengono fecondate esternamente.

  • Pesci per acquari L’acquario non deve essere inteso come un semplice ornamento per la nostra casa,ma si deve partire, nel momento in cui si decide di procedere all’acquisto di questo oggetto, dalla consapevolezza che, ...
  • Pesce pagliaccio Il pesce pagliaccio è un pesce facente parte della famiglia degli Amphiprion. Questi pesci sono molto diffusi nei paesi bagnati dall’Oceano Pacifico e dal Mar Cinese, sebbene siano oggi diffusi in q...
  • Pesce Gatto Uno dei pesci più noti al mondo è il pesce gatto, il cui nome scientifico è Ameiurus melas. Questo pesce può essere facilmente inserito in un adeguato acquario di acqua dolce, essendo esso un abitante...
  • Pesce rosso Il pesce rosso è uno dei pesci più conosciuti e comuni al mondo, in quanto, nonostante questo animale non sia assolutamente usato per scopi di alimentazione, viene spesso acquistato come animale domes...

Santa Maria di Realvalle. Un'abbazia cistercense del Duecento a San Pietro di Scafati

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55,25€
(Risparmi 9,75€)


Pesca del pesce San Pietro

Stando agli esperti, pescare un pesce San Pietro non è cosa facile: si tratta infatti di una specie piuttosto rara, e anche pescatori con una lunga carriera alle spalle vi si sono imbattuti poche volte.

Si pesca con reti da traino, da posta e palamiti, ma per lo più si cerca di insidiarlo a bolentino. Quella a bolentino è la tecnica di pesca dilettantistica dalla barca più diffusa in assoluto: si effettua a motore fermo, e sia a barca ancorata che non ancorata. Si utilizzano la canna da pesca o la togna (una particolare lenza a mano), e varie esche: piccoli crostacei, molluschi, vermi o pesciolini; più raramente, possono essere utilizzate anche esche artificiali.

A volte capita anche di ritrovarsi il pesce San Pietro attaccato alla lenza per sbaglio, perché sta mangiando un pesce che aveva precedentemente abboccato.

Una curiosità: il nome di questo pesce deriva proprio da una leggenda legata alla pesca. Si narra che San Pietro ne avesse pescato uno durante una sessione di pesca, ma, commosso dal gemito che questa specie emette quando viene catturata, decise di liberarlo, e nel farlo gli lasciò sui fianchi l’impronta delle dita (il caratteristico cerchietto scuro che questo pesce presenta).


Pesce San Pietro: Il pesce San Pietro in cucina

Le carni del pesce San Pietro sono considerate pregiate ed estremamente saporite: si tratta infatti di un pesce tenero e facile da disliscare –le spine sono poche e grandi-. E’ un alimento con un elevato valore nutrizionale e un sapore molto delicato. Al momento dell’acquisto, assicuriamoci che l’odore sia gradevole, il colore delle squame brillante, e che gli occhi non siano infossati (indice che il pesce è già vecchio di qualche giorno); va consumato preferibilmente in giornata, anche se è possibile conservarlo in frigo per massimo un paio di giorni.

Prima di essere cucinato, il pesce San Pietro va lavato, eviscerato, e all’occorrenza sfilettato, anche se cucinato intero risulta più gustoso. Se siamo in cerca di spunti, nel web si trovano tantissime ricette per la preparazione di questo pesce: all’acqua pazza, al forno con le patate, al cartoccio, al cognac, alla besciamella, e chi più ne ha più ne metta.

Il pesce San Pietro, essendo un pesce nutriente e saporito ma piuttosto leggero, si presta particolarmente a preparazioni ipocaloriche e piatti light, e viene spesso inserito in diete di vario genere.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO